BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Controllare la mail troppe volte al giorno provoca stress

Dalle ultime ricerche psicologiche è stato appurato che un uso compulsivo delle email provoca stress e ansia. Difatti il 90% degli utenti di email ammette di controllare la propria posta elettronica in modo compulsivo, definita tale dal momento in cui è la prima cosa che si controlla la mattina, ultima cosa la sera, durante i pasti e durante le conversazioni.

Più informazioni su

Dalle ultime ricerche psicologiche è stato appurato che un uso compulsivo delle email provoca stress e ansia. Difatti il 90% degli utenti di email ammette di controllare la propria posta elettronica in modo compulsivo, definita tale dal momento in cui è la prima cosa che si controlla la mattina, ultima cosa la sera, durante i pasti e durante le conversazioni. Infatti secondo un indagine, fatta su migliaia di americani da My.com, filiale locale del gruppo russo Mail.ru., risulta che per tre quarti degli utenti la posta è la prima cosa che guardano appena alzati al mattino, il 48% nell’ora di pranzo, un quarto a cena e il 56% la controlla prima di andare a letto, l’8% addirittura ammette di controllarla “dopo il sesso”.

Ebbene sembrerebbe una vera e propria droga, poiché molte tra le persone intervistate ammettono di aver perso il sonno per lo stress relativo all’email. Una ricerca fatta dall’University of British Columbia afferma questa sindrome: sono stati selezionati 124 adulti di varie professioni: studenti, analisti finanziari, medici ecc, successivamente sono stati divisi in due gruppi, cui il primo poteva controllare la posta elettronica tre volte al giorno per una settimana, tempo considerato limitato, il secondo gruppo, invece, poteva guardare le proprie email ogni qualvolta lo avesse desiderato. La settimana successiva le parti sono state invertite. I risultati dimostrano che“ la gente si sentiva meno stressata quando controllava la mail meno spesso. La maggior parte dei partecipanti al nostro studio ha trovato molto difficile limitarsi nel controllo della posta elettronica poche volte al giorno ma resistere alla tentazione li ha portati a ridurre lo stress” spiega Kostadin Kushlev, autore principale dello studio e dottorando presso il Dipartimento di Psicologia dell’University of British Columbia. Considerata come sindrome da burnout è una vera e propria forma di stress, tanto più che, secondo lo psicologo Albert Bandura, essa contribuisce ad innalzare delle barriere psicologiche, infatti risulta, secondo uno studio pubblicato sul Journal of Applied Psychology, che tramite email le persone tendono a mentire circa il 50% in più rispetto al cartaceo. Sulla base di questo, Kostadin Kushlev invita gli utenti a non rispondere immediatamente ai messaggi ma controllare la posta a blocchi, riducendo sicuramente lo stress.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.