BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Incompatibile, Pusceddu si dimette da presidente dell’assemblea Pd

Dino Pusceddu si è dimesso da presidente dell'assemblea cittadina del Partito democratico. La nomina è stata giudicata incompatibile con il lavoro di sindacalista della Cgil. “Abbiamo ricevuto in data odierna le motivate dimissioni di Dino Pusceddu da presidente dell’Assemblea cittadina del Pd di Bergamo – si legge nella sintetica comunicazione inviata dal segretario provinciale Gabriele Riva e dal neo segretario cittadino Federico Pedersoli

Più informazioni su

Dino Pusceddu si è dimesso da presidente dell’assemblea cittadina del Partito democratico. La nomina è stata giudicata incompatibile con il lavoro di sindacalista della Cgil (leggi qui). “Abbiamo ricevuto in data odierna le motivate dimissioni di Dino Pusceddu da presidente dell’Assemblea cittadina del Pd di Bergamo – si legge nella sintetica comunicazione inviata dal segretario provinciale Gabriele Riva e dal neo segretario cittadino Federico Pedersoli -. Nel pieno rispetto del principio di autonomia tra partito e sindacato, ne prendiamo atto con rammarico, confermando a Dino stima e fiducia per la sua onestà e il suo rigore, certi che non verrà meno il suo impegno di militante”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da A LAVORARE

    Ma uno quando si candida a un’elezione, non si premura di verificare se può farlo? E il rispetto per chi vota?
    Quanta superficialità nei nostri politici! Quanto pressapochismo nei nostri sindacalisti!

  2. Scritto da paciana

    Ora quindi si deve dimettere anche da segretario del circolo PD e da componente della direzione provinciale PD. CGIL? Ci sei?

  3. Scritto da pippo

    e da qui dovrebbero uscire gli amministratori pubblici. siamo fritti !

  4. Scritto da Zanzara

    Ha preferito lo stipendio di “funzionario” alla Presidenza volontaria. Sceneggiate, lo sapeva benissimo che vige una norma sindacale che non ammette cariche politiche unite a cariche sindacali.

  5. Scritto da federico

    Onestà e rigore? Ma dai volete dire che non lo sapeva di essere incompatibile? Guardate che la toppa è peggio dello strappo, siete ridicoli. Nel 2015 mi cercherò un altro partito, questo ormai sa di cadavere.

    1. Scritto da Nostradamus

      …soppravviveranno a Pusceddu si figuri al suo non voto…buona ricerca e stia sereno

      1. Scritto da Federico

        Non solo il voto, anche la tessera non faro più. Ne ho piena l’anima di gente così e non sono il solo e secondo me sono loro che non dovrebbero stare sereni più di tanto.