BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Classifica Euromobility Bergamo sesta in Italia per mobilità sostenibile

Nell'ottavo rapporto di Euromobility sulla mobilità sostenibile nelle principali 50 città italiane Bergamo si piazza al sesto posto dopo Bologna, Parma, Milano, Venezia e Brescia. La nostra città quarta per offerta di trasporto pubblico, terza per parcheggi di interscambio, seconda per Ztl.

Più informazioni su

Bergamo si piazza al sesto posto in Italia per mobilità sostenibile, spiccando per offerta di trasporto pubblico, parcheggi di interscambio e zone a traffico limitato: è quanto emerge dall’ottavo rapporto “Mobilità sostenibile in Italia: indagine sulle principali 50 città” elaborato da Euromobility con il patrocinio del Ministero edll’Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare.

A conquistare il titolo di città più “eco-mobile” d’Italia è Bologna che vince sono solo per una buona dotazione di parcheggi a pagamento e di scambio, per il basso indice di incidentalità sulle strade e la dotazione di corsie ciclabili, ma anche per una elevata domanda soddisfatta dal trasporto pubblico e per il servizio di car sharing, nonché per le attività del mobility manager di Area.

Sul podio anche quest’anno tutte città del nord, con il secondo posto a Parma e il terzo a Milano; poco sotto Venezia al quarto posto e Brescia al quinto. Nella "top ten" si confermano anche Bergamo al sesto posto e Firenze al settimo, mentre Roma è soltanto al ventiquattresimo posto. Chiudono la “top ten” Padova all’ottavo posto, Torino al nono e Genova al decimo. In fondo alla classifica della mobilità sostenibile Siracusa, Reggio Calabria e Potenza.

Sempre ricca di indicatori questa ottava edizione che tiene conto delle innovazioni introdotte (car sharing, bike sharing, mobility manager), della presenza di auto di nuova generazione o alimentate a combustibili a più basso impatto (gpl, metano, ibride, elettriche), dell’offerta e dell’uso del trasporto pubblico, delle corsie ciclabili, delle zone a traffico limitato e di quelle pedonali. Ma anche dei dati sui parcheggi di scambio e a pagamento, di quelli sulla sicurezza e sulle flotte di veicoli comunali, nonché delle iniziative di promozione e comunicazione a favore della mobilità sostenibile. Quest’anno per elaborare la classifica si è anche tenuto conto, oltre che dei valori assoluti degli indicatori, anche dei miglioramenti registrati nell’ultimo anno. Le 50 città monitorate sono tutti i capoluoghi di Regione, i due capoluoghi delle Province autonome e le città con una popolazione superiore ai 100.000 abitanti.

Scendendo nel dettaglio degli indicatori, Bergamo scalza Torino dalla quarta posizione per maggiore offerta di trasporto pubblico locale e si piazza sul gradino più basso del podio per dotazione di parcheggi di scambio, con 57 posti ogni mille autovetture circolanti. Bergamo è terza anche tra le città con la minore estensione di area pedonale per abitante dopo Catanzaro e Novara mentre per maggiore estensione delle Zone a Traffico Limitato è seconda dopo Terni, con 44,17 metri quadri per abitante.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.