BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rossi ai dipendenti: “Quello che sta succedendo è insensato e vergognoso”

Un saluto senza il sorriso sulle labbra, con l'amara consapevolezza di un futuro incerto. Il presidente della Provincia Matteo Rossi ha incontrato i dipendenti per rivolgere gli auguri di Natale. “Gli ultimi – sussurrano alcuni con amarezza -, almeno ha avuto il coraggio di guardarci in faccia”. Mancano pochi giorni infatti a quel 1 gennaio da cui, secondo il governo, metà dei lavoratori di via Tasso dovrebbero passare alla Regione o ai Comuni.

Più informazioni su

Un saluto senza il sorriso sulle labbra, con l’amara consapevolezza di un futuro incerto. Il presidente della Provincia Matteo Rossi ha incontrato i dipendenti per rivolgere gli auguri di Natale. “Gli ultimi – sussurrano alcuni con amarezza -, almeno ha avuto il coraggio di guardarci in faccia”. Mancano pochi giorni infatti a quel 1 gennaio da cui, secondo il governo, metà dei lavoratori di via Tasso dovrebbero passare alla Regione o ai Comuni. Nelle prossime ore il Senato discuterà l’emendamento presentato dall’esecutivo alla legge di stabilità. “Non siamo qui per dirci che va tutto bene – ha detto Rossi -. Voglio dirvi che ho apprezzato ogni giorno li lavoro che fate. Il 99% delle cose che siamo riusciti a fare di positivo è merito vostro. Sono orgoglioso dei dipendenti di questo ente. E’ un periodo complicato per tutti. Quello che sta succedendo alle Province e insensato, ingiusto è vergognoso. Qualcuno ha raccontato alla gente la bugia che qui ci sono i fannulloni, gli sprechi, che non cambia nulla se non c’è più la Provincia. C’è molta amarezza, ma sono convinto che queste battaglie sono giuste e doverose. Possiamo vincere o perdere. Non è ancora finita questa battaglia. Abbiamo detto la verità, mettiamo in campo l’unica cosa che nessuno può discutere: la grande dignità dei lavoratori di questo ente”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da MAURIZIO

    5. Non sono inutili i dirigenti pubblici che guadagnano il giusto e svolgono una mansione utile alla gente. Sono inutili, dannosi e vigliacchi quelli che vogliono stipendio pubblico e libera professione privata, che vogliono essere illicenziabili e che pretendono di guadagnare come un dirigente privato senza produrre un euro di fatturato 5. Non sono inutili gli accordi tra istituzioni e privati. Sono inutili e dannosi gli sporchi giochi di potere che in Italia regolano questi rapporti.

  2. Scritto da MAURIZIO

    1. Non sono fannulloni tutti i dipendenti. E’ fannullone il sistema nel quale lavorano e al quale non si sono mai ribellati per paura e per convenienza 2. Non sono inutili i servizi. Sono inutili e dannose le modalità burocratiche con cui vengono gestiti con il consenso di quasi tutti dipendenti 3. Non sono inutili i dipendenti, ma quasi tutti i dirigenti con retribuzioni elevate 4. Sono squallidi i concorsi e gli appalti truccati a norma di legge a cui nessun dipendente osa ribellarsi.

  3. Scritto da Carlo Pezzotta

    Premesso che ogni sciopero non solo è legittimo, ma sopratutto quando è in pericolo il posto di lavoro è indispensabile, vorrei sapere dov’erano appena ieri questi dipendenti che sentivano il fiato della disoccupazione, sul collo. E’ la medesima domanda che mi pongo, quando nel ’94 è iniziata la riforma delle pensioni che ha provocato la + grande disoccupazione giovanile del dopoguerra e anche durante il governo Monti con la famigerata legge Fornero, dove era il sindacato?

    1. Scritto da La verità fa male

      I dipendenti della Provincia (quelli che riparano le strade e le scuole) sono vittime di questa riforma sciagurata. Qui si taglia “tutto il baraccone” senza fare distinzione tra il semplice operaio che comunque è indispensabile e i dirigenti strapagati e nella maggior parte dei casi raccomandati e incapaci. Sulla riforma Fornero ho firmato il referendum leghista per la sua abolizione e se la Corte Costituzionale di regime non fa porcate e lo fa votare, aboliremo quella legge assurda

  4. Scritto da Roberto

    L’idea che i lavoratori pubblici siano dei mangiapane a tradimento l’hanno diffusa ad arte per due motivi.
    Liquidare il pubblico a vantaggio dei privati che sui servizi pubblici vogliono lucrare.
    Contrapporre lavoratori del privato e autonomi con i lavoratori pubblici, secondo il noto principio dividi e impera.
    Chi abbocca dimostra solo di non avere cervello o di essere di fatto colluso e agente di coloro che dalla morte del pubblico sperano di guadagnarci personalmente molto.

    1. Scritto da Arturo

      Scusa è falso che nessun dipendente pubblico viene licenziato?È falso che fanno 6 ore al giorno?È falso che il dipendente pubblico fa la spesa in orario di lavoro?È falso che i lavoratori del privato vengono licenziati senza problemi mentre i sindacati difendono solo i pubblici?Sono falsi i mega stipendi dei dirigenti pubblici,segretari comunali,dipendenti di camera,senato,quirinale,corti varie,palazzo chigi,prefetti,ecc, e relative pensioni d’oro?

      1. Scritto da cocchi

        E’ falso che nessun pubblico dipendente viene licenziato (in Italia qualche centinaio all’anno, in Bergamo almeno uno o due l’anno scorso) E’ falso che fanno 6 ore al giorno perché ne devono fare 36 alla settimana (é almeno vent’anni che non esiste il 6×6 quindi fanno convenzionalente 7.12 x 5 giorni) E’ falso che fa la spesa durante l’orario di lavoro (mica lavora nell’edilizia oppure nei metalmeccanici che hanno mezz’ora di mensa durante l’orario di lavoro)

        1. Scritto da tirry

          Hai ragione, non sono 6 ore al giorno. Sono, comunque 36 alla settimana, contro le 40 degli altri lavoratori privati. 4 ore in meno alla settinama sai quante ore sono in meno all’anno? E quante in meno in una vita lavorativa?.

      2. Scritto da cocchi

        E’ falso che nessun pubblico dipendente viene licenziato (in Italia qualche centinaio all’anno, in Bergamo almeno uno o due l’anno scorso) E’ falso che fanno 6 ore al giorno perché ne devono fare 36 alla settimana (é almeno vent’anni che non esiste il 6×6 quindi fanno convenzionalente 7.12 x 5 giorni) E’ falso che fa la spesa durante l’orario di lavoro (mica lavora nell’edilizia oppure nei metalmeccanici che hanno mezz’ora di mensa durante l’orario di lavoro)

      3. Scritto da BASTA

        messe così si, sono falsità.E denigrazioni. I mega stipendi dei dirigenti pubblici, per dire sono “di alcuni”, non “DEI” dirigenti pubblici. La sottile differenza. E’ la solita generalizzazione. La stessa che recita che i commercianti sono ladri e gli artigiani evadono alla grande. …

  5. Scritto da giovanna

    Il PD è un partito di dissociati. A Roma Renzi e Derio aboliscono le provincie e mandano a casa i lavoratori, a Bergamo Rossi se ne duole e alza il pugno incitando alla lotta. Un partito di schizzofrenici , incapaci di proporre soluzioni e in preda a populismi contrapposti.. Alla fine i lavoratori e i cittadini rimarranno vittime della vulgata che vuole i dipendenti pubblici tutti inetti e lazzaroni, idea che il renzismo ha alimentato. Quindi si butterà il bambino con l’acqua sporca.

  6. Scritto da Corrado

    Si aboloscono le Provincie, ma il vero spreco è negli Enti o Società partcipate, quelle però non si toccano, perchè Presidenti e Consigli di Amministrazione servono per foraggiare i politici.
    Senza pensare alle Regioni a statuto speciale, in particolere quella della Sicilia, che, visto l’andazzo, dovrebbe essere la prima Regione ad essere abolità.
    Chi sostituirà la Provincia, anche solo per….chiudere le buche delle strade extra comunali?

  7. Scritto da andrea

    gli stipendi da favola? ma che film vedete? la maggior parte di voi non sa di che parla. un funzionario con 15 anni di esperienza guadagna 1.300 euro.. stipendio da favola insomma.. e comunque, chiunque fra voi, se interessato alle garanzie che il posto pubblico dava, avrebbe potuto fare il dipendente pubblico.. certo vincendo un concorso.. cosa che forse però non tutti hanno saputo o voluto fare. il problema è cambiare le regole del gioco a gioco in corso.

    1. Scritto da Forza Troika

      … vincendo un concorso …
      naturalmente nessuno sa come si vincono I concorsi pubblici in Italia.
      I dipendenti pubblici vanno dimezzati, a quelli che rimangono gli si lascia il 70% di stipendio. E poi si fa una bella indagine patrimoniale su tutti. E si vede se con lo stipendio ufficiale potevano garantirsi la casa per se, per I figli, le ristrutturazioni e tutto il resto. Chi è a posto ok. Agli altri l’eccesso viene sequestrate e messo in fondo per abbattimento debito pubblico.

  8. Scritto da assurdo

    uno dei piu’ grandi sprechi d’italia, ovvero dipendenti pubblici con posto garantito e stipendio sproporzionato, non verra’ toccato in quanto bacino elettorale sempre piu’ “pesante” visto l’aumento a dismisura di chi non va a votare. In Spagna con l’avvento della crisi enti pubblici e regioni hanno “LICENZIATO” oltre il 30% dei loro dipendenti (compresi dirigenti). Qui piangono cinese se solo gli chiedono di spostarsi in altro ente. Cosa dovrebbero fare esodati e disoccupati?!? Uccidersi?!?

  9. Scritto da A.Z. BG

    Basta coi dipendenti pubblici.non sono delle vittime,sono dei privilegiati!Nessuno li può licenziare,al massimo li spostano dall’ufficio.Hanno lo stipendio garantito anche se non fanno nulla di utile poi hanno votato Renzi,cosa vogliono?In altre regioni continuano ad assumere(Sicilia docet)e il pd di Rossi sta zitto,perchè il presidente è suo,mentre Renzi non ci da i soldi per riparare le strade!Vergognoso,da noi i soldi conitnua volerli senza niente in cambio!È ora di ribellarsi!

  10. Scritto da Luigi

    Ehhhh come la mettete giù dura per andare in un altro ufficio a fare ancora il dipendente pubblico….. che fèta!!! Li abbiamo ancora sul groppone noi!

    1. Scritto da dark

      Noi chi? Tutti pagano le tasse? Forse un po’ meno qualunquismo e sarcasmo sarebbe utile. Utile a tutti quelli che vorrebbero un servizio pubblico come dovrebbe essere, senza corporativismo o demonizzazione. Come nel privato c’è persona e persona, c’è azienda e azienda.

  11. Scritto da roberto

    Dopo questo toccante discorso e’ quantomeno lecito aspettarsi che il Presidente della provincia per coerenza e un minimo di onestà intellettuale esca dal PD.

  12. Scritto da dubbioso

    “Qualcuno ha raccontato alla gente la bugia che qui ci sono gli sprechi” …presidente, come chiama lei i caloriferi accesi a dicembre a temperature elevatissime e contemporaneamente le finestre degli uffici spalancate perchè fa troppo caldo?

  13. Scritto da il polemico

    e mentre i dipendenti della provincia vedono un futuro nero,la regione sicilia si è permessa di assumere 22 persone con la mansione di portalettere nel palazzo regionale…e quando si accorge di non avere risorse per pagare i dirigenti che ammontanto a più di tutti i dipendenti della lombardia,bussano al governo che prontamente elergisce 430milioni di euro per coprire i buchi di bilancio,mentre i loro sostenitori se la prendono con i 220milioni in più dell’ospedale di bergamo…

    1. Scritto da plinio

      numeri a caso..

  14. Scritto da Gianluigi

    I comuni non possono assorbire personale altrui visto i tagli ed i bilanci che non lo consentono, se li assumesse Renzi al ministero……..P.S. sono un Vicesindaco….

  15. Scritto da Marino

    Accidenti, raccontata così sembra la scena di un funerale, invece andranno a fare i dipendenti pubblici da un’altra parte. Di questi tempi non è poi una scena tanto pietosa, in confronto a tutti quelli che nel privato hanno perso il posto di lavoro e il reddito.

  16. Scritto da Rota Bruno

    non importa se le buche non sono riparate! non importa se le scuole cadono a pezzi ! non importa tutte le altre manchevolezze delle province! vi prego non toccate il posto fisso del pubblico impiego ! come farò senza voi? beh vedrò di farmene una ragione !

  17. Scritto da pierluigi

    Il sig.rossi lo sa che è stato il suo partito e relativo segretario,nonchè capo del governo,a voler abolire le provincie in questo modo demenziale?Era su Marte intanto che il pres. precedente denunciava queste cose?Eppure fa la vergine fingendo di essere con i lavoratori dopo aver sostenuto il governo.I lavoratori hanno votato per il 40% renzi,quindi…

  18. Scritto da c

    Purtroppo i dipendenti pubblici in Italia sono troppi, ora pagano le province ma il vero problema non si risolve, arriveranno per tutti non solo per voi periodi peggiori.

    1. Scritto da Rossella

      I dipendenti pubblici in Italia sono troppi? La cosa è falsa in Italia ci sono 12 dipendenti pubblici per 1000 abitanti, in Germania 19 e in Olanda 22. Si sparano cavolate che nessuno contesta nel merito perché è stata passare l’idea che quella è la verità. L’interpretazione ideologica neoliberista si diffonde addirittura contraddicendo la realtà.