BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cigarini fa retromarcia e si scusa coi tifosi “Ha prevalso l’istinto”

Aveva sollevato un grande polverone la frase del regista emiliano indirizzata ai sostenitori dopo le piccola contestazione di domenica: "I vostri fischi metteteveli nel...". Giovedì le scuse: "L'istinto ha prevalso sulla ragione. Mi dispiace, ma mi sono sentito tradito".

Più informazioni su

Fa retromarcia Luca Cigarini. Aveva sollevato un grande polverone la frase del regista emiliano indirizzata ai sostenitori bergamaschi dopo la piccola contestazione andata in scena domenica prima dell’intervallo di Atalanta-Cesena: "I vostri fischi metteteveli nel…" ha scritto il Ciga sul proprio profilo Instagram mercoledì pomeriggio, scatenando l’ira di gran parte dei follower. Giovedì, a meno di 24 ore dal post incriminato, l’ex Napoli e Siviglia ha chiesto pubblicamente scusa: "Quando ho scritto quella frase ha prevalso l’istinto sulla ragione – ha spiegato il numero 21 nerazzurro -. Ho sbagliato il modo e i tempi nel dire quel che era il mio pensiero su quella parte di tifoseria che domenica ci ha fischiati. Mi prenderò le mie responsabilità e pagherò le conseguenze. Io sono fatto così, ho sbagliato e chiedo scusa. Quella di domenica è stata una vittoria importante ma, per la prima volta nella mia carriera, non ho festeggiato: mi sono sentito tradito dai tifosi. Io che ho sempre dato il massimo, che ho sempre cercato di onorare la maglia, mi sono sentito tremendamente tradito. E’ stata una cosa che non mi ha fatto dormire la notte e non sono riuscito a tenerla per me. Sbagliando".

"L’Atalanta ha bisogno dei suoi tifosi, non si tratta di una frase fatta: quando siamo in campo il calore della gente lo sentiamo e i fischi non ci aiutano di certo. Domenica, quando ho sentito i primi fischi, quasi non ci credevo – ha spiegato ancora Cigarini -. Mi sono addirittura girato per vedere se mi stessi sbagliando o se fosse proprio così. La cosa mi ha dato parecchio fastidio e come a me, ha toccato anche diversi miei compagni. La gente dovrebbe capire che dietro a un calciatore c’è sempre e comunque un uomo con dei sentimenti: quando le cose vanno male il primo a rimanerci male è proprio lui. Anche noi siamo essere umani, per questo a volte ci capita di sbagliare. Quel che voglio sottolineare è che il mio pensiero resta comunque quello. Lo sfogo un pretesto per chiedere la cessione? Non è assolutamente così, col direttore e col presidente non mi vedo da molto tempo, al mercato non ci penso minimamente. Sono all’Atalanta da quattro anni e vedere certe cose non mi piace. Io ho sbagliato, lo ripeto, ma questo mio sfogo è la testimonianza di quanto siano importanti per me questa piazza e questa squadra. Per il sottoscritto la questione è chiarita. Forse non lo sarà per qualche tifoso, che spero di poter convincere con le prestazioni sul campo".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giacomo

    Ci pensero su tre giorni,magari a mente fredda riusciro a perdonarti.

  2. Scritto da d

    Chiedere scusa non è così facile. Metterci la faccia in simili casi idem. Se passano 2 gg non vedo che problema ci sia… Cigarini non sarà un fulmine, ma la palla la fa correre e il fosforo a centrocampo non gli manca.

  3. Scritto da Pina

    sei un bambino e devi essere trattato da bambino, hai deluso tanti tifosi d’altronde forse sai solo dare due calci al pallone

    1. Scritto da Gianfranco

      la maggior parte dei calciatori sono dei bambini, sanno solo tirare calci al pallone, per cui meno parlano meglio è per loro. Comunque mi rimane il sospetto che se ne voglia andare a Gennaio…..

    2. Scritto da uè uè

      Lei chi è sua madre? come si permette? Questo commento sarebbe da censurare.

  4. Scritto da Jeanpaul

    Cigarini pensa a giocare che è meglio!

  5. Scritto da serio

    bah, d’istinto verrebbe da dire che gli stipendi dei calciatori di serie A sono esosi.
    Poi prevale la ragione e viene da considerare che il calciatori di serie A potrebbero autolimitare le loro pretese senza aspettare l’istinto dei comuni giocatori e spettatori.

    distinti saluti

    serio

  6. Scritto da ElleA69

    L’esserti scusato pubblicamente ti fa onore Ciga! Adesso però torniamo tutti (giocatori, allenatore e tifosi) a remare nella stessa direzione!

  7. Scritto da greatguy

    E’ un leader! I leader ci mettono la faccia e prendono posizione, ma siccome sono leader e non onnipotenti a volte sbagliano…dimostrano di essere veri leader quando se ne accorgono, lo ammettono e chiedono scusa!

    1. Scritto da angelo

      Hai detto tutto. Se la squadra è molle e non ha alcun mordente, probabilmente anche il leader ha le proprie responsabilità. Leader scarso, squadra scarsa.

  8. Scritto da d

    Mi piace la schiettezza. E faccio i miei complimenti. Non è da tutti.

  9. Scritto da Massimo Paravisi

    Mah…. Potevo capire l’istinto se avesse scritto domenica. Ma mercoledì…
    Hai un istinto un po rallentato, come la tua manovra a centrocampo.

    1. Scritto da Fulvio

      Sono completamente d’accordo: un istinto molto a rilento come il gioco inguardabile dell’atalanta.