Quantcast
Il neo assessore Sorte: “Mi sposterò in treno, insieme ai pendolari” - BergamoNews
L'intervista

Il neo assessore Sorte: “Mi sposterò in treno, insieme ai pendolari”

Infrastrutture e Mobilità: non sarà compito facile per Alessandro Sorte gestire questi due partite, soprattutto in una regione che può essere paragonata, per importanza, a una media nazione europea. Il neo assessore regionale ha però già le idee chiare, almeno sull'impostazione che darà alla sua politica: osservare di persona i problemi e affrontarli senza preconcetti.

Infrastrutture e Mobilità: non sarà compito facile per Alessandro Sorte gestire questi due partite, soprattutto in una regione che può essere paragonata, per importanza, a una media nazione europea. Il neo assessore regionale ha però già le idee chiare, almeno sull’impostazione che darà alla sua politica: osservare di persona i problemi e affrontarli senza preconcetti.

Assessore, si aspettava di avere deleghe così pesanti? “Egoisticamente sarebbe stato meglio occuparsi di altro: meno problemi sul tavolo. Però siccome siamo al servizio dei cittadini è giusto anche mettersi in gioco. Alla fine qualcuno si deve prendere queste responsabilità. La Mobilità, in particolare, è un settore molto critico. Bisogna continuare in un lavoro di studio e pressing su tutta la struttura per far funzionare meglio le cose”.

Il caso Trenord è tra i più complessi e decisivi per il futuro del trasporto regionale. I pendolari si lamentano quotidianamente per un servizio molto al di sotto degli standard. “E’ sicuramente la priorità. Convocherò nei prossimi giorni un vertice per capire come intervenire”.

Si sente di fare una promessa ai pendolari bergamaschi? “La promessa è quella che la politica non deve essere sul piedistallo. Già da domani più del 50% dei miei viaggi sarà con il treno. Niente auto blu, anche perché in Regione non ce ne sono più”.

Attendono risposte anche i cittadini della Valbrembana in merito alla variante di Zogno. “Venerdì scorso è stata approvata in Giunta regionale una delibera-quadro che prevede 16 milioni di euro per la variante di Zogno spalmati in quattro anni. Chiaramente anche la Provincia dovrà fare la sua parte. Anche questa partita dovrà essere attentamente monitorata perché, al di là di responsabilità e risorse in campo, l’opera deve andare avanti per il bene della comunità”.

Cosa risponde a chi l’accusa di essere inesperto per ricoprire un ruolo così importante? “Solo in Italia la giovane età è vista come un peccato mortale e come un pregiudizio. Maroni ha fatto il ministro degli interni a 39 anni e lui, nel colloquio che ho avuto, me l’ha ricordato. Il nostro presidente non ha pregiudizi sui giovani, anzi. Così come non li ha avuti tutta Forza Italia, i deputati bergamaschi, Maria Stella Gelmini e Giovanni Toti, sponsorizzando un giovane come me”.

E’ anche coordinatore di Forza Italia Bergamo. Lascerà la carica? “A breve ci sarà un congresso e decideranno gli iscritti. Sono comunque allergico ai doppi incarichi”.

In Regione a braccetto con la Lega, in Provincia artefice delle larghe intese che hanno portato all’elezione di Matteo Rossi. Non rischia il cortocircuito politico? “No, anzi, significa che potrò affrontare le questioni senza posizioni strumentali. Guarderò al merito dei problemi e non all’ideologia politica perché ho come obiettivo il fare, indipendentemente dagli interlocutori”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Palazzo Lombardia
Politica
Maroni verso il rimpasto Nella rosa dei papabili anche il bergamasco Sorte
Alessandro Sorte (foto da Labergamoforte.it)
Pirellone
Adeguamento, non rimpasto Maroni cambia la giunta Sorte alle Infrastrutture?
Alessandro Sorte
Indiscrezioni
Sorte in Giunta regionale, a ore l’annuncio del rimpasto al Pirellone
Alessandro Sorte
Politica
Rimpasto, è ufficiale: Sorte nuovo assessore a Infrastrutture e Mobilità
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI