BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“In fondo all’anima” la voce inconfondibile di Aldo Tagliapietra

La rassegna internazionale della canzone d'autore “In fondo all'anima” si avvia alla conclusione con il concerto acustico di Aldo Tagliapietra, la leggendaria voce delle Orme, il 5 dicembre.

Si avvia alla conclusione nel segno della migliore musica prog la terza edizione di “In fondo all’anima”, la rassegna internazionale della canzone d’autore.

Il 5 dicembre alle 21 al Teatro Civico di Dalmine si terrà il concerto acustico di Aldo Tagliapietra, la leggendaria voce delle Orme.

Un tuffo nel passato? Non solo, considerando che l’artista, lasciata la mitica band, ha percorso sentieri solitari dando ancor più corpo a quella vena cantautorale che lo distingueva, pur mantenendo quelle sonorità tipiche delle Orme.

E ancora mantiene quella voce inconfondibile che ha fatto di lui una delle figure più importanti della scena prog internazionale.

Il concerto acustico, in trio con Sergio De Nardi alle tastiere e Matteo Ballarin alle chitarre, ripercorre i più grandi successi delle Orme ma dà anche risalto alle sue ultime composizioni con particolare attenzione a quelle tratte dall’album “L’angelo rinchiuso”. Un’occasione unica per ascoltare uno dei più grandi protagonisti della scena musicale internazionale.

L’attività artistica di Aldo Tagliapietra comincia nel 1965, quando entra a far parte del gruppo musicale che vede la luce in quell’anno e che sarebbe diventato noto con il nome “Le Orme”.

Aldo si fa apprezzare subito come cantante e proprio il suo falsetto diventerà il forte elemento di continuità e di riconoscimento del gruppo.

Oltre che la voce è presto anche il bassista e l’autore di gran parte delle canzoni di maggior successo. “Nella pietra e nel vento”, il suo primo disco di canzoni inedite scritto dopo l’uscita dalle Orme, esce a gennaio 2012 e si inserisce nella tradizione della sua tipica vena melodica di cantautore prog. A febbraio accompagna a Sanremo Adriano Celentano che lo ha chiamato, come precedentemente avevano fatto anche i Pooh, a suonare per lui il sitar. Trovati nuovi stimoli, nuove sensazioni e soprattutto una rifiorita vena artistica, nel corso del 2012 compone anche un concept inedito dal titolo “L’angelo rinchiuso”.

Il prezzo del biglietto è di 15 €.

Per maggiori informazioni: info@geomusic.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.