BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Vero salame Bergamasco? “Si, si può” rispondono gli allevatori in piazza

Valorizzare le vere produzioni agricole locali per creare ulteriori opportunità per il territorio. Con queste finalità Coldiretti Bergamo e l’Associazione Provinciale Allevatori hanno organizzato una degustazione di pane e salame sul Sentierone, nel cuore di Bergamo, offrendo ai cittadini un insaccato autenticamente bergamasco.

Più informazioni su

Valorizzare le vere produzioni agricole locali per creare ulteriori opportunità per il territorio. Con queste finalità Coldiretti Bergamo e l’Associazione Provinciale Allevatori hanno organizzato una degustazione di pane e salame sul Sentierone, nel cuore di Bergamo, offrendo ai cittadini un insaccato autenticamente bergamasco.

Anche il pane messo a disposizione dall’Aspan è stato prodotto con farina di grano coltivato in provincia.

“Abbiamo realizzato questa iniziativa – spiega il presidente di Coldiretti Bergamo Alberto Brivio – per spiegare ai cittadini l’importanza delle produzioni agricole locali e il valore che si può generare attorno ad esse. Ci siamo concentrati sul salame perché ci sono tutte le condizioni affinché tra la produzione di questo insaccato tipico della nostra tradizione e i nostri allevamenti di suini si possa dare vita e una sinergia proficua, nell’interesse anche dei consumatori”.

In provincia di Bergamo sono oltre 60 gli allevamenti professionali con una produzione di animali grassi nati ed allevati sul nostro territorio pari a circa 300.000 capi. A questa realtà specializzata vanno aggiunti centinaia di piccoli allevamenti che praticano la macellazione a livello familiare portando avanti una tradizione che ha origini lontane.

“Poter contare su questi numeri di suini allevati – rileva Brivio – vuol dire avere la possibilità di produrre circa 30 milioni di salami che si possono definire Bergamaschi a pieno diritto poiché è l’origine delle materie prime a creare l’effettivo legame con il Oggi le etichette dei prodotti sono spesso lacunose e tutt’altro che chiare e le informazioni che riportano corrono il rischio di confondere e disorientare i consumatori.

“Siamo scesi in piazza per far assaggiare la qualità dei nostri prodotti – precisa Brivio – ma anche per raccontare ai cittadini che gran parte dei suini che alleviamo nelle nostre stalle fanno parte dei circuiti Dop prosciutto di Parma e San Daniele, vengono allevati secondo un rigido disciplinare di produzione e sono soggetti a controlli da parte di organismi certificati che operano per conto del Ministero e a controlli sanitari molto rigorosi e capillari. Inoltre sono alimentati con materie prime di origine vegetale, in gran parte provenienti dalla coltivazione dei nostri terreni”.

Questo patrimonio oggi sta vivendo momenti tutt’altro che felici visto che i prezzi di mercato con difficoltà permettono di coprire le spese di produzione.

“La contrarietà che abbiamo espresso nelle scorse settimane in merito a un’ipotesi di progetto di Salame bergamasco Igp – chiarisce Brivio – è stata dettata dalla necessità, non solo di preservare il nostro sistema di allevamento di suini da eventuali concorrenze sleali, ma anche di rilanciarlo perché ci sono tutti i presupposti per poterlo fare. Se è vero che le norme relative al marchio Igp permettono di utilizzare materia prima proveniente da tutto il mondo, è vero anche che permettono di legarla a un territorio ben preciso, come è stato fatto per altri salumi Igp molto famosi nel nostro Paese. Fare o meno questa scelta, è solo una questione di volontà”.

Hanno voluto essere vicini agli allevatori e conoscere le motivazioni della loro iniziativa l’onorevole Gregorio Fontana e l’assessore regionale alle infrastrutture e mobilità Alessandro Sorte.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Piggy

    Il vero salame bergamasco è un po’ come Alì Baku, “fachiro indiano di Lambrate”… scritto in una sua insegna…

  2. Scritto da andrea

    ho seguito da molto vicino le ultime 4 feste del salame di Ghisalba e vi devo dire che ce ne vorrebbero di feste in piazza come quelle, forse , giunta permettendo, quest anno si rifarà