BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Benigni (Forza Italia): “Ztl natalizia, chi ripaga i commercianti dei guadagni persi?”

Il Consigliere comunale di Bergamo di Forza Italia, Stefano Benigni, interviene sulla chiusura al traffico del centro cittadino di domenica 14 dicembre. “L’esperimento voluto dall’Assessore alla Mobilità Stefano Zenoni e dal Sindaco Giorgio Gori di chiudere al traffico il centro città la settimana antecedente l’inizio delle festività natalizie – commenta Stefano Benigni, Consigliere comunale di Bergamo eletto tra le fila di Forza Italia – è stato un palese fallimento".

Più informazioni su

Il Consigliere comunale di Bergamo di Forza Italia, Stefano Benigni, interviene sulla chiusura al traffico del centro cittadino di domenica 14 dicembre. “L’esperimento voluto dall’Assessore alla Mobilità Stefano Zenoni e dal Sindaco Giorgio Gori di chiudere al traffico il centro città la settimana antecedente l’inizio delle festività natalizie – commenta Stefano Benigni, Consigliere comunale di Bergamo eletto tra le fila di Forza Italia – è stato un palese fallimento: il risultato è stato un centro deserto e commercianti – giustamente – infuriati”.

“È innegabile che il brutto tempo sia stato complice di questa disfatta, ma l’intera responsabilità ricade sull’Amministrazione e sul pessimo tempismo dell’intera iniziativa. Trovo impensabile chiudere al traffico l’area commercialmente più vivace della nostra città a dieci giorni dal Natale, quando le persone sono più propense a frequentare il centro cittadino per lo shopping e per ammirare le decorazioni natalizie e le bancarelle. Non dimentichiamo inoltre che si tratta di un duplice fallimento: il giorno 8 dicembre, il blocco del traffico ha provocato ingorghi e code di diverse ore che hanno causato sconforto tra chi voleva godersi un tranquillo pomeriggio in centro città, ieri invece Via XX Settembre e il Sentierone, deserte e cupe, sembravano il set di un film dell’orrore. Nella giornata di ieri, visto il tempo inclemente, l’Amministrazione avrebbe dovuto prevedere la riapertura almeno di Viale Roma, per incoraggiare i tanti bergamaschi che – nonostante la pioggia – avrebbero gradito fare acquisti tra le vie del centro senza dover percorrere chilometri a piedi” continua Benigni.

“È necessario trovare un giusto equilibrio tra chi preferisce muoversi a piedi e chi invece predilige la comodità dell’automobile, evitando una deriva ambientalista che va a discapito dei commercianti e della vivacità del centro cittadino favorendo invece i centri commerciali periferici che – ad esempio – nella giornata di ieri hanno visto il tutto esaurito con più di 120 mila presenze. Regolamentare il traffico deve essere una priorità di questa amministrazione, ma in un periodo di crisi come quello che stiamo vivendo “sperimentare” – per citare l’Assessore Zenoni – sulla pelle dei commercianti è davvero inopportuno e denota ancora una volta la mancanza di prospettiva di questa amministrazione.” “Mi chiedo – conclude Benigni – chi ripagherà i commercianti dei guadagni persi per un capriccio di questa Giunta: altro che cambio di passo, i bergamaschi stanno proprio cambiando zona per i loro acquisti.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luciano

    Certo che Benigni ha una chiave di lettura a dir poco fantastica! Con chi ce la prenderemo quando il non ambientalismo causerà catastrofi? con chi ce la prenderemo quando i centri commerciali faranno chiudere le piccole botteghe? con chi ce la prenderemo quando anche Benigni sparerà stupidate? OPS, sono tutte cose che già succedono!!!

  2. Scritto da giorrrgio

    i commercianti hanno perso? ci abbiamo guadagnato noi cittadini! benigni ai giardinetti o ai centri commerciali, gentilmente cresciuti con formigoni presidente.

  3. Scritto da lilly

    Benigni ha ragione, a parte le sterili polemiche politiche dei commenti, non si può pensare di fare una ztl in piena crisi, dice bene Andrea, a Treviglio l’hanno fatta 30 anni fa…
    Ora si deve pensare di aiutare i commercianti in periodi come questi, dove tutti passeggiano ma nessuno entra nei negozi!
    Benigni è in minoranza e fa il suo lavoro!
    Bravo!

  4. Scritto da Gaulois

    Chilometri a piedi? ma parla di viale Roma o degli Champs Elysées ?

  5. Scritto da patroclo

    i commercianti dovrebbero essere ripagati da chi, negli ultimi 20 anni, ha concesso la possibilità di realizzare un numero di centri commerciali smisurato. invece, come sempre, vengono ripagati solo con sterili polemiche!!

  6. Scritto da giulia acerbis

    BENIGNI PER FAVORE….. Chi ripagherà i commercianti del centro dai danniu causati dai centri commerciali sorti come funghi autorizzati da amministrazione di centro-destra…ma anche a sinistra non voglio fare torti a nessuno

    1. Scritto da il polemicio

      se la gente apprezza i centri commerciali,è una colpa?se la gente preferisce fare tipologie di spesa diversa stando in un luogo dove non prende freddo o si bagna se piove,è una colpa?chi si lamenta dei centri commerciali ed è fedele alle botteghe classiche,poi critica chi non vorrebbe far fare a loro km a piedi sotto l’acqua per gli acquisti.semplicemente assurdi.se volete farvi centinaia di metri sotto l’acqua con le borse piene perchè c’è la ztl,affari vostri.ma non obbligate gli altri

    2. Scritto da Crns

      Risposta giusta . Sono sempre pronti ad attacare ma nessuno si fa un mea colpa

  7. Scritto da gigi

    e’ il solito discorso, socializziamo le perdite, privatizziamo gli utili

  8. Scritto da Andrea

    a Treviglio ztl in centro iniziata 30 e passa anni fa: commercianti all’inizio perplessi, poi un successo sia per i cittadini che per il commercio.
    A Bergamo quando inizierà il terzo millennio?