BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“In necessità virtù” In città e provincia tra cultura e solidarietà

Da venerdì 5 a domenica 14 dicembre a Bergamo, Albino, Dalmine, Ponteranica e Seriate l’appuntamento è con il festival itinerante “In necessità virtù”. La finalità della kermesse è dar voce e corpo a forme di fragilità sociale, attraverso forme artistiche e non solo (danza, teatro, cinema, musica, filosofia).

Da venerdì 5 a domenica 14 dicembre a Bergamo, Albino, Dalmine, Ponteranica e Seriate l’appuntamento è con il festival itinerante “In necessità virtù”. Per tutto il periodo della kermesse saranno organizzati eventi che avranno sede in diversi teatri ed auditorium della Provincia.

L’iniziativa, giunta quest’anno alla terza edizione, intende dare voce e corpo attra- verso forme artistiche e non solo (danza, teatro, cinema, musica, fotografia, filosofia) a forme di marginalità e disagio. Gli organizzatori spiegano: “Lo spostamento della preposizione, non “di necessità…” ma “in necessità…”, presente nel titolo, sottolinea che il festival non tratta della pur nobile capacità di far fronte a situazioni eccezionali, ma della capacità di dimorare in forma virtuosa nella condizione di necessità cui l’uomo, ogni uomo, in quanto uomo, ontologicamente appartiene. Ogni edizione reca poi un sottotitolo che specifica il modo di declinare questa forma di racconto dell’umano. Quest’anno recita “Forme d’arte a contrasto” perché il festival nel 2014 intende dare spazio a voci e corpi che contrastano, intende accostare identità problematiche, sviluppare rapporti stridenti, nella convinzione che in tali rapporti risieda una cruciale esperienza antropologica, storica e personale, di Necessità e di Virtù. Varie saranno le forme di declinazione del rapporto antagonista: il contrasto povertà/ricchezza, il contrasto giustizia/ingiustizia, il contrasto fra corpo che arranca/corpo che volteggia, il contrasto fra inclusione ed esclusione sociale, fra silenzio, di Dio, e dolore, dell’uomo, fra vivere e morire, fra servo e padrone, fra legge e individuo, fra centro e periferia, fra strada e palazzo, fra libero e costretto, fra potere e diritti, fra guerra e pace, fra silenzio e parola, ombra e luce, doppio e identità”.

Al centro degli spettacoli e delle attività la promozione di valori quali la responsabilità di cultura, qualità delle proposte, cura delle relazioni, trasparenza e legalità.

Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito. La manifestazione è promossa da Compagnia Brincadera, Sguazzi Onlus, Csv Bergamo, Cooperativa Alchimia e Cooperativa La Perla Nera. Ad ospitare la kermesse, in tutta la Bergamasca: Palazzo del podestà, teatro sociale, auditorium di piazza Libertà, teatro civico di Dalmine, auditorium del liceo scientifico “Mascheroni, scuola secondaria “Pascoli”, collegio vescovile “Sant’Alessandro”, cineteatro “Boccaleone”, istituto Isc School, teatro tascabile, teatro Eden di Stezzano e teatro Serassi di Villa d’Almè.

È possibile visualizzare il programma dettagliato del festival al sito www.invfestival.it e rimanere aggiornati sulle proposte seguendo la pagina facebook https://www.facebook.com/INVfestival

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.