BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I produttori di cemento leader della sostenibilità si confrontano all’i.lab

I 24 produttori di cemento che aderiscono alla Cement Sustainability Initiative riuniti nel Centro Ricerca e Innovazione Italcementi per il loro incontro annuale.

Più informazioni su

La sostenibilità è di casa in i.lab. Il Centro Ricerca e Innovazione di Italcementi ha ospitato oggi i vertici delle società leader nella produzione sostenibile di materiali per le costruzioni – tra cui, oltre a Italcementi, Holcim, Lafarge, Cemex, Heidelberg, Titan – per l’annuale CSI CEO Meeting, riunitosi sotto la copresidenza di Carlo Pesenti, Consigliere delegato di Italcementi Group, che dal novembre 2013 è nel suo mandato triennale alla guida della Cement Sustainability Initiative.

La Cement Sustainability Initiative (CSI), che opera nel quadro del World Business Council for Sustainable Development (WBCSD), unisce 24 principali produttori di cemento con attività in oltre 100 Paesi, impegnati nello sviluppo sostenibile nella convinzione che questo sia fortemente interconnesso con le finalità del settore. Insieme, queste imprese rappresentano circa il 30% della produzione mondiale di cemento, accogliendo sia grandi multinazionali, sia piccoli produttori locali.

Anche attraverso il costante contributo di Italcementi Group sin dal 2000, anno di fondazione, la CSI affronta una serie crescente di tematiche relative allo sviluppo sostenibile, dalle più consolidate aree di interesse come salute e sicurezza, l’azione contro i cambiamenti climatici, le emissioni in atmosfera, fino alle nuove sfide emergenti quali la biodiversità, l’acqua, la gestione della supply chain e molte altre.

Grazie a continue iniziative lanciate nel tempo, attivamente supportate da Italcementi Group (vedi qui per i dettagli sull’impegno del Gruppo), la CSI ha affermato la sua leadership a livello mondiale nel promuovere la comprensione, la misurazione e la trasparenza sulle prestazioni integrate, abbracciando allo stesso tempo una forte cultura tesa all’eccellenza, ben al di là della conformità legislativa.

La CSI è in una fase molto significativa, in cui è in corso la messa a punto del suo contributo mirato al programma Action2020 promosso dal World Business Council for Sustainable Development (WBCSD), una piattaforma di condivisione per le imprese che vogliono contribuire a risolvere la sfide planetarie in tema ambientale e sociale.

 

Nello stesso tempo, gli impegni assunti con WBCSD e CSI, insieme ai principi guida del Global Compact delle Nazioni Unite, continuano a ispirare le strategie di Italcementi Group, chiaramente rappresentate dagli Obiettivi al 2015 e dalle Ambizioni al 2020, descritte in dettaglio nell’annuale Relazione di Bilancio, che diventano piani di azione efficacemente implementati da tutte le filiali del Gruppo.

L’ i.lab, il luogo che ospita l’evento, non solo è un edificio simbolo che esprime al meglio l’attitudine del Gruppo all’eccellenza operativa, ma è anche un punto di riferimento per la sostenibilità come guide per la nuova edilizia e per nuovi stili di vita. L’edifico, progettato da Richard Meier, risponde ai requisiti più stringenti in materia di risparmio energetico e qualità innovativa della progettazione ed è certificato LEED “Platinum” (Leadership in Energy and Environmental Design), il più alto standard di certificazione energetica e ambientale per l’edilizia al mondo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.