BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Centro cittadino chiuso prima di Natale: è assurdo Noi raccogliamo le firme”

I commercianti cittadini se la prendono con l'amministrazione di Gori colpevole, a loro dire, di aver chiuso il traffico nel centro di Bergamo proprio nel penultimo weekend prima delle festività. Il segretario di Rete Impresa Bergamo: "Non possiamo continuare così".

Più informazioni su

Non si placano le polemiche su quella che è stata ribattezzata la "Ztl natalizia" che prevede la chiusura al traffico su viale Roma nei weekend precedenti alle festività natalizie. Una scelta, quell’amministrazione Gori, che è piaciuta gran poco ai commercianti cittadini, sul piede di guerra per far sì che il prossimo fine settimana l’iniziativa sia sospesa: "Abbiamo aperto una raccolta firme che verrà estesa a tutte le attività del centro – ha spiegato Gigi Parma, titolare di un pub in via Tiraboschi e segretario di Rete Impresa Bergamo -. La situazione ormai è diventata inaccettabile: tra inizietive in centro, bancarelle e blocchi del traffico i commercianti del centro di Bergamo non riescono ad arrivare a fine mese. Gli incassi diminuiscono ma gli stipendi sono da versare ai dipendenti, qualcuno non tiene conto di queste che per noi non sono delle piccolezze, anzi".

Secondo Gigi Parma "queste scelte sono deleterie per le attività del centro di Bergamo che già stanno pagando di tasca propria la crisi di questi anni. Diciamolo chiaramente – ha continuato il segretario di Rete Impresa Bergamo -, qua va ripensato il tutto, certi provvedimenti non si possono prendere così, in un periodo così importante dell’anno per noi commercianti. L’ultimo weekend è stato letteralmente disastroso e a trarre vantaggio da tutto questo sono stati i centri commerciali, pieni come non mai in quei due giorni: perché non si pensa mai a noi piccoli imprenditori? Se falliamo in queste settimane in cui la gente spende, quando possiamo rifarci?".

La Ztl natalizia ha animato anche l’ultimo consiglio comunale di Bergamo. Intanto, come annunciato dal segretario di Rete Impresa Bergamo, anche i commercianti hanno iniziato a muoversi e nei prossimi giorni presenteranno a Palazzo Frizzoni le firme che cercheranno di far cambiare idea all’assessore alla Mobilità Stefano Zenoni. Perché "quella Ztl non s’ha da fare".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Commerciante

    Che dire, chiuderemo l’attività e apriremo altrove. Vedrete che bello il centro senza negozi. Fortuna vuole che ci sono ancora paesi dove i commercianti vengono ascoltati e chiamati in causa, vedi domenica i vari paesi che hanno chiuso al traffico ma con iniziative varie.

  2. Scritto da pippi

    Dai “centro chiuso”… 200 metri di viale chiusi per qualche ora alla domenica e sembra il finimondo.
    Bello trovare una scusa pronta. Facciamo così: via i dehors, via i marciapiedi, solo posti auto per aiutare il commercio. La città che tutti sogniamo. E si continua a non capire quanto il commercio possa rinascere dalla pedonalizzazione. Certo, serve la volontà di pensare al futuro. Altro che raccolta firme.

  3. Scritto da Roberta

    Pienamente d’accordo col sig. Parma. Da proprietaria di un negozio in centro posso confermare che iniziative tipo “bancarella della salsiccia” e chiusura pedonale sono solo dannosi per noi negozianti. Già i clienti hanno meno capacità di spesa, se poi li ostacoliamo in tutti i modi… Come non bastasse, appena si parcheggia arriva una truppa di vigili pronti a far multe a tutto spiano !

  4. Scritto da Giorgio

    Ma davvero chiudono il centro ?!? Come faccio a parcheggiare la mia nuova Ferrari fuori dal Balzer ?… Non si può neanche bere un po’ di champagne in santa pace … Sono indignato !

  5. Scritto da chiara

    Non è possibile, in tutte le città Europee si cerca di rendere più vivibili i centri e si chiudono i centri alle macchine , a Bergamo si fa il contrario , si preferisce stare in macchina in coda e respirare smog , in questa città è impossibile fare qualcosa di intelligente, addirittura la raccolta di firme. Ma che vergogna!

  6. Scritto da Alex

    Io non capisco che cosa puo’ comportare ad un negoziante del centro se la persona non puo’ transitare in auto davanti alla propria vetrina…tanto non parcheggerebbe comunque li. Dovrebbe andare al parcheggio a pagamento e poi camminare fino alla sua vetrina.
    Diverso se una volta arrivato li, non trova conveniente o affascinante cio’ che viene venduto, ma cio’ prescinde da cosa transita davanti alla vetrina.
    Detta tutta, io, come molti altri, cammino volentieri dove non ci sono le auto!

  7. Scritto da sepp

    il centro (anzi i due centri) vanno chiusi e basta. Non a Natale o Pasqua ma SEMPRE (come in TUTTE le città civili d´Europa e del mondo). Se ai Bergamaschi non piace l´idea di camminare, se ne stiano a casa o se ne vadano altrove. Liberissimi di farlo.

    1. Scritto da andrea

      Concordo pienamente. Come ho già scritto, a Treviglio ztl da oltre 30 anni con commercianti all’inizio perplessi poi felici della (tanta) gente che si reca in centro. Quando Bergamo enterà nel terzo millenio?

  8. Scritto da Lucia locatelli

    Sono d’accordo sulla pedonalizzazione del centro. Sono provvedimento innovativi che, come tutte le novità, scontentano molti nel breve termine, ma che nel lungo periodo hanno dimostrato di accrescere la qualità urbana delle zone, di accrescere il numero di visitatori e di consumatori, di migliorare la vivibilità e il benessere collettivo, quindi faccio i complimenti per la scelta fatta. Dovrebbero estendere l’area e confermare il provvedimento per tutto l’anno. cordiali saluti. L.L.

  9. Scritto da Andrea

    Bergamo sta cambiando passo. Wow.
    Avanti così, continuate a cercare l’area per la moschea: magari si farà una bella festa in piazza per il ramadan (senza ztl per non urtare la sensibilità degli utenti)
    Pena e tristezza… altro che Tentorio/Mortorio.

    1. Scritto da Gaulois

      Andrea, si mangi una bella fetta di panettone e Buon Natale altro che pena/tristezza

    2. Scritto da Giggi

      Che populismo (se sa cosa significa)!! Cosa centrano le moschee?

      1. Scritto da Andrea

        Niente, le moschee con Bergamo non c’entrano niente.
        Lo dica anche a Gori.

  10. Scritto da stefanorossi

    Mi piacerebbe sapere a cosa serve la ztl natalizia!! Forse per avere meno caos in centro??I residenti ringraziano .i commercianti un po’ meno! Ma del resto a chi importa di questa italia che seppur poco e male lavora?aIlle nostre amministrazioni sicuramente poco!

  11. Scritto da piagnina

    E come mai le bancarelle funzionano? Non c’è il centro chiuso? Ma smettetela, fate ridere.

    1. Scritto da Commerciante

      1° coinvolgere i commercianti (il che significa chiamare a raccolta gli esercenti e trovare insieme le scelte più idonee per non penalizzare il commercio ma al contrario promuoverlo) Ovviamente non basta una riunione….bisogna dedicare tempo!!
      2° coinvolgere associazioni di categoria
      3° promuovere la zona chiusa con iniziative/bancarelle concordate con i commercianti e la cui scelta deve essere fatta in sinergia.
      Questo il metodo migliore per non penalizzare il territorio!!!

    2. Scritto da Commerciante

      Forse non le sono chiari alcuni passaggi (e forse nemmeno al Sindaco di Bergamo). Una chiusura fine a se stesse, diciamo viabilistica, di certo non possiamo considerarla un’azione di promozione dell’attrattività. La nuova Amministrazione ha agito a compartimenti stagni. Nei commenti precedenti qualcuno ha accennato alle iniziative fatte nella stessa giornata nell’Hinterland bergamasco. Qual’è il modo migliore per non penalizzare nessuno?……(continua)

      1. Scritto da cua de paja

        Signor Commerciante, penso vi sarete resi conto che il periodo di vacche grasse è finito. Gli stipendi, per i più fortunati sono fermi a 10 anni fa, i prezzi sono inesorabilmente aumentati, il potere di acquisto si è ridotto almeno del 30%, i CC hanno ridotto i possibili acquirenti. Vanno messe in campo tutte le strategie e non lamentarsi dopo aver fatto la chiusura di cassa. Mi spiace, ma non avete saputo sfruttare una buona accasione come la chiusura del traffico per attrarre gente.

  12. Scritto da pasqua

    Proporre la sperimentazione a Pasqua no? Proprio a Natale quando la gente fa acquisti. Che volpi!

  13. Scritto da cua de paja

    Ammettere che i commercianti “di paese” hanno battuto i commercoianti “di città” è così difficile? Lo scorso fine settimana nei paesi dell’interland vi sono statie iniziative commerciali, mercatini, occasioni di aggregazione ecc. senza contare la concorrenza dei soliti CC. I commercianti del centro cittadino pensavano di vivere di rendita? In questo periodo più che mai bisogna essere attrattivi.

  14. Scritto da Tuditanus

    Certa gente non se ne rende conto, ma strilla sempre e solo come un suo manifesto pubblicitario. E a loro bisogna dare la stessa attenzione che si da ai manifesti pubblicitari: tendente a zero. L’urbanistica é una faccenda troppo seria per lasciarla nelle mani di chi urla.

  15. Scritto da Napoleone

    La solita miopia! Non capiscono che la gente non c’era per il tempo e non per la ztl?