Quantcast
Tagli alla sanità, Maroni: “Lombardia penalizzata anche se spende bene” - BergamoNews
La reazione

Tagli alla sanità, Maroni: “Lombardia penalizzata anche se spende bene”

Roberto Maroni, governatore della Lombardia, commenta con disappunto l'accordo tra Governo e Conferenza delle Regioni: “Niente costi standard ma i soliti tagli lineari che penalizzano chi spende bene, come la Regione Lombardia”.

Brutte notizie da Roma sul bilancio delle Regioni: niente costi standard ma i soliti tagli lineari che penalizzano chi spende bene, come la Regione Lombardia”: c’è disappunto nelle parole di Roberto Maroni, presidente di Regione Lombardia, nel commentare l’accordo tra la Conferenza delle Regioni e il Governo in merito ai tagli sulla Sanità.

“Per il 2015 – continua Maroni in un messaggio pubblicato sui propri canali social – nella sanità ci sarà un taglio che potrebbe arrivare a 1,5 miliardi di euro. La sforbiciata azzera quasi del tutto l’incremento del Fondo sanitario nazionale di 2 miliardi, che era stato delineato nel testo del Patto per la Salute firmato quest’estate”.

Dito puntato, quindi, sul compromesso annunciato dal presidente della Conferenza delle Regioni Sergio Chiamparino che, in cambio del taglio sulla sanità da 1,5 miliardi, aveva chiesto al Governo di destinare qualche centinaio di milioni in più al trasporto pubblico locale.

Solo un paio di mesi fa, sempre sui social network, Maroni aveva annunciato, seguendo l’iniziativa del collega veneto Luca Zaia, che la Lombardia era pronta allo sciopero fiscale se gli annunciati tagli lineari da parte del Governo avessero toccato anche la sanità.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Roberto Maroni, governatore della Lombardia, contro i tagli alla sanità
Su twitter
Tagli sanità, Maroni: anche la Lombardia pronta allo sciopero fiscale
Tagli alla sanità: sì dalle Regioni
Legge di stabilità
Accordo Governo-Regioni: tagli alla sanità in cambio di risorse per i trasporti
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI