BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A sostegno del territorio Banca Popolare di Bergamo e la sua Fondazione in campo

Banca Popolare di Bergamo e Fondazione Banca Popolare di Bergamo Onlus hanno voluto illustrare le attività a sostegno del territorio messe in atto nel corso dell’anno 2014.

Banca Popolare di Bergamo e Fondazione Banca Popolare di Bergamo Onlus hanno voluto illustrare le attività a sostegno del territorio messe in atto nel corso dell’anno 2014.

Si tratta di un numero ragguardevole di erogazioni liberali destinate agli ambiti del sociale, dell’assistenza, della solidarietà, della cultura, dell’istruzione e della formazione oltre che, per quanto riguarda in particolare la Fondazione, ai più tradizionali interventi in favore del recupero e della valorizzazione di beni artistici e architettonici.

Dal 1991 buona parte di questi interventi sono stati trasmessi alla Fondazione, costituita proprio per rendere maggiormente incisivo quel radicamento e dialogo con il territorio e con il tessuto sociale e civile, principalmente orobico, votato per tradizione ad una generosità concreta e fattiva.

“Nei suoi 145 anni di vita – afferma Giorgio Frigeri Presidente di Banca Popolare di Bergamo – Banca Popolare di Bergamo non ha mai disgiunto il proprio impegno imprenditoriale da una forte e convinta attenzione al contesto sociale e culturale del territorio in cui opera, senza lesinare le risorse per promuovere iniziative culturali e sociali e per concorrere alla crescita ed allo sviluppo della società. I verbali del Consiglio di Amministrazione documentano difatti che sin dagli ultimi decenni dell’Ottocento, l’allora Banca Mutua Popolare di Bergamo non risparmiò risorse per promuovere iniziative culturali e sociali nella convinzione che la cultura costituisse il collante della nuova Nazione ed il volano indispensabile per la crescita e l’armonico sviluppo della società. Lo Statuto di Banca Popolare di Bergamo all’art. 33 prevede che sia costituito un accantonamento in misura massima del 2% dell’utile netto distribuibile da destinarsi ad iniziative ed istituzioni aventi scopi benefici, umanitari, sociali, culturali ed artistici, da erogarsi a cura del Consiglio di Amministrazione, con particolare riguardo ai territori di insediamento della Banca”.

“La nostra Fondazione ha, tra le priorità dei suoi obiettivi statutari, la creazione di una rete di interazioni e di collaborazioni con le diverse realtà pubbliche e private dei territori dove opera Banca Popolare di Bergamo – afferma Emilio Zanetti, Presidente di Fondazione Banca Popolare di Bergamo Onlus – con particolare riferimento alla nostra Regione: tutto ciò che può restituire al territorio una forte ed eccezionale valenza culturale e antropologica del patrimonio connaturato all’identità locale non potrà che renderci fieri e sempre più convinti di muoverci nella giusta direzione”.

“Nel quotidiano modo di fare ed essere Banca per bene – conclude Osvaldo Ranica, Direttore Generale di Banca Popolare di Bergamo – risulta di fondamentale importanza saper cogliere e valutare le istanze di collaborazione e di sostegno che provengono dal territorio. La comunanza d’intenti e la condivisione di finalità tra Banca Popolare di Bergamo e Fondazione Banca Popolare di Bergamo Onlus che, pur nella assoluta indipendenza reciproca, rappresentano un punto di riferimento per tutte quelle realtà che operano nel territorio e che possono così fare affidamento su un sostegno concreto e tangibile: le due realtà infatti nel 2014 hanno erogato ed impegnato liberalità per un ammontare complessivo che supera euro 4.500.000,00, ben oltre il 2% dell’utile prodotto previsto dallo Statuto Sociale per sostenere concretamente il delicato momento che stanno vivendo le nostre comunità. “Insieme a favore del territorio” appunto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.