BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Imu sui terreni di montagna Dopo le proteste il rinvio La tassa a giugno 2015

Le proteste dei sindaci sono servite: l'Imu sui terreni agricoli di montagna sarà rinviata. La tassa era stata introdotta settimana scorsa con una circolare inviata dal ministero delle Finanze. Anche per i Comuni sotto i 600 metri sul livello del mare sarebbe stato obbligatorio riscuotere l'Imu su boschi e terreni di montagna. Impossibile per gli uffici comunali provvedere ad ottenere i soldi entro il 16 dicembre, data fissata per la scadenza fiscale.

Più informazioni su

Le proteste dei sindaci sono servite: l’Imu sui terreni agricoli di montagna sarà rinviata. La tassa era stata introdotta settimana scorsa con una circolare inviata dal ministero delle Finanze. Anche per i Comuni sotto i 600 metri sul livello del mare sarebbe stato obbligatorio riscuotere l’Imu su boschi e terreni di montagna. Impossibile per gli uffici comunali provvedere ad ottenere i soldi entro il 16 dicembre, data fissata per la scadenza fiscale. Di fronte alle proteste degli amministratori (in Bergamasca si sono subito schierati contro Lenna e Albino) il governo ha deciso di fare un passo indietro. La decisione politica è stata presa e sarà confermata giovedì mattina dal sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta in risposta al question time al Senato.

Il rinvio servirà anche per decidere criteri più condivisi per definire le esenzioni. L’Imu sui terreni montani sarà compresa nella nuova tassa locale unica che il governo Renzi ha promesso di varare nel 2015. Il decreto aveva diviso i Comuni in tre fasce, sulla base dell’«altitudine al centro», misurata cioè nel punto in cui si trova il municipio: l’esenzione totale sarebbe stata limitata ai Comuni con altitudine superiore a 600 metri, mentre fra 281 e 600 metri l’Imu avrebbe evitato solo i terreni posseduti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali e nei Comuni fino a 280 metri avrebbe invece coinvolto tutti.

Con qualche in mese in più di tempo potranno essere definite meglio tutte le fasce. Un vantaggio non solo per Comuni e contribuenti, ma anche per lo Stato. Solo con una migliore definizione della tassa infatti potranno essere trovati i 350 milioni che servono. Le prime stime delle amministrazioni locali, sul piede di guerra, non davano conforto ai calcoli fatti dal ministero delle Finanze.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Lisa

    Politici con stipendi max 1000 € mensili, presidente della repubblica stipendio da € 2000 mensili, senatori stipendi nax € 1000 mensili ecc. ecc. BASTA MANTENUTI, basta € basta mantenuti basta pagare tasse per mantenere ste gente

    1. Scritto da Dolores

      Niente di più sbagliato: chi ha responsabilità va remunerato in modo sufficiente. Se ruba va mandato in galera e interdetto perpetuamente dai pubblici uffici. Ciò deve valere per tutti, dal capo dello stato al piccolo funzionario statale. Non è lo stipendio dei politici a farci andare in malora, è tutto quello che gli va dietro, dagli sprechi alla corruzione, vedi ad es l’inchiesta sulla mafia romana. Abbiamo troppi parassiti e i politici sono solo una piccola parte.

    2. Scritto da abc

      Lei farebbe il Sindaco per €1000 al mese? Non esageri.

      1. Scritto da Alberto

        A me basterebbe che guadagnassero quello che (a pari carica politica) guadagnano in Svizzera. Provate ad informarvi quanto prendono lì.

  2. Scritto da loredana

    E’ una vergogna, l’unica cosa che ci resta sono i terreni agricoli e qualche bosco eredità dei nostri genitori, che curiamo e per i quali abbiamo spese non profitti. Amiamo la natura, ci ricordano i nostri genitori, vogliono toglierci proprio tutto. Già paghiamo l’IRPEF su quelli ora anche l’IMU. Scandaloso, va TOLTA ELIMINATA LA SOLA IDEA. Poi si parla di Ecologia, ambiente ecc. ma siete il PD o una nuova Dittatura? dall’oggi al domani su le tasse, giù tutto il resto. fate su Voi la spending

  3. Scritto da il polemico

    terreni impervi che solo per lo stato hanno valore da riscuotere.il governo delle meno tasse, faceva prima a non dare 430milioni alla sicilia ,piuttosto che cercare 350 milioni tassando cose che molti non sanno nemmeno più di avere…l’unica cosa positiva,è che forse grazie a queste trovate,il pd alle prossime elezioni sparisce per nostra soddisfazione.anche se l’erba marcia è dura a morire….ma sperare non costa nulla

  4. Scritto da Alberto

    Il miglior metodo per far marcire le attività dei piccoli coltivatori e allevatori di montagna. Sta tirando davvero parecchio la corda, questo (s)governo…