BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Leghisti dal prefetto: “Profughi, un problema scaricato sui territori”

Un confronto di quattro lunghe ore per analizzare ogni singolo dato dell'operazione profughi in provincia di Bergamo e rassicurare i sindaci sull'impegno delle forze dell'ordine sul territorio. Il prefetto Francesca Ferrandino ha incontrato i primi cittadini della Lega Nord, che nei mesi scorsi avevano chiesto un faccia a faccia dopo le polemiche estive legate all'operazione mare nostrum. Il prefetto ha fornito tutte le spiegazioni e i dati ai sindaci, soddisfatti del chiarimento.

Più informazioni su

Un confronto di quattro lunghe ore per analizzare ogni singolo dato dell’operazione profughi in provincia di Bergamo e rassicurare i sindaci sull’impegno delle forze dell’ordine sul territorio. Il prefetto Francesca Ferrandino ha incontrato i primi cittadini della Lega Nord, che nei mesi scorsi avevano chiesto un faccia a faccia dopo le polemiche estive legate all’operazione mare nostrum. Il prefetto ha fornito tutte le spiegazioni e i dati ai sindaci, soddisfatti del chiarimento. “Abbiamo avuto la conferma che il governo scarica sulla prefettura e quindi sui territorio i problemi legati all’immigrazione – spiega Giovanni Malanchini, primo cittadino di Spirano e coordinatore dei sindaci leghisti, presente insieme a  Simona Pergreffi (Azzano San Paolo), Luca Serughetti(Bolgare), Stefano Locatelli (Chiuduno), Luciano Vescovi (Cividate al Piano), Andrea Previtali (Cisano Bergamasco), Michele Jacobelli (Palazzago), Fabrizio Sala (Telgate), Corrado Centurelli (Terno d’Isola), Ezio Riva (vice-sindaco Stezzano), Matteo Bertoletti (vice-sindaco Bianzano) -. La prefettura di Bergamo ha garantito una corretta operatività. Noi abbiamo sempre puntato il dito e lo punteremo ancora contro il governo. Prepareremo una relazione in cui manifesteremo tutte le nostre preoccupazioni e quelle dei cittadini”.

Si è parlato anche di sicurezza, in un periodo in cui i furti delle case si contano a decine in ogni Comune della provincia. “Abbiamo proposto di organizzare tavoli tecnici istituzionali, insieme alle forze dell’ordine, in tutte le zone della provincia. Il prefetto ha apprezzato l’idea”. Ultima nota di colore. “Devo dire – continua Malanchini – che Francesca Ferrandino ha dimostrato grande ironia: ci ha accolto con una bellissima giacca verde, mentre il vice prefetto Adriano Coretti ha sfoggiato una cravatta verde. Con i sindaci della Lega era il minimo”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Vanessa

    Bhe sessa e amministratori di Torre Boldone e’ da mesi che si recano invano ripetutamente in Prefettura x questi motivi: francamente non siamo soddisfatti dalla risposta della Prefetto ..sembra una presa in giro .. Vabbe

  2. Scritto da Patrizio

    Smettetela di far credere che questo è il primo problema Italiano.
    Non voglio togliere da mangiare a nessuno. E’ facile prendersela con i deboli! Voi che avete salvato delinquenti e delinquentoni che hanno fatto i propri interessi alle nostre spalle. Votando leggi incivili: depenalizzazione del falso in bilancio, processi brevi che vuol dire prescrizioni per i colpevoli intanto la mafia politica si prende tutto….. Dio aiutaci, togli il veleno ai serpenti

  3. Scritto da a

    Quanti bei voti rende l’assessorato alla paura…

    1. Scritto da Andrea

      Vero, la paura di renzi però.
      E dello sfacelo senza fine in cui ci sta trascinando… ma tanto tra poco ci sono le Olimpiadi!!

  4. Scritto da Giovanni Malanchini

    La richiesta di incontro è stata inoltrata il 1 settembre da 40 sindaci. Ieri, dal Prefetto, c’era una delegazione. Da settembre a ieri il Prefetto ha ricevuto sindaci di altri partiti su richiesta: semmai va sottolineato il ritardo con il quale l’incontro è stato “concesso” ai leghisti. Il tema specifico era Mare Nostrum. Chiunque poteva sottoscriverla: evidentemente tale problema sta a cuore solo ai sindaci della Lega.

    1. Scritto da Vasco

      Sig. Malanchini volevo chiederLe se alla riunione svoltosi in Prefettura doveva partecipare anche il Sindaco di Ponte San Pietro….???? La ringrazio anticipatamente per la Sua risposta.

      1. Scritto da Giovanni Malanchini

        Era nei 40 firmatari. Poi, per ragioni organizzative, è andata una delegazione di 11 sindaci.

      2. Scritto da Berghem

        Temo che accettassero solo Sindaci con la S maiuscola ;)

      3. Scritto da Giovanni Malanchini

        Valerio Baraldi era nei 40 sindaci che hanno sottoscritto la richiesta. Poi, per questioni di praticità, si è concordato col Prefetto di limitare l’incontro a 10 sindaci, che rappresentassero tutti.

  5. Scritto da Daniele

    Solo a me sembra ridicolo che il prefetto abbia buttato quattro preziose (e costose) ore di lavoro per fornire “spiegazioni” ai sindaci di un particolare partito? I comuni bergamaschi sono 244.. tutti i sindaci che non hanno partecipato all’incontro rappresentano comuni di serie b?

    1. Scritto da Miki

      NO! Ma ormai e’ l’unico argomento che porta voti quello migratorio. Sia ai favorevoli che ai contrari,beninteso. Il giorno in cui incontreranno il prefetto per parlare di autonomia & gestione autonoma del territorio credo cadro’ dalla sedia per la sorpresa.

    2. Scritto da AntonioB

      Era proibito partecipare agli altri sindaci ? O strumentalizzazioni politiche ?
      Se lo hanno chiesto alcuni sindaci leghisti è male, non per cosa chiedono, ma perché sono leghisti, questa è la filosofia.
      Comunque sia è emergenza piena di furti nelle abitazioni, anche nelle valli dove il fenomeno era minore, questo te lo confermo personalmente, tutti i sindaci di tutti i colori dovrebbero mobilitarsi

    3. Scritto da La verità fa male

      Caro “san Daniele”, il prefetto butta via ore costose e preziose per il semplice motivo che la Prefettura stessa è un ente inutile e centralista da monarchia Savoia e da Ventennio che dovrebbe essere abolito. Detto questo il prefetto può anche incontrare singoli sindaci su singoli problemi, non è obbligato tutte le volte a maxi riunioni con 244 partecipanti

      1. Scritto da Andrea

        Premesso che le prefetture sono di origine napoleonica, io auspico l’abolizione dell’autonomia locale, buona solo a produrre clientele e corruzione, in favore del ripristino delle giunte prefettizie in luogo di regioni e provincie, enti inutili. Viva il centralismo amministrativo alla francese!

        1. Scritto da La verità fa male

          Il centralismo “alla francese” in Italia non esiste e non esisterà MAI: in Francia i dirigenti pubblici sono formati e selezionati dalla severa Scuola Nazionale della Pubblica Amministrazione, in Italia i dirigenti pubblici strapagati (prefetti compresi) sono scelti in base alle simpatie politiche del partito al governo in quel momento. E qui in Italia lo Stato centrale è un covo di ladroni e di parassiti che mette tasse assurdamente elevate ma è sempre in bancarotta

    4. Scritto da Andrea

      Ah si? Ridicolo? Sai quante ore preziose (e GRATUITE) spendono i sindaci per fornire spiegazioni ai propri cittadini?
      Evidentemente i sindaci degli altri partiti non hanno bisogno di capire come mai ci troviamo in questa situazione, come mai subiamo decisioni tanto scellerate imposte dal governo,
      Forse a loro va bene così, basta che non si lamentino troppo.