BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bresciani, segretario Cgil scatenato contro Renzi: “Penoso e arrogante”

Il segretario della Cgil di Bergamo Luigi Bresciani scalda il clima in vista dello sciopero del 12 dicembre, quando i sindacati scenderanno in piazza per protestare contro le riforme del governo. Dopo aver assistito alla trasmissione di La7 “Bersaglio mobile”, dove il premier ha risposto alle domande di Marco Travaglio, Marco Damilano e del conduttore Enrico Mentana, Bresciani si sfoga su Facebook.

Più informazioni su

Il segretario della Cgil di Bergamo Luigi Bresciani scalda il clima in vista dello sciopero del 12 dicembre, quando i sindacati scenderanno in piazza per protestare contro le riforme del governo. Dopo aver assistito alla trasmissione di La7 “Bersaglio mobile”, dove il premier ha risposto alle domande di Marco Travaglio, Marco Damilano e del conduttore Enrico Mentana, Bresciani si sfoga su Facebook.

Lo fa con un post molto duro contro il presidente del Consiglio. Nei mesi scorsi il leader della Cgil orobica aveva dimostrato apertura nei confronti del presidente del Consiglio (leggi qui).

E invece ora scrive così: “Ho visto Renzi in Tv: penoso. All’unica risposta diretta "modificare l’art. 18 le è stato ordinato dalla BCE?" non ha risposto. E adesso anche questo scandalo a Roma che vede coinvolto il PD romano…Abbiamo eliminato il finanziamento pubblico ai partiti e la strada è quella di finanziarsi con le cene con Imprenditori, professionisti, faccendieri vari a 1000 euro l’uno: auguri! Questi ti danno 1000 euro per la tua bella faccia?! Non credo proprio… Prima o poi chiedono il conto, sempre. Renzi cadrà da solo perchè è arrogante e supponente con una grande opinione di sè, mal riposta. In sostanza è un vanitoso. Mi spiace solo per le tante compagne e compagni dei Circoli che conosco e non meritano dirigenti di tal fatta! Ma tutto passa, passerà anche lui. Noi ce la stiamo mettendo tutta”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gaetano Bresci

    Fantastico! Il signor bresciani ha scoperto l’acqua calda. Dovrebbe dimettersi per le figure di malta, sue e del sindacato che dirige.

  2. Scritto da Luca Lazzaretti

    Non conosco il sig Bresciani, ma vorrei chiedere a lui e alla Camusso se hanno nostalgia di Bossi Fini e Berlusconi…se non dialogano con un governo di larghe intese con una larga parte di centrosinistra con chi vogliono trattare? Con Salvini e la Pascale?

  3. Scritto da muratore

    bresciani ti sei accorto troppo tardi,perche non è solo renzi ma tutto il pd che è arrogante. un diregente queste cose le deve vedre prima non anni dopo.
    pensa a quanti dei tuoi iscritti devi chiedere scusa, per quanto sei stato arrogante.

    1. Scritto da lavoratore

      E ha anche in comune a Bergamo appoggiato Gori, l’uomo alla destra di Renzi . Se avesse dignità si dimetterebbe ammettendo i suoi tragici errori.

  4. Scritto da tarci

    caro Bresciani non si può far ricadere su Renzi le colpe del Sindacato. Nei problemi di ogni giorno il Sindacato è assente, con gli slogan non si tutelano i lavoratori.
    Bresciani chiedi ai tuoi operatori cosa sta succedendo ai dipendenti di Croce Rossa. Ai lavoratori non è restata neppure la dignità. Altro che art.18 e le grandi vertenze… .

  5. Scritto da darioflautista

    Bravo Bresciani!!! finalmente gliele diciamo chiare

  6. Scritto da Mirko

    Ormai non vi crede più nessuno ora Vogliamo e pretendiamo vedere i Nostri Politici pagati al max con € 1000 al mese, chissà che capiscano tante cose ste MANTENUTI, finiamola di mantenere tutti ste parassiti

    1. Scritto da Cervelli Bevuti

      E a fare il politico a 1000 euro al mese chi ci va ? Quando un dirigente di una piccola azienda prende 10 volte tanto? Siete pieni di genialate come quella del finanziamento pubblico , adesso PER FORZA (senza soldi non si fa nulla, neppure la politica) se li faranno dare da chi vuole qualcosa in cambio, certamente contrario ai TUOI interessi. In tutta l’europa civile c’è il finanziamento : giusto, trasparente , pubblico e controllato. Avete fatto più danni della tempesta. Buon scontrino.

      1. Scritto da Luigi

        Ma noi non possiamo usare come parametro quel che avviene nei paesi civili. Siamo il paese più corrotto d’Europa nonostante il finanziamento pubblico ai partiti sia attivo…. Usano soldi pubblici per le loro ladrate, è sui tg tutti i giorni. Basta soldi alla politica.

  7. Scritto da Marcus

    Concordo con Bresciani. Basta osservare l’incedere di Renzi per capire quanto l’arroganza e la vanagloria gli siano proprie.
    Però un appunto, piccolo piccolo, al sindacato, CGIL in primis lo devo fare: ora vi strappate i capelli per l’art 18 e avete TOTALMENTE taciuto sull’assurda Legge Fornero.

  8. Scritto da glen

    ce la stanno mettendo tutta a fare cosa, scioperi?
    Mi paiono loro piuttosto penosi

    1. Scritto da lavoratore Lucchini

      Aspetta di vederla la classe operaia in piazza, CGIL o non CGIL, e poi vediamo quando senti l’alito degli operai sul collo se sono penosi. Mo basta!

  9. Scritto da Luciano Avogadri

    Tutto questo livore solo per aver tolto un totem come l’articolo 18. Abbiamo combattuto per il divorzio, e per poter monetizzare anche la fine di un matrimonio, ma vogliamo invece obbligare a lavorare insieme due che non si sopportano, senza accettare la monetizzazione della separazione. Ma che idea ha questo Sindacato della dignita’ e della liberta’?

    1. Scritto da gigi

      forse hai le idee un po’ confuse. L’art. 18 serviva a tutelare i lavoratori da chi poteva decidere di licenziare chi gli stava antipatico, o piaceva alla moglie, o, più probabilmente chiedeva il rispetto delle regole in azienda. Questo si chiama libertà e dignità del lavoro (come dice anche il Papa) il resto è arroganza del potere, altro che totem. E la monetizzazione va a carico dello Stato, cioè di tutti noi…

  10. Scritto da Luciano Avogadri

    La sinistra che sega allegramente il ramo su cui sta seduta. Un film gia’ visto.

  11. Scritto da fenomeni parastatali

    Il Sig. Bresciani dovrebbe prima spiegare perchè la crisi ha tagliato solo occupazione nelle imprese private e non nel pubblico e perché l’art.18 non si applica ai sindacati.

  12. Scritto da nino cortesi

    Renzi è un virus preso da Berlusconi.
    L’antidoto è solo il M5*.
    Altrimenti qualunque altro voterete vi ritroverete sempre quelli.
    Non capisco perchè la CGIL non si lanci verso il M5*.
    Se si vuole essere onesti come fai a stare con i delinquenti?

    1. Scritto da Zufolo

      Ma voi non eravate quelli che volevano cancellare i sindacati ?

    2. Scritto da M5s?

      Il M5s? Quello che sta sparendo?

      1. Scritto da nino cortesi

        Aumentano i delinquenti, vedi i fatti romani.
        Presto resterà in piedi solo il M5*.

  13. Scritto da Renzo

    Bresciani ha ragione, ma il sindacato è complice dello stato attuale delle cose. Da decenni manda a far politica i suoi ex leaders sindacali, a riempirsi le tasche con cifre immonde, in confronto ai lavoratori che continuano a perdere potere d’acquisto delle buste paga e perdere posti di lavoro.