BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Foppa, infermeria piena Prepariamoci a un dicembre ancora più difficile

Senza Blagojevic si sono visti tutti i limiti delle rossoblù contro le campionesse di Piacenza, mercoledì a Modena le cose saranno ancora più dure dal momento che si aggiungeranno alle assenti anche Loda e Radecka. E dicembre sarà un mese difficilissimo.

Più informazioni su

Domenica nera per la Foppa che in un sol colpo perde con Piacenza in tre set, retrocede dal secondo al quarto posto in classifica e soprattutto vede uscire dal campo anzitempo per infortunio Radecka e Loda. Un’infermeria che ospita, lo ricordiamo, anche il capitano Blagojevic la cui assenza è pesata moltissimo già domenica sia per il carisma e la sicurezza che sa trasmettere alle compagne nei momenti difficili, sia per il lavoro condotto in prima persona. Anzi, possiamo dire che proprio con la Rebecchi abbiamo capito davvero cosa conti avere in campo la serba per il suo contributo preziosissimo in seconda linea, che nessun’altra schiacciatrice in organico riesce a garantire.

GIORNATA NEGATIVA – Sotto accusa è finita soprattutto la ricezione che non ha retto ai servizi incisivi di Van Hecke e soprattutto Angeloni (tre aces, decisiva negli allunghi del primo e terzo set), in campo per l’acciaccata e applauditissima ex Di Iulio. Le percentuali del primo set sono state emblematiche (39-26%) con Piacenza brava a cercare Loda e Sylla evitando Merlo ma anche in quelli successivi con Mambelli per Loda la situazione non è migliorata granché. Anche l’attacco ha latitato parecchio con troppi errori (otto per Plak, un passo indietro). Malissimo il servizio, mai in grado di impensierire Piacenza e subissato di errori anche su palloni non certo insidiosi. Complessivamente, tra attacco e servizio, la Foppa ha regalato 21 punti a Piacenza, quasi un set, davvero un gesto di cortesia sciagurato ad una formazione già forte di suo come quella emiliana. Nel terzo set poi, giocato con una sorta di formazione juniores in campo, senza avere possibilità di cambi in palleggio e su palla alta, i valori si sono ulteriormente e logicamente ampliati tanto da rendere ingeneroso qualsiasi commento o possibile critica.  

DICEMBRE DIFFICILE – Una giornata storta può capitare e non vanno dimenticati i meriti delle ragazze in questo primo mese in cui sono stati conquistati punti importanti che serviranno per rimanere a galla in questo dicembre che si preannuncia avaro di punti e soddisfazioni, sia per il calendario e per gli infortuni. "Direi che accusare solo la ricezione non ha senso – ha sottolineato Lavarini a fine match – quando subisci queste sconfitte vuol dire che non ha funzionato niente. Merito a loro che hanno legittimato la vittoria mentre noi non ci siamo espresse come avremmo dovuto". Ora per la Foppa c’è pochissimo tempo per leccarsi le ferite e il calendario impone già mercoledì la difficilissima trasferta di Modena. "Giocare subito – ha aggiunto Lavarini – non lo vedo come uno svantaggio, possiamo metterci subito alle spalle questa sconfitta e poi ho sempre detto che la squadra ha bisogno di giocare più incontri possibili contro avversari importanti per crescere, la continuità non la alleni in palestra ma in partita, sul campo".

OCCHIO ALL’INFERMERIA – Certo tutta l’attenzione è spostata sugli esami a cui si stanno sottoponendo Radecka e Loda. Si deve stabilire la reale entità dei rispettivi infortuni. Le prime voci parlano di problemi al menisco, ci si augura ovviamente vengano smentite. L’appuntamento è quindi per mercoledì alle 20.30 al PalaPanini dove le nostre troveranno le ex Folie e Piccinini a guidare una formazione in un ottimo momento di forma. Fabris, Rousseaux, Rondon sono solo alcuni dei nomi altisonanti di cui può disporre Beltrami. Già affrontarla con l’organico al completo sarebbe come scalare il K2, figuriamoci senza Blago, Loda e Radecka. Nel caso viviamola come una tappa di crescita per le più giovani che avranno l’opportunità di misurarsi contro una big senza l’assillo del risultato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pierpaolo

    Credo che sia nell’ultima tua frase la chiave di lettura del match! Anche se, saranno sogni o castelli in aria, puo’ sempre succedere di tutto… Anche Davide alla fine ha vinto con Golia.
    Comunque vada forza Foppa.