BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Non l’ho ucciso io” Ma la mamma di Loris è in arresto per omicidio

Da sola, occultando il corpicino del suo piccolo Loris: così Veronica Panarello avrebbe ucciso suo figlio e occultato il cadavere. Questa l'accusa della procura di Ragusa dopo un altro interrogatorio di otto ore alla giovane mamma.

Più informazioni su

Da sola, occultando il corpicino del suo piccolo Loris: così Veronica Panarello avrebbe ucciso suo figlio e occultato il cadavere. Questa l’accusa della procura di Ragusa dopo un altro interrogatorio di otto ore alla giovane mamma.

Ma lei non confessa, anzi: "Non l’ho ucciso io, lui era il mio bambino" si difende davanti ai magistrati.

Martedì nuovo interrogatorio che potrebbe sancire la definitiva svolta le indagini sulla morte del bambino, ucciso per strangolamento con una fascetta di plastica il 29 novembre scorso a Santa Croce Camerina.

"Se è stata mia moglie, mi cade il mondo addosso", ha detto il papà del piccolo Loris, Davide Stival, nei corridoi della Procura di Ragusa dove era insieme alla moglie.

Tra gli elementi contestati a Veronica la sua macchina vicino al Mulino Vecchio. Sarebbe proprio la macchina della mamma di Loris infatti quella ripresa dalla telecamera dell’azienda agricola all’ingresso della strada che porta al Mulino Vecchio la mattina di sabato 29 novembre. La circostanza sarebbe emersa nel corso delle ulteriori analisi dei video da parte degli investigatori e sarebbe stata contestata alla donna nel corso dell’interrogatorio in Procura.

Nel rapporto degli investigatori di tre giorni fa, si parlava di un "auto di colore scuro" che passava "senza rallentare" davanti alla telecamera e nelle analisi più approfondite, gli investigatori sarebbero riusciti ad ingrandire le immagini ed isolare il frame in chi si distinguerebbe la Polo nera di Veronica Panarello.

"La mia assistita è un’indagata ma questo non significa che sia colpevole":  ha detto l’avvocato Francesco Villardita, legale di fiducia di Veronica Panarello. Il penalista ha confermato che alla sua assistita è stato "notificato un provvedimento di fermo per omicidio aggravato e occultamento di cadavere".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.