BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta, senti Taarabt “Mi taglio l’ingaggio pur di tornare in Italia”

Il talento franco-marocchino in questa prima parte di stagione ha visto il campo col binocolo. L'Atalanta, secondo l'esperto di mercato Gianluca Di Marzio, sarebbe sulle sue tracce e lui non si nasconde: "Ho solo voglia di giocare a calcio".

Più informazioni su

Fantasia, potenza, qualità. E concretezza. Adel Taarabt è stanco dell’Inghilterra, è stanco del Qpr, è stanco di guardare le partite dalla tribuna. E sogna di tornare in Italia, in quella che nella seconda metà della passata stagione è stata la sua casa. E’ stato Adriano Galliani, negli ultimi giorni del mercato di gennaio, a volerlo a Milano per piazzarlo sulla trequarti di un Milan che faticava a spiccare il volo. Il tecnico Seedorf se n’è subito innamorato e gran parte del pubblico milanista ancora oggi rimpiange il suo estro.

Eppure oggi Taarabt è un giocatore quasi dimenticato: al Qpr si allena ma non viene mai convocato (solo 2 apparizioni in questi primi 6 mesi) e l’Atalanta, secondo l’espero di mercato Gianluca Di Marzio, starebbe pensando a lui per rilanciare l’attacco nerazzurro. Il valore del suo cartellino, complice la quasi completa inattività di questa prima parte di stagione e il contratto in scadenza tra un anno e mezzo, non vale più di 3 milioni di euro, una cifra sicuramente abbordabile anche per le casse bergamasche. Il suo stipendio si aggira attorno ai 2,5 milioni di euro ma lui non ne fa un problema: "Sarei pronto a guadagnare di meno pur di tornare in Italia – ha dichiarato sulle colonne de La Gazzetta dello Sport -. Sogno il Milan, credo di aver dimostrato di poter stare in una grande squadra, ma gradirei qualsiasi soluzione pur di tornare a giorcare a calcio".

Insomma, a Bergamo sembra che qualcuno ci stia facendo qualcosa più di un semplice pensierino, soprattutto se Maxi Moralez dovesse tornare in Argentina, attirato come non mai dalle sirene del Racing Avellaneda di Diego Milito. A confermare l’interesse verso il numero 11 atalantino è stato Victor Blanco, patron del club fresco vincitore del campionato argentino: "Maxi è uno dei nostri primi obiettivi – ha dichiarato a Radio America & Closs -, se ci sarà la possibilità lo proveremo a prendere".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luigi

    Questo giocava nel Milan, davvero vogliono darci a bere che verrebbe all’atalanta? E come scrive gia’ qualcuno, ci sono altri problemi da arginare nella formazione attuale

  2. Scritto da ci credi

    si, come no. Uno che guadagna 2 milioni e mezzo di ingaggio annui viene a Bergamo…

  3. Scritto da gigi

    fa sorridere che “il talento franco marocchino vede il campo col binocolo “, considerando che milita nel QPR, non certo nel Manchester, Liverpool o Arsenal, doce la panchina avrebbe piu’ senso.

  4. Scritto da veronika

    Io punto tutto sul Papu Gomez. Una buona preparazione invernale, 3 partite da titolare, e il crack giusto ce l’abbiamo già in casa. Portare qui un buon giocatore sovrappeso e con un carattere fumantino non mi pare una scelta lungimirante.
    Piuttosto sostituirei Denis, Cigarini e Bianchi (totale di 2,5 mln di ingaggi netti) con Pazzini, Lodi e Rosseti.