BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Anche Vittorio Feltri testimonial pro eutanasia con Saviano e Augias

Il giornalista bergamasco ha prestato il suo volto per la campagna di sensibilizzazione ideata dall'Associazione Luca Coscioni per riaprire il dibattito sull'eutanasia, affinché il diritto di decidere quando e come morire diventi legge assieme al testamento biologico.

Settanta testimonial, famosi e meno famosi, hanno scelto di prestare il proprio volto per il video-appello rivolto ai parlamentari italiani. Una vera e propria campagna di sensibilizzazione ideata dall’Associazione Luca Coscioni per riaprire il dibattito sull’eutanasia, affinché il diritto di decidere quando e come morire diventi legge assieme al testamento biologico.

Fra le decine di volti ci sono malati, medici e infermieri e personaggi del mondo della scienza, della cultura, del giornalismo e dello spettacolo. Nei 3 minuti e rotti di video spiccano le voci di Roberto Saviano, Umberto Veronesi, Marianna Aprile, Corrado Augias, Luca Barbarossa, Marco Bellocchio, Emma Bonino, Maurizio Costanzo, Neri Marcorè, Rocco Papaleo e Aldo Nove. C’è anche il bergamasco Vittorio Feltri. Tutti chiedono che venga discussa in Parlamento al più presto la proposta di legge di iniziativa popolare in materia di suicidio assistito. Una richiesta che viene riproposta in concomitanza della Giornata mondiale per i diritti umani, che si tiene oggi mercoledì 10 dicembre.

Ecco il video
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da anna

    Le persone comuni non hanno facilita’ a rivolgersi all’estero o a cercare medici compiacenti . Piu’ probabile lo possano fare i politici pervse stessi, per cui non ha senso che rischino il consenso discutendone, Speriamo comunque che questo spot serva a qualcosa

  2. Scritto da Finalmente

    Finalmente un argomento serio chè puó rendere piú civile la nostra nazione, poiché la vita è mia e non dello stato bacchettone