BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ztl natalizia, l’assessore: “La città era accessibile, poca gente per il freddo”

Divampano le polemiche in seguito alla chiusura di viale Roma, domenica 14 dicembre, prevista dal progetto di zona a traffico limitato natalizia varata dall'amministrazione Gori. La Lega Nord ha presentato un'interrogazione urgente per chiedere di sospendere lo stop al traffico del 21 dicembre, Stefano Benigni di Forza Italia si chiede chi rimborserà i commercianti dei danni.

Più informazioni su

Divampano le polemiche in seguito alla chiusura di viale Roma, domenica 14 dicembre, prevista dal progetto di zona a traffico limitato natalizia varata dall’amministrazione Gori. La Lega Nord ha presentato un’interrogazione urgente per chiedere di sospendere lo stop al traffico del 21 dicembre, Stefano Benigni di Forza Italia si chiede chi rimborserà i commercianti dei danni. L’assessore alla Mobilità Stefano Zenoni risponde alle critiche con un post sul suo blog. Difende la scelta fatta e auspica che ci sia più confronto con i commercianti.

Ecco l’intervento di Zenoni:

"La ZTL festiva natalizia nel centro di Bergamo ha fatto molto discutere. Inevitabile, credo, visto che ogni qual volta si parla di mobilità pare che si muovano le coscienze più profonde degli esseri umani. Il “centro chiuso” è stato additato settimana scorsa come la causa della congestione del traffico. Questa settimana invece lo stesso provvedimento è la causa del calo di persone. Ho come l’impressione che serva sempre un capro espiatorio per spiegare i mali del nostro tempo. Per altro, facile dire “centro chiuso”. Abbiamo deciso di chiudere 200 metri di strada. Certo, non una strada qualunque, visto che si tratta di Viale Roma, ma pur sempre 200 metri di strada restano. Solo a Bergamo una chiusura di queste limitate dimensioni si trasforma in una rivoluzione. 

Tutta la città era infatti accessibile, tutti i parcheggi intorno al centro aperti e raggiungibili. Gli unici posti auto cancellati sono stati i 20 davanti al Comune. Si tratta, per altro, di una chiusura prevista proprio nel Piano Urbano del Traffico approvato dal centrodestra, laddove, a pag. 35 del documento si dice esplicitamente che tali chiusura serviranno per periodi particolari, tra cui quello natalizio. Fanno sorridere le vibranti proteste della Lega e di altri esponenti dell’opposizione, ovvero di coloro che hanno approvato il PUT in vigore. Se questa domenica hanno “vinto” i centri commerciali è solo perché la pioggia e 6° gradi centigradi non hanno determinato le condizioni ideali per passeggiare. Mi pare che l’effetto Ztl sia molto sopravvalutato (strumentalmente) da parte dei sui detrattori. In primis perché gente in giro c’era, come dimostrano alcune foto pubblicate sul web. Inoltre, una piccola ricognizione degli anni passati mi ha permesso di osservare che ogni anno il 9 dicembre i giornali segnalano il traffico impazzito per l’Immacolata (con relativo serpentone di auto e smog lungo il viale)  e ogni anno le altre domeniche di dicembre segnalano al contrario gli affari sotto tono. E’ un copione già visto, all’interno del quale la ZTL non è che una comparsa.

Una comparsa importante, però. Una comparsa che afferma la volontà di voler affrontare nei fatti, e non solo a parole, le sfide annunciate in campagna elettorale per una città meno automobilistica e più accogliente per pedoni e biciclette. Idee per migliorare? Tante. In primis, quella di ripartire dalle relazione con i commercianti. Sono forse i più delusi dalla ZTL. Accetto le loro critiche e non cancello l’auspicio che anche con loro si possano fare ragionamenti interessanti per il futuro. Inoltre, continuare sulla strada della comunicazione con i cittadini, migliorando l’indirizzamento ai parcheggi e segnalando l’interscambio con i mezzi pubblici.

Dispiaceri? Uno solo. Non è mio costume parlare di quello che scrive la stampa, la quale fa sempre il suo mestiere. Mi dispiace solo che alcuni articoli abbiano creato tutta questa aspettativa/agitazione intorno alle chiusure domenicali, un’agitazione che forse ha spaventato alcuni dei potenziali visitatori del centro. Capisco anche come i giornalisti si trovino in una situazione nuova, ovvero quella di valutare alcune scelte concrete dopo anni di parole su quanto sarebbe bello immaginare una città diversa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da stefanorossi

    Con questa risposta anno perso quel minimo di credibilita’ ma chi pensano ancora di prendere in giro??? E intanto i centri commerciali erano pinissimi!

  2. Scritto da mario

    Più che il freddo e il gelo diciamo pure che bergamo ha gran poco da offrire se non che parcheggi con costi assurdi, mercatino di natale ridicolo ( 20 bancarelle?) Facciamo 30..
    Costo tram per una famiglia di 4 perdone che vuole passare l’intero pomeriggio nel nulla + di 20 euro..
    Ma cosa volete?
    Nei centri commerciali c’è tutto e il parcheggio è gratuito

  3. Scritto da Aldo

    Questi politici vivono nella loro bolla dorata isolati dalla realtà. Non si sono accorti che, grazie alla tassazione assassina e alle continue trappole per gli automobilisti con ztl e parcheggi costosi e multe, stanno ammazzando la vacca dalla quale succhiano. Non ci sono soldi, assessore, non c’entra nulla il freddo. La gente è senza lavoro e senza soldi.

  4. Scritto da tex

    gentile bg new, nell’articolo raltivo all’ausiliario che si è preso un pugno in faccia da un cittadino mettete commenti ma non è possibile commentare………… volevo complimentarmi con il cittadino, ce ne vorrebbero di gente come te !!!

  5. Scritto da tex

    in effetti a dicembre la minima è sempre stata 20-24 gradi !!!
    Lasciamo che il centro città muoia e andiamo nei centri commerciali con comodi parcheggi e prezzi decisamente migliori

  6. Scritto da ivan

    in generale in città sono cresciuti quelli che usufruiscono dei mezzi pubblici per spostarsi il problema è chi viene dai paesi dell’hinterland che non sa dove sono i parcheggi di interscambio per raggiungere il centro cittadino

  7. Scritto da Marco

    Freddo??? Qualcuno faccia presente all’assessore che un 14 dicembre con queste miti medie climatiche non si registrava da circa 200 anni.

  8. Scritto da Magister

    Per il freddo? Non c’è una stupidaggine migliore? Per il periodo non è mai stato cosi caldo! Poi se fosse per il freddo è tonto due volte l’assessore, visto che notoriamente dicembre è freddo e che lui sa che avrebbe inciso negativamente, perchè ha fatto la ZTL a dicembre?

    1. Scritto da aris

      Che geni. Mai preso in considerazione che non ci sono soldi e la gente spende meno, quindi non ha bisogno di andare per negozi? Sinceramente meglio avere una città più vivibile che far fare affari ai negozianti, che quando guadagnanao mica distribuiscono i proventi ai cittadini. E’ giusto chiudere TUTTO il centro alle auto. Bisogna però incrementare i servizi poubblici e i parcheggi pubblici (che a BG non sono molti causa dabbenaggine varie amm.ni succedutesi)

    2. Scritto da giorrrgio

      perchè è giusto così per noi cittadini. gli avvocati dei bottegai se ne facciano una ragione. fossi l’assessore chiederei il tuo ip e ti denuncerei per offese.