Quantcast
Presepe vietato, maestre: "Pensiamo alla formazione, non a inutili polemiche" - BergamoNews
Il caso

Presepe vietato, maestre: “Pensiamo alla formazione, non a inutili polemiche” fotogallery

Dopo le polemiche legate al presunto divieto del preside dell'istituto scolastico De Amicis, Luciano Mastrorocco, di realizzare un presepe a scuola, riceviamo e pubblichiamo una lettera scritta dalle stesse insegnanti del complesso della Celadina

Dopo le polemiche legate al presunto divieto del preside dell’istituto scolastico De Amicis, Luciano Mastrorocco, di realizzare un presepe a scuola, riceviamo e pubblichiamo una lettera scritta dalle stesse insegnanti del complesso della Celadina: 

"In merito agli eventi di questi ultimi giorni e alle notizie divulgate dai media, sentiamo la forte esigenza di contribuire a riportare la discussione a livelli decisamente più moderati e maggiormente aderenti alla realtà.

Esprimiamo, dunque alcune fondamentali considerazioni, dando anche voce a quegli insegnanti che in mattinata ci hanno contattato.

La scuola, nel suo compito educativo e formativo, deve assumersi la responsabilità di scegliere i modi più adeguati per promuovere, all’interno della complessità del quadro culturale e sociale attuale, il pieno successo formativo di tutti gli alunni.

Il nostro campo d’azione è quello dell’istruzione e della formazione. Per istruzione non si legga accumulazione di saperi, ma capacità di costruire conoscenza per giungere al cambiamento. Per formazione s’intenda formazione di personalità: personalità capace di dialogare con il mondo e con gli altri; personalità che dia priorità al senso di responsabilità e di onestà intellettuale; personalità capace di prendersi cura della vita.

In questo quadro di riferimento, nel nostro Istituto abbiamo sempre lavorato in una logica di progettualità condivisa e consapevole, con l’obiettivo di mettere a disposizione dei nostri bambini/e e dei nostri ragazzi/e conoscenze e strumenti e di offrire guida e sostegno, mettendo al centro il vero (scienza), il bene (etica), il bello (arte), in percorsi significativi per tutte le intelligenze.

Questo, in estrema sintesi, è quanto la nostra scuola ha condiviso e dichiara nel documento del Piano dell’Offerta Formativa, documento che annualmente viene sottoscritto da tutti gli insegnanti dei tre ordini di scuola, adottato dal Consiglio di Istituto e divulgato ai genitori che intendono iscrivere i propri figli presso l’istituto De Amicis.

Alla luce di tutto ciò, vogliamo esprimere in maniera chiara alcuni punti.

1. Siamo vicini al nostro Dirigente del quale abbiamo apprezzato negli anni la competenza e la cura nella gestione di un’organizzazione complessa come la nostra.

2. Lo stile del dirigente, la cultura e le pratiche del nostro Istituto non sono mai state improntate alla logica del “divieto” o della “autorizzazione”: le scelte sono state costruite attraverso la problematizzazione, la discussione e una responsabile condivisione.

3. Siamo favorevoli o contrari al “Presepio nella scuola”? Rifiutiamo una domanda semplicistica come questa che trasforma l’esperienza formativa in battaglia ideologica di basso profilo: come professionisti della scuola, ci aspetteremmo altrettanta responsabilità nei politici, nei giornalisti e in tutti coloro che vogliono portare un contributo vero ai problemi in campo discutendo gli obiettivi formativi e le metodologie che stanno alla base delle singole proposte.

Speriamo perciò che presto la polemica in atto possa essere superata e sia possibile riprendere a discutere e a confrontarci, senza sfuggire alla complessità con cui ci confrontiamo quotidianamente nel nostro lavoro.

Gli insegnanti dello staff di Istituto (insegnante collaboratrice vicaria, insegnanti responsabili di plesso, insegnanti con Funzione Strumentale, insegnante RSU di istituto)".

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Presepe a scuola
Il caso
Presepe vietato a scuola La protesta dei genitori “Non offende nessuno”
Presepe
Il caso
Presepe a scuola, il preside replica: “Io non l’ho mai vietato”
Salvini e Calderoli con il presepe
Guarda foto e video
Salvini porta il presepe alla scuola De Amicis “Il preside cambi lavoro”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI