BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sciopero della Cgil, chiude la sede del Pd “per motivi di sicurezza”

La mail è circolata dalla mattinata di giovedì 11 dicembre, inviata ai componenti della direzione provinciale, dell'assemblea e ai segretari di circolo. Qualcuno, nel leggerla, è balzato sulla sedia. “Si comunica che in occasione dello sciopero generale di domani, 12 dicembre, gli uffici del partito resteranno chiusi per sicurezza e verrà inserito l'allarme, collegato con la Fidelitas. Grazie per l'attenzione”. Un provvedimento che ha colto molti di sorpresa, anche perché a Bergamo non è previsto nessun corteo.

Più informazioni su

La mail è circolata dalla mattinata di giovedì 11 dicembre, inviata ai componenti della direzione provinciale, dell’assemblea e ai segretari di circolo. Qualcuno, nel leggerla, è balzato sulla sedia. “Si comunica che in occasione dello sciopero generale di domani, 12 dicembre, gli uffici del partito resteranno chiusi per sicurezza e verrà inserito l’allarme, collegato con la Fidelitas. Grazie per l’attenzione”. Un provvedimento che ha colto molti di sorpresa, anche perché a Bergamo non è previsto nessun corteo. 

I lavoratori di Cgil e Uil (tra cui moltissimi iscritti al Pd) infatti parteciperanno alla manifestazione di Milano, come annunciato da settimane. Eppure i responsabili del partito hanno ritenuto necessario chiudere tutto per evitare che si ripetano episodi simili a quello avvenuto il 14 novembre scorso quando alcuni attivisti del "Comitato di Lotta per la casa"  hanno occupato simbolicamente la sede provinciale di via San Lazzaro per “mettere il partito di governo di fronte alle sue responsabilità rispetto alla prosecuzione delle politiche di austerità che peggiorano la condizione di milioni di persone, nonché rispetto agli sgomberi, alla svendita del patrimonio pubblico di edilizia popolare”. Quel giorno la protesta si è chiusa in modo abbastanza pacifico. Gli attivisti hanno esibito striscioni e urlato slogan al megafono. Per evitare nuove occupazioni il Pd, ora al governo quindi più esposto alle critiche dei manifestanti, ha però deciso di tutelarsi: serrande abbassate e allarme acceso.

GUARDA IL VIDEO DEL 14 NOVEMBRE

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da La verità fa male

    Fanno bene quelli del PD a tutelarsi contro i quattro gatti urlanti di questi “comitati”, non capisco perchè debbano tenere aperta la sede esponendola al rischio di imbrattature e atti di vandalismo

  2. Scritto da andrea

    Il Pd non sarà più un partito di sinista,(personalmente la cosa mi è indifferente), ma chi sfascia passa immediatamente dalla parte del torto

    1. Scritto da 99%

      Chi sfrutta altri uomini arricchendosi con il loro lavoro ha torto. Non chi lotta per uguaglianza e diritti. Pochi che hanno molto e molti che hanno poco, è questa la parte della ragione?

  3. Scritto da leo cat

    A dimostrazione che il PD(R) NON è un partito di sinistra.

    1. Scritto da roberta

      A dimostrazione che dopo aver subito mese scorso un atto di violenza gratuita, si fa bene a tutelarsi

      1. Scritto da leo cat

        Il punto è che, se un partito ha paura dei lavoratori in sciopero, dimostra di essere estraneo alla classe operaia. Il PCI mai e poi mai ha chiuso la sede quando a sfilare erano gli operai. Anzi, ricordo che la sede in via D’Alzano era a disposizione persino di assemblee studentesche. Peccato che tale sede, abbia fatto la stessa fine del PD(R), non esiste più come partito di sinistra, è stato privatizzato..

    2. Scritto da paolo

      A me pare che tutti i cosidetti “più a sinistra del Pd” aspettano con ansia che Salvini e la destra tornino al governo,(sindrome di Tafazzi).

      1. Scritto da sciocchezze

        Ti pare male, siamo indifferenti, visto che se non è zuppa è pan bagnato. Anzi, a berlusconi non è stato permesso fare quello che viene consentito a renzi.

      2. Scritto da Tafazzi

        Come caso pilota della sindrome mi sento autorizzato a chiederle quale affermazione di sinistra lei attribuisce negli ultimi sei mesi a un qualche esponente dell’ala “governativa” del Partito Democratico… Non so, giustizia sociale, legalità, rappresentatività della delega… poi se mi dice che è tutta roba del millennio passato, faccia una cosa: oltre a rifilarmi la sua diagnosi sulle mie patologie, mi seppellisca come fanno gli islamisti sotto palate di terra: dormirà più sereno.

  4. Scritto da darioflautista

    chi la fa, l’aspetti ;-)