BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Riqualificazione piazza Setti: disagi pesantissimi”

Un commerciante di Treviglio scrive una lettera rivolta al sindaco Giuseppe Pezzoni per criticare la scelta di riqualificare piazza Setti. Il progetto è passato in Consiglio comunale con un solo voto scarto e ha scatenato molte polemiche nel Comune bassaiolo.

Un commerciante di Treviglio scrive una lettera rivolta al sindaco Giuseppe Pezzoni per criticare la scelta di riqualificare piazza Setti. Il progetto è passato in Consiglio comunale con un solo voto scarto e ha scatenato molte polemiche nel Comune bassaiolo.

Buongiorno a tutti sono Emi,

scrivo dal mio profilo personale ma sono uno dei titolari del Jammin in piazzetta Santagiuliana.Volevo postare sul gruppo una lettera aperta al Sindaco Beppe Pezzoni per quanto riguarda Piazza Setti. Parlo da commerciante e (il sindaco lo sa) non ho nessuna appartenenza politica. Caro Beppe ti scrivo questa lettera innanzitutto per ribadire il mio NO alla costruzione del parcheggio interrato per i motivi che ben sai. Ribadisco che questo non è il momento per chiudere il parcheggio per un anno, la situazione economica in generale e in particolare dei commercianti non è certo rosea e nessuno di noi potrà sopportare una chiusura cosi lunga. I disagi che provocherà il cantiere saranno pesantissimi non solo per i commercianti ma anche a tutte le persone che devono portare e ritirare i propri figli nelle scuole adiacenti, per i residenti(che usano il parcheggio di notte) e tutta la gente che non troverà un parcheggio libero nel raggio di centinaia e centinaia di metri, e per ultimo le decine e decine di camion al giorno che lavoreranno per il cantiere. Nelle ultime settimane ho cercato di seguire tutto ciò che si è detto e fatto a riguardo del parcheggio.

Nella riunione congiunta della I e II commissione hai dichiarato che non avresti mai avvallato un progetto che prevedesse anche solo un parcheggio in meno, concetto ribadito nella conferenza stampa di presentazione del progetto. Hai ripetuto più volte che chi andava in giro a dire che i parcheggi erano di meno, raccontava delle "balle". All’incontro con i commercianti hai detto la stessa cosa facendo anche lo spelling " B A L L E ".

Il nostro Prof. delle medie Don Savasta diceva sempre che con la matematica di base ero bravo e siccome la fretta di tutta questa cosa non mi ha mai convinto, ho fatto i conti della serva, quindi ho contato i parcheggi e dopo aver visto il progetto provvisorio i risultati sono i seguenti: i numeri dati dall’ Amministrazione dicono che i parcheggi attuali sono 136, mentre gli stalli del parcheggio interrato saranno 118 pubblici e 25 box da vendere ai privati per un totale di 143. Partiamo dal parcheggio esistente: i posti macchina sono effettivamente 136, ma si sono dimenticati di contare il parcheggio "rosa" e i tre parcheggi per i disabili e visto che nel progetto dei 118 si sono contati anche quelli dei disabili’ mi sembra giusto che vengano contati anche adesso, quindi arriviamo a 140.

Un’ altra dimenticanza sono i 5 parcheggi a pagamento che si trovano davanti alle vetrine di Cesni verso via messaggi che entrano a pieno titolo nel progetto in quanto fanno parte dell’opera e non sono più previsti perché tutta la zona diventerà ZTL. Già questo porta i numeri a 145 esistenti e 143 da fare.

Ma non è tutto…dopo aver contato e ricontato ,numerato e ricontrollato ancora, nel progetto del parcheggio interrato ci sono 115 posti macchina e non 118. Non sono un architetto ma io non li ho visti. Se cosi fosse passiamo a 145 adesso e 140 in futuro. Con la grande stima che ho in te non penso che ci sia malafede, ma credo che stavolta le "balle" le abbiano raccontate a Te.

Con immutata stima e affetto

Emi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gaetano Bresci

    Mio buon Emi, la tua lettera compita e garbata potrà mai far recedere dalla sua demenziale decisione un sindaco portatore di interessi di parte (immobiliaristi, cementisti, coloro che realmente governano il territorio) ? Giammai! Solo l’autorganizzazione e la lotta popolare cosciente e determinata può ambire ad ottenere qualche risultato positivo. Mobilitatevi!

  2. Scritto da Andrea

    Condivido pienamente i contenuti della lettera in quanto corrispondono al semplice buonsenso e spero quindi in un ravvediemento da parte dell’Amministazione.

    1. Scritto da Narno Pinotti

      Il merito degli argomenti si può discutere, ma è una sensazione così sbagliata quella che, a dare ascolto alle lamentazioni dei commercianti (che, lo ricordo, si lamentavano anche prima che esistessero Amazon, Ebay e gli ipermercati), nelle nostre città e perfino nei nostri paesi non si sarebbe mai potuto fare niente di niente?

      1. Scritto da Andrea

        Si, in questo contesto e’ una sensazione sbagliata. La prego, si informi: i parcheggi gia’ ci sono, questo intervento costerebbe 3 milioni senza dare valore aggiunto alla piazza
        Semplice buon senso, ripeto.