Anche Vittorio Feltri testimonial pro eutanasia con Saviano e Augias - BergamoNews
Guarda il video

Anche Vittorio Feltri testimonial pro eutanasia con Saviano e Augias

Il giornalista bergamasco ha prestato il suo volto per la campagna di sensibilizzazione ideata dall'Associazione Luca Coscioni per riaprire il dibattito sull'eutanasia, affinché il diritto di decidere quando e come morire diventi legge assieme al testamento biologico.

Settanta testimonial, famosi e meno famosi, hanno scelto di prestare il proprio volto per il video-appello rivolto ai parlamentari italiani. Una vera e propria campagna di sensibilizzazione ideata dall’Associazione Luca Coscioni per riaprire il dibattito sull’eutanasia, affinché il diritto di decidere quando e come morire diventi legge assieme al testamento biologico.

Fra le decine di volti ci sono malati, medici e infermieri e personaggi del mondo della scienza, della cultura, del giornalismo e dello spettacolo. Nei 3 minuti e rotti di video spiccano le voci di Roberto Saviano, Umberto Veronesi, Marianna Aprile, Corrado Augias, Luca Barbarossa, Marco Bellocchio, Emma Bonino, Maurizio Costanzo, Neri Marcorè, Rocco Papaleo e Aldo Nove. C’è anche il bergamasco Vittorio Feltri. Tutti chiedono che venga discussa in Parlamento al più presto la proposta di legge di iniziativa popolare in materia di suicidio assistito. Una richiesta che viene riproposta in concomitanza della Giornata mondiale per i diritti umani, che si tiene oggi mercoledì 10 dicembre.

Ecco il video
 

leggi anche
  • Letto per voi
    Eutanasia a domicilio pagata dalle assicurazioni E’ realtà in Olanda
    In Olanda eutanasia a domicilio
  • Politica
    Testamento biologico, ecco la proposta di legge Locatelli: non è eutanasia
    La deputata bergamasca Pia Locatelli
  • La legge
    Eutanasia sui minori: in Belgio è più vicina, senza limiti d’età
    Generico
  • Mozzo
    Overdose di insulina, paziente 21enne in coma: tentativo di eutanasia?
    Giallo all'ospedale di Mozzo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it