BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Presepe vietato a scuola Salvini s’indigna: “Quasi quasi lo porto lì io”

IL leader della Lega sul suo profilo Facebook: "Pazzesco. All'Istituto De Amicis di Bergamo il preside ha VIETATO IL PRESEPE....."

Matteo Salvini non perde l’occasione e sul suo profilo Facebook commenta la decisione di non fare il presepe all’istituto De Amicis al quartiere della Celadina, a Bergamo: "Pazzesco – scrive indignato il leader della Lega Nord – All’Istituto De Amicis di Bergamo il preside ha VIETATO IL PRESEPE. Luciano Mastrorocco, il dirigente ANTI-NATALE, dice infatti che ‘la favoletta che la cultura europea è figlia di tante cose, tra cui il cristianesimo, non sta più in piedi’. E poi ancora ‘non va creata alcuna DISCRIMINAZIONE… in questa scuola gli alunni non italiani sono il 30%… qualcuno potrebbe subire ciò che non gli appartiene… a scuola non ci devono essere simboli che dividono’. Una VERGOGNA".

Poi Salvini conclude: "È questo il modello di ‘scuola’ che dovrebbe educare i nostri figli? Perché togliere ai bambini, di qualunque razza e cultura, il bello del Natale? Quasi quasi, sabato pomeriggio, il Presepe a quella scuola lo porto io. Cosa ne pensate?

"

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da serio

    A proposito di “stelle” tutti hanno ancora in mente quelle stelle simbolo iconografico leghista rimosse dalla scuola di Adro.

    DOVER SUBIRE LEZIONI DA CHI NON PERDE OCCASIONE PER STRUMENTALIZZARE E CAVALCARE SIMBOLI E IDEOLOGIE IN VERE SPIRALI CONTRADDITTIRIE È IL COLMO

  2. Scritto da Stella

    Un preside che ricopre un incarico pubblico non può discriminare una religione togliendono i simboli legati al natale o qualunque simbolo, va contro l’art 3 di costituzione, togliere un simbolo impedirlo significa andare contro quella religione quindi discriminare tutti i cattolici. Il preside andrebbe licenziato.

    1. Scritto da CosèMaTocaSent

      Mi pare evidente che della Costituzione non hai capito un cavolo e non sai neppure cosa sia. Ciò che stai dicendo è l’esatto contrario di ciò che dice la Costituzione . Proprio per garantire a tutti la libertà di religione la scuola pubblica è LAICA , diversamente dovremmo farci pure tutti i riti di tutte le altre religioni . Almeno alle cose elementari fai lo sforzo di arrivarci !

  3. Scritto da Stella

    Laico non significa ateo, usarli come sinonimi è un errore in quanto sono cose differenti, lo stato non è ateo cioè privo di religione è laico, cioè che non sottostà ai poteri delle religioni, del popolo (questo è il significato del termine laico in greco). Il termine laico nel cattolicesimo indica i fedeli che non hanno preso i voti che non sono cioè preti ma sono credenti e da questo deriva il termine laico.

    1. Scritto da Baloo

      In molte situazioni l’omissione equivale a mentire e lei mente spudoratamente, il termine “laico” ha diversi significati a seconda del contesto : bugiardona. Subito smascherata.
      http://www.treccani.it/vocabolario/laico/

      1. Scritto da Miki

        Te set no bun de criticà mia insultà?

        1. Scritto da Baloo

          Visto che era in vena di definizioni accademiche , ho detto che ha mentito per omissione, che insulto vedi ? E’ un dato di fatto .

      2. Scritto da Miki

        Te set no bun de criticà mia insultà?

  4. Scritto da serio

    Un bel presepe vivente con Salvini nelle vesti del redento dal paganesimo del Po.
    Mah . dopo le scuse al Sud quando le scuse ai ROM

  5. Scritto da cris

    SALVINI FOR PRESIDENT!!!

    1. Scritto da Asdrubale

      President della metropolitana milanese, così potrà “cristianamente” mettere le famose carrozze separate per gli extra. A proposito , nel presepe salviniano i carri tirati dai buoi sono per trasporti separati …. ?

    2. Scritto da ru

      Bevi Bevi, Un Bossi tira l’altro…

  6. Scritto da riki

    il preside qusta se la poteva risparmiare!
    comunque che salvini si erga a difesa del presepe quando lui e soci dicono(quella gente li buttarli a mare a cannonate) è il massimo.

  7. Scritto da Mario

    Fra un po’ vedrete che organizzeranno anche corsi gender. Dove il maschio e la femmina non esistono in quanto convenzione sociale. La mamma e il papà vanno aboliti come termini in quanto discriminati di chi non li ha….Genitori vigilate!

    1. Scritto da Misteri

      Ma che beatissimo cavolo c’entra ?

  8. Scritto da Rachid

    Un preside che denigra le radici del nostro paese e dell’Europa evidenziando che il suo comportamento non è’ laico e formativo ma evidentemente la sua storia e il suo credo nel vuoto. Lui può credere al vuoto ma la nostra nazione non ripudia il crocefisso nei i simboli delle religioni. Comprendo perché l’Isis ha raccolto molti seguaci. C’è’ posto ancora? L’Isis non è ispirato dalla religione ma dal vuoto delle menti.forse a Celadina si vuol creare un califfato? Così si alimenta l’odio…

    1. Scritto da ???

      Ragionamento pazzesco . L’isis E’ ispirato alla religione ! Le religioni nella storia hanno fatto morti e atrocità di proporzioni allucinanti. Negarlo è negare la realtà e la storia.

      1. Scritto da Stella

        Errato, l’isis usa la scusa del corano peccato che quel testo è testo di pace e non di morte, sono persone che si nasconodono e si coprono dietro a una religione epr commettere altrocità ma nulla di questo è nel corano.

        1. Scritto da ???

          Vada a spiegarglielo

  9. Scritto da Doc55

    Grande Salvini! Il preside andrebbe rimosso per oltraggio alla religione di Stato. Forse gli sfugge a questo ennesimo scempio della nostra Italia che non é quella di questo signore. Vergogna, Preside, questa non é l’Italia di Vittorio Veneto, questa é l’Italia di gente che non puó stare sotto al tricolore. Faccia un bel gesto riparatore, se ne vada, dia le dimissioni e si vergogni!

    1. Scritto da Vito

      Sono trenta anni che tutte le confessioni religiose hanno pari dignità’. Le religioni di stato, se volete cari Leghisti le trovate ancora nei paesi arabi a voi tanto cari…

    2. Scritto da Altro

      Ricordo che in Italia NON ESISTE una religione di stato!
      La scuola pubblica è laica.
      Chi vuole una scuola religiosa vada in una scuola privata e la paghi di tasca sua!

    3. Scritto da Enea

      Salvini sta sotto il tricolore ? Mo me lo segno. Comunque a te sfugge che la scuola italiana a norma di Costituzione è LAICA . Quindi se ci tieni a Vittorio Veneto e alla bandiare tricolore vedi innanzitutto di rispettare la Costituzione

  10. Scritto da riccardo

    Se Salvini è un cristiano io sono Albert Einstein.
    Certi personaggi che difendono i simboli del cristianesimo (ma solo quelli che fanno comodo…) potrebbero essere paragonati, che so, a dei papponi che difendono il valore della verginità. Credibilità zero.

    1. Scritto da il polemico

      ok,per te salvini non è un politico degno di difendere i valori cristiani perchè guida un partito che chiede di rispettare le leggi sull’immigrazione clandestina,quindi chi potrebbe esprimere una opinione autorevole allora,.visto che nessun altro segretario politico ha preso una posizione?se salvini è l’unico che si esprime perchè nessun altro lo fa,che si dovrebbe fare?stare zitti?

      1. Scritto da Bernardo

        Anche Gesù Cristo avrebbe voluto i vagoni della metropolitana separati per gli extra comunitari ?

      2. Scritto da Luciano

        Scusi Polemico, ma è più che evidente che Salvini sta solo cavalcando un’onda polemica di basso profilo. Fino a quando faceva comodo il “Dio Po” si poteva andare a raccogliere ampolle e lodare origini celtiche, che col cristianesimo c’azzeccano come una forchetta per mangiar minestra. Conciliare il Dio Po con il Dio fatto uomo Gesù, rappresentato nel presepe alla nascita, deve richiedere una mente religiosamente aperta, o forse dovrei dire contorta!

  11. Scritto da sepp

    populismo di BASSA LEGA.
    Bossi almeno era simpatico e (molto) più intelligente…

  12. Scritto da maria

    vergognativi se portiamo via ai nostri figli anche la magia del natale con i suoi simboli annessi cosa gli lasciamo solo una profonda crisi economica,fisica e morale comunque il problema non sono gli stranieri che difronte a queste cose ci fanno una risata ma gli italiani che hanno perso ogni tipo di valore

    1. Scritto da Silvestro

      Guarda che nessuno ti ha proibito di fare il presepe a casa tua, in chiesa, o all’oratorio . Per altro le scuole durante le vacanze invernali sono chiuse.

  13. Scritto da il polemico

    la cosa assurda è che si cerca sempre di non turbare il loro orientamento religioso o culturale,ma poi li si obbliga ad imparare la storia italiana…..ma ad un senegalese o siriano,cosa interesserà mai sapere chi era mazzini o garibaldi..si deve vietare la storia nelle scuola frequentate da stranieri e poi a seguire……

  14. Scritto da aris

    oltre che la faccia il salvini opportunista esibizionista nullafacente con moglie raccomandata in Regione recentemente ci ha messo pure dell’ altro sulle copertine delle riviste. NUDO. Alla faccia della religione cattolica che tanto difende -quando gli interessa. Poi fa i riti pagani coll’ acqua del PO. Io il presepe in classe non l ‘ ho mai avuto nè visto. Chissenefrega del presepe. A scuola c’ era forse solo l’ alberello con decorazioni.

    1. Scritto da Noel

      Ti sei mai chiesto quale sia l’origine dell’albero di Natale, il Tannenbaum di cui hai sí dolci ricordi? Che appendevano gli antichi Germani in punta e sui rami di abete è che noi oggi simbolizziamo con le palline lucenti e decorate? E qui bei fili di paglietta argentata che stendiamo a spirale tra le fronde, com’era o a quel tempo? Meglio il presepe o il vischio dei Druidi che l’abete degli Ariis!

  15. Scritto da kult

    Salvini, il maestro delle STRUMENTALIZZAZIONI. E te pareva. In una tristissima vicenda di pseudo laici e anticlericali accecati.

  16. Scritto da Ugo F.

    Se Stato e scuola sono laici, se le religioni, se il presepe divide, l’addetto funzionario ci tolga tutti i segni religiosi, specie da quelli che ci segnano di più. Espurghi gli Dei dalla settimana: via la Dea Luna, Marte, Mercurio, Giove, Venere,. Sabbath e Domenica! Li faccia numeri (numi?) alla portoghese! Dal Calendario, via Giano, Februa, Mars, Maia, Iuno, Iulius, Augustus e il Ferragosto! Cambi i nomi ai pianeti in cielo e alle note sul pentagramma…. ricorda?

  17. Scritto da Beh

    Strano che gli stranieri nelle nostre scuole studino la storia d’Italia. Mi sembra discriminatorio e offensivo nei loro confronti. Per rispetto direi di toglierla, insieme con quella di Italiano.

  18. Scritto da Facile

    In tal caso la preside farebbe bene a chiamare la forza pubblica e farlo buttar fuori a norma di legge.

  19. Scritto da Giovanni

    E si porti pure un Vangelo, che non mi sembra particolarmente ferrato in materia. Questi usano la religione come mazza ferrata, sono uguali ai tipi dell’Isis.

  20. Scritto da Giuaní

    Assurdo, 4 giorni fa la notizia che le biblioteche bergamasche devono ridurre il numero di ore di apertura per colpa dei tagli. NESSUN COMMENTO.
    Si toglie un presepe in una scuola LAICA in uno stato LAICO e monta la polemica. Non voglio entrare nelle motivazioni e nei pro/contro che hanno portato il preside ad agire cosí, ma rendiamoci conto che i problemi sono ben altri. Non di certo un asinello ed un bue in meno. Non confondiamo le tradizioni con la religione

    1. Scritto da Filippo

      Appunto non si tratta di religione ma di tradizione e quindi perchè dovremmo buttar via le nostre tradizioni, non siamo già abbastanza privati della nostra storia in favore del pensiero prevalente sostenuto dalla logica del consumo e del mercato ?

      1. Scritto da giangi

        la logica del consumo e del mercato è la nostra tradizione. non siamo occidentali cristiani liberal-capitalisti?

    2. Scritto da Celadina

      Dimentichi che lo stato ha firmato tanti accordi e decreti che impegnano le scuole all’insegnamento della religione ufficiale del nostro stato. È vero ci sono problemi più seri ma questo non era un problema prima dell’intervento di questo grande preside

  21. Scritto da gigi

    la posizione del preside e’ formalmente ineccepibile, che poi il presepio non dia fastidio ai non cristiani ci puo’ stare, ma la sua presenza deve essere considerata una concessione, non un diritto sacrosanto.

  22. Scritto da mario59

    e te pareva…il Salvini non ha perso nemmeno questa occasione per strumentalizzare una notizia a favore suo e della lega…incredibile…fa il cattolico poi va alle pagliacciate con le ampolle dal dio po..ed è pure un incallito razzista..fossi il vescovo della sua diocesi lo scomunicherei a vita.

  23. Scritto da celadina

    Il razzismo non esiste nei bambini di diverse razze e religione ma tra gli adulti, e questo adulto, questo grande PRESIDE, con questa decisione, dividerà le famiglie che vivono a Bergamo senza frizioni. E’ inoltre squallido che per attaccare un partito che non sosteniamo, ci siano persone che attacchino le feste cristiane che da anni portano gioia e serenità nelle famiglie italiane.

    1. Scritto da Non Capisco

      Fusione fredda tra religioni e razzismo . Un po di confusione in testa mi pare . Cosa c’entri con la scuola italiana che è laica lo sa il cielo. Il fatto che sia laica è proprio l’elemento che dovrebbe garantire serenità a tutti , uno la religione la pratica o meno, senza urtare la suscettibilità di nessuno.

  24. Scritto da Antonio Giugliano

    il.presepe.va.fatto

    1. Scritto da Massimo

      mo me lo scrivo

  25. Scritto da Andrea

    Io credo che dovremmo togliere anche il caffe’ marocchino al bar…è discriminatorio per gli immigrati di quel paese…

    1. Scritto da Fabiano

      sono d’accordo…. e via il NEGRONI per favore.

      chiaro aperitivo di stampo razzista!

  26. Scritto da La verità fa male

    Bravo Salvini! anche io, fossi un politico, porterei il presepe nella scuola, e se al dirigente scolastico non va bene, si dimetta o chieda il trasferimento (tanto con l’esercito interminabile di personale assunto nella scuola, di un dirigente in meno non sentiremo la mancanza)

  27. Scritto da Maggie

    Assolutamente d’accordo con il preside dell’istituto! Non penso che togliere il presepe dalla scuola sia una cosa così grave, se un bambino ci tiene tanto ad averlo vuol dire che è stato cresciuto in una casa in cui di sicuro non mancherà di esserci per Natale..quindi perché averlo anche a scuola, luogo pubblico frequentato da bambini di culture diverse? Salvini deve sempre lamentarsi ogni qualvolta si fa qualcosa pro-stranieri..a lui non gliene frega nulla del presepe!

    1. Scritto da matteo

      E provare a far funzionare la testa signori??? abbiamo o non abbiamo un’identita’ culturale? abbiamo o non abbiamo le fondamenta cristiane?? e allora per favore non facciamo dei commenti sterili e pseudo-politici, giusto per il fatto di scrivere….il presepe fa’ parte della nostra cultura da centinaia di anni, anche esposto in posti pubblici….non offende nessuno!! facciamoci una domanda…noi, a casa di questi signori che professano uguaglianze e democrazie, potremmo avanzare delle proteste

      1. Scritto da Angelo

        Appunto, con tutta la fatica che abbiamo fatto per avere uno stato democratico e laico poi ci spuntano i ….. matteo ? Vuoi che diventiamo come “a casa di questi signori” come dici tu ? Vuoi fare il presepe ? Fai come me , fallo a casa tua o aiuta a fare quello in chiesa e all’oratorio . Che problema hai ?

      2. Scritto da Atti

        Bravo, giustissimo quanto affermi,se si sceglie di andare a vivere in un determinato paese (per scelta)si rispettano le tradizioni e la cultura di quel paese,se si è scelto di venire in Italia e’perché si ritiene che questo paese sia bello e il presepe e’una di queste bellezze …..

      3. Scritto da Gabriele

        La scuola è un luogo speciale. Non un posto pubblico qualunque.
        Per questo negli Stati Uniti, paese fondato dai Padri Pellegrini e dove si giura sulla Bibbia, è addirittura vietato il crocifisso nelle scuole pubbliche.

  28. Scritto da mario

    ricordo al sig Salvini che non si puo fare la battaglia sul crocefisso e sul presepe(io sono cattolico praticante) e poi fare del bieco razzismo su rom ,zingari ed extracomunitari. ps ma lui non è uno di quelli che va alle sorgenti del dio po x favore basta con questo #assenteista squallido

    1. Scritto da segnalatore

      Se far rispettare le leggi è razzismo allora i leghisti sono razzisti, ma ascolta meglio quello che dicono: rispetto per tutti a prescindere dal colore, ma chi non rispetta le regole deve essere punito!

      1. Scritto da Egidio

        Chi non rispetta le regole deve essere punito!
        Anche il Trota? E Bossi? E la passionaria del SINPA? E Borghezio? si metta quindi in fila ceravamo prima noi.

  29. Scritto da Geppo

    Pazzesco…..allora vietate ai musulmani di portare il velo all’interno delle scuole…..favoriamo gli stranieri e penalizziamo i nostri…….

    1. Scritto da mario59

      Dai Geppo cönta mia sö di scemade…il velo piuttosto che la minigonna fanno parte dell’abbigliamento individuale, non c’entra con i simboli religiosi esposti a tutti

      1. Scritto da Celadina

        Tu sei fuori dal mondo, secondo te le donne con velo, burka, ecc lo fanno perché gli piace mettere un vestito? Sveglia! È religione, imposizione, violenza, divieto di fare le stesse cose che fanno gli uomini.

  30. Scritto da maria

    E’ un’idea inapplicabile in uno Stato, come l’Italia, in cui la religione di base è cattolica.

    1. Scritto da ...

      L’Italia è uno stato laico,lo dice la Costituzione.

  31. Scritto da lega razzista???

    Muuh ahahaha certo la Lega è RAZZISTA, non loro che vietano il presepe! RAZZISTA è colui che viene ad imporre i propri usi e costumi, studia!

    1. Scritto da muhh muhh

      Selvini incensi le ampolle del Dio Po. Di un “difensore” così ne facciamo a meno. STRUMENTALIZZAZIONE PURA.

      1. Scritto da specchi roventi

        Ti stai aggrappando chiaramente sugli specchi ma stai scivolando sempre più in basso. Se non hai argomenti tasi e vai a pregare in una moschea

      2. Scritto da mochela

        Intanto lui è uno dei pochi che ci mette sempre la faccia e dice quello che pensa,a differenza di altri che divagano sempre e non prendono mai posizione.

  32. Scritto da Vincenzo

    Non capisco davvero. Allora facciamo togliere alle studentesse musulmane il velo/burqa, mio figlio cattolico potrebbe non voler vedere quei simboli che dividono (tanto per riprendere le parole del preside).
    Facciamo anche togliere eventuali turbanti! Mio figlio non deve subire ciò che non gli appartiene…no?

    1. Scritto da aris

      giusto facciamo togliere anche il velo alle suore, la papalina agli ebrei ed ai vescovi, l’ abito nero ai preti, il cappellone ai preti ortodossi, l’ abito arancione ai monaci buddisti……..tutti questi peò non fanno presepi.

    2. Scritto da Oreste

      Che palle ! e fatti ‘sto presepe a casa , devi proprio farlo a scuola dove , tra l’altro, nel periodo cui si riferisce non lo vede nessuno perchè le scuole sono chiuse ? E dopo che l’hai fatto a scuola dove vuoi farlo ? anche davanti alla porta di casa del tuo vicino ? Santa pazienza , che ti costa rispettare la laicità dello stato ? E’ pure scritta nella costituzione !

  33. Scritto da claudio

    Questo e’ il risultato dell’accoglienza e del buonismo a senso unico. Il Natale e il Presepe sono sempre stati accettati, nel nostro paese, anche dai non credenti. Ora abbiamo invece chi si prostra a culture che con noi hanno nulla a che fare. Meglio comunque razzisti ( tutto da dimostrare) che calabraghe

  34. Scritto da berghem

    Già che c’è il preside “illuminato” potrebbe chiedere al Ministero di non fare le vacanze di Natale e di Pasqua perché è discriminatorio….Ma con sta gente dove potrà mai andare l’Italia?

    1. Scritto da Mavalà

      E a te per capodanno cosa potremmo chiedere ?

  35. Scritto da stefano b.

    il s. romano impero e il suo natale cristiano fu copiato e poi soppiantò per mezzo di coercizioni violente, la festa del sole invictus in voga tra le popolazioni che non si erano piegate ai voleri mitologici dei nuovi dirigenti dell’impero.
    tutte le feste cristiane furono sovrapposte a precedenti festività “pagane” e per la maggior parte imposte con la violenza. lecito vietarle vista la laicità dello stato e l’inesistenza di prove certe. studiare la vera storia della palestina.

    1. Scritto da planets

      è una risposta troppo colta, tendenzialmente il popolo non ama citazioni storiche che contraddicano ciò in cui ha creduto per generazioni senza riscontri storici oggettivi. E’ preferibile mostrare una certa indignazione e sentirsi intimamente offesi quando il cattolicesimo viene messo in discussione, salvo dimenticare tutte il malcostume legato al mondo cattolico, pedofilia ed evasione in primis. Ogni mafioso che si rispetti non manca di professarsi cattolico osservante

  36. Scritto da abc

    Togliere il presepe è discriminatorio per tutti gli altri bambini. A questo non c’ha pensato quel genio di preside?

    1. Scritto da mimmo

      ma tutti gli altri bambini ce l’hanno a casa propria, no?

      1. Scritto da CELADINA

        A casa propria ognuno fa quello che vuole, fuori ci sono regole della comunità e leggi da rispettare.
        Tipo rispettare le donne, riconoscere la democrazia, giocare tutti insieme senza pensare alla religione, permettere a tutti di parlare/professare la religione che si vuole.
        Questo accade in Italia dove si spendono tanti soldi anche solo per permettere due ore di alternativa durante l’insegnamento della religione. Si costruiscono strutture per professare la propria religione. NON ALL’ESTERO

        1. Scritto da Chiarezza

          Se ha tanto interesse per ciò che accade in italia e per le sue regole si legga la Costituzione . La scuola pubblica in italia è laica. Punto. E’ un principio fondamentale della democrazia che lei cita ed alla quale evidentemente tengo più di lei. E’ proprio ciò che consente a bambini di diverse religioni o non credenti di studiare e giocare serenamente insieme .

          1. Scritto da Celadina

            Altro fenomeno. Parli di costituzione e non sai nemmeno che in essa si dichiara che i rapporti tra chiesa e stato vengono definiti dai patti lateranensi, aggiornati poi da un successivo accordo. Si contano negli ultimi 30 anni ben 8 DPR che garantiscono l’insegnamento della religione cattolica nelle scuole. Altro che laica.
            Dato che sei bravo ad attaccare, prova poi a ragionare e a pensare che se la domenica non lavoriamo, è solo per un accordo con la chiesa.

          2. Scritto da Chiarezza

            Mi pare del tutto evidente che lei dell’art.7 e 8 della costituzione e dei successivi accordi non sa assolutamente nulla e millanta cose non sono per nulla tali . Su internet la costituzione ed i successivi accordi sono a disposizione di tutti . Io sarò un fenomeno, lei è un cacciapalle.

  37. Scritto da muuh

    m bravo! Il presepe non è affare di partiti. La lega è razzista, comunque è anti evangelica.

    1. Scritto da + verande x tutti

      Razzismo è credere una razza, di solito la propria, superiore alle altre. Secondo questa definizione il razzista saresti tu.
      Fenomeno!

      1. Scritto da Narno Pinotti

        Guardi che «razzismo» significa prima di tutto credere che il concetto biologico di «razza» (anzi, di «razze») si possa applicare all’uomo. Glielo avevo fatto già notare giorni fa, ma non aveva risposto. Chissà se lo farà qui.

        1. Scritto da La verità fa male

          Complimenti, adesso che ha tenuto la sua lezioncina aspettiamo che il professore non divaghi dalla questione dell’articolo (il divieto del dirigente di mettere il presepe a scuola e la reazione di Salvini) e che ci illumini con il suo sapiente parere sulla vicenda

    2. Scritto da plebani jacopo

      ma per favore! Una volta che Salvini dice una cosa condivisibile tu tiri fuori i partiti? Dai, fai il bravo