BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La domenica degli ultrà: in mille fuori dalla Nord Cori per Dea e arrestati

I sostenitori nerazzurri che non hanno potuto assistere al match Atalanta-Cesena si sono radunati nel piazzale della Curva Pisani per manifestare il proprio dissenso verso il provvedimento e per intonare cori in favore della squadra e degli arrestati dopo gli scontri del 29 novembre.

Più informazioni su

Più di mille tifosi hanno scelto di manifestare all’esterno della Curva Nord domenica 7 dicembre, mentre allo stadio Comunale si disputava Atalanta-Cesena.

Dopo i recenti episodi di guerriglia da parte dei bergamaschi, il prefetto ha disposto "il divieto per la società Atalanta Bergamasca Calcio – si legge in una nota della Prefettura – di procedere alla vendita dei tagliandi per tutti i settori dello stadio, fatta eccezione per i possessori di tessera del tifoso rilasciata dalla predetta società in data antecedente al 27 novembre 2014". La società Atalanta ha avuto anche l’obbligo di "sospendere la validità di biglietti, carnet di biglietti e abbonamenti già rilasciati per l’accesso ai settori Curva Nord e Curva Sud dello stadio ai tifosi non fidelizzati dalla citata società". In poche parole, chi non aveva la tessera del tifoso domenica non poteva entrare allo stadio. Tra questi molti ultrà nerazzurri, da sempre contrari alla tessera, che per stare comunque vicini alla squadra e manifestare il proprio dissenso al provvedimento, si sono riuniti all’esterno della Curva Pisani per intonare cori e far sentire in qualche modo il loro calore agli uomini di Colantuono.

Non c’è stato nessun pericolo di contatto con i sostenitori avversari perchè, vista la rivalità tra le due tifoserie (gli emiliani sono gemellati con il Brescia), è stata vietata la trasferta ai romagnoli. Una decisione che ha provocato la dura reazione della dirigenza ospite, che venerdì ha diffuso un comunicato in cui spiega che si trova alle prese con un paradosso italiano, perchè costretta a pagare le violenzze commesse dai tifosi di altre squadre.

Per garantire comunque la sicurezza intorno alla zona dello stadio, sul posto sono stati posizionati più di 100 agenti che hanno monitorato la situazione senza mai dover intervenire: la manifestazione degli ultrà, infatti, si è svolta senza nessun tipo di tensione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Rota Bruno

    togliere l’entrata alla stadio a vita ad ogni facinoroso!È l’unico modo per dire basta ai disordini !

  2. Scritto da Ry

    Ma vi siete mai domandati perchè le cose continuano ad accadere? mi riferisco a scontri e varie cose, ma non sarebbe il caso di usare un metodo stile Olanda dove c’è una figura che fa da intermediario con gli ultras. A cosa serve ad esempio vietare un tamburo, uno striscione (Anche solo di saluti), una bandiera più grande del solito? Creano solo più astio e più odio.

  3. Scritto da lorenzo

    Quale grande dispiacere per molti quotidiani che non sia successo nulla!!

  4. Scritto da simo

    e quei 100 agenti chi li pagherà??? per cosa poi che i tifosi avversari neanche c’erano!! sono proprio curioso di vedere chi si lamenterà dell’uso inutile di forze di polizia come in questo caso

    1. Scritto da Sandrinelli u.

      A Bergamo purtroppo gli ultra`hanno appoggi politici, tanto che 3 Questori (Longo, Messa e Turillo) sono sttati trasferiti per motivi “calcistici” per cui ora nessuno vuole rischiare il posto……….

  5. Scritto da giuseppe regazzoni

    Giusto condannare chi ha sbagliato,pero’ la legge deve essere uguale per tutti..sia al nord , al centro ed anche al sud. Invece sembra che solo con gli ultras atalantini la giustizia intervenga……a roma e’ tutto lecito… rubare ammazzare insultare….poi si domandano perche’ tanto astio contro le forze dell’ordine…..

    1. Scritto da Paola

      Ecco…..non bisogna mandare le forze dell ordine! Bisogna lasciare i tifosi da soli, e loro dimostreranno la loro grande civiltà . . . Niente scontri,niente danni a persone o cose,niente bombe,niente spese x i cittadini,niente paura a passare x lo stadio,niente ingiustizie,niente tessere del tifoso,niente ultras,niente ansia x tutti!!!