BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo perde 8 punti Scende al 41° posto per qualità della vita

Per qualità della vita Bergamo perde otto punti rispetto all'anno scorso, classificandosi al 41° posto su 107 province italiane. E' quanto emerge dalla classifica stilata dal quotidiano economico Il Sole 24 Ore.

Per qualità Qualità della vita Bergamo perde punti. Otto in tutto e scende di posizione: dal 33° posto al 41° su 107 province italiane analizzate da Il Sole 24 Ore.

Un risultato non certo brillate che pesa, anche perché a livello lombardo precedono la provincia orobica Milano, Sondrio, Brescia e Mantova.

Il capoluogo lombardo risale dal 10°all’ottavo posto, Sondrio all’11° posto perde tre posizioni, Brescia fa un balzo di 27 posizioni assestandosi al 26° posto, infine Mantova conquista quattro posizioni passando dal 38° al trentaquattresimo posto. 

Al primo posto della classifica de Il Sole 24 Ore c’è Ravenna, seguita al secondo posto da Trento, sul podio anche Modena che conquista la medaglia di bronzo. A seguire, dal quarto al decimo posto, ci sono in ordine: Belluno, Reggio Emilia, Aosta, Bologna, Milano, Siena e Bolzano.

Leggi qui la classifica completa: https://drive.google.com/file/d/0B_5_eAhXuHDeTW9qbTRZWjFRQ2c/view?usp=sharing

Dalla ricerca del Sole 24 Ore del Lunedì – che ogni anno confronta le performance delle province italiane tramite un’articolata serie di parametri suddivisi in sei capitoli d’indagine e che quest’anno festeggia la venticinquesima edizione – emerge un divario che caratterizza lo sviluppo del Paese.

C’è ancora netta la divisione tra un Nord che nonostante la crisi cresce e un Sud legato ai suoi vecchi mali, prima di tutto la carenza di infrastrutture e attenzione all’ambiente. Guardando la classifica dell’edizione 2014 nel suo insieme, si osserva una top ten composta prevalentemente da realtà medie o piccole, del Nord Est, montane. E il modello emiliano-romagnolo – nonostante gli scricchiolii avvertiti con la forte astensione alle elezioni regionali di domenica scorsa – dimostra in fin dei conti di tenere, visto che altre tre province accompagnano Ravenna tra le prime dieci (Modena, Reggio Emilia e Bologna).

Quanto alle due maggiori città, entrambe segnano progressi: Milano scala due posti e arriva ottava, Roma ne risale otto e occupa il 12° gradino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giovanni

    Redazione, correggere il titolo con “Provincia di Bergamo perde ecc.”, perchè qui c’è gente che se la prende con Gori; poraccio, è lì da maggio e sembra che sia tutta colpa sua.

    1. Scritto da Gino

      E’ gente che non legge o è un po’ lenta di comprendonio : la statistica è su dati 2013 !

  2. Scritto da sepp

    grazie Tentorio! Questo il risultato di cinque anni senza fare un beato tubo!

  3. Scritto da La verità fa male

    Eh già a Milano e Roma la qualità della vita è altissima, molto più alta di Bergamo, soprattutto nelle periferie (invito i compilatori della classifica, per coerenza con quanto pontificano, ad andarci a vivere nelle periferie milanesi e romane). Gli episodi di cronaca relativi a queste due città (occupazioni illegali di case, manifestazioni infuocate, i fascisti, i centri sociali, casa Pound) immagino che siano invenzioni della stampa legaiola o berlusconiana per denigrarle …

    1. Scritto da sam

      Episodi di cronaca che c’erano pure con sindaci pdl. Però la stampa berlusconiana non se ne accorgeva.

      1. Scritto da La verità fa male

        Ma dove vive?? anche con sindaci P.D.L. c’erano “episodi di cronaca”, ma quelli di adesso non sono “episodi”: si tratta di occupazioni di massa di case popolari (l’ALER Milano stessa ammette che con la Moratti il fenomeno occupazioni si era arenato mentre ha ripreso alla grande con Pisapia), manifestazioni dei centri sociali, risse politiche, speculazioni di parte, campi rom invivibili, periferie disastrate

  4. Scritto da luca

    certo che bergamo è precipitata al 41° posto: sporca, trafficata, insicura, piena di accattoni ad ogni angolo. Cosa volete di più!

    1. Scritto da angilberto

      Ti sei dimenticato di: strade da paura, treni e ferrovie da 3° mondo, cara in ogni settore…

  5. Scritto da kika

    siamo allo sbando

  6. Scritto da paolo

    sarebbe interessante sapere, nello specifico, quali sono gli aspetti considerati per questa classifica. è comunque curioso che città come Roma e Milano siano in crescita, malgrado la cronaca recente potrebbe indurci a pensare il contrario.

    1. Scritto da angilberto

      Nella lista nera di questa città/provincia non vedo da nessuna parte la “mancanza di programmazione futura per proiettare BG e la sua Provincia in Europa e oltre”.

  7. Scritto da GL76

    Oltre a inquinamento e rumore, secondo me il problema principale di BG sono i collegamenti e le infrastrutture. Le tangenziali e le direttrici principali di traffico sono sempre congestionate, per transitare da un città piccola quale è Bergamo a volte ci si impiega un’infinità di tempo, portando grandi disagi anche ai residenti.

  8. Scritto da Carlo

    Matera al posto 76 e Capitale della Cultura Europea. Come possono essere conciliabili le due cose? L’equazione bassa qualità della vita e cultura vanno di pari passo?

  9. Scritto da giovanna

    Va bene abbiamo cambiato passo, ora camminiamo come i gamberi. indietro. Dopo Tentorio ora Gori un unico disastro, le parole sono una cosa i fatti un’altra.

    1. Scritto da alberto

      domandati piuttosto cosa ha fatto il presidente della provincia con la sua giunta leghista che è al potere da 20 anni

    2. Scritto da Gaulois

      Giovanna, ma la classifica 2014 e’ fatta sui dati 2013….indovina un po’ chi faceva i “disastri”? E poi la provincia non e’ Bergamo.
      Un po’ piu’ di obiettivita’ non guasterebbe..

    3. Scritto da Gaulois

      Giovanna, ma la classifica 2014 e’ fatta sui dati 2013….indovina un po’ chi faceva i “disastri”? E poi la provincia non e’ Bergamo.
      Un po’ piu’ di obiettivita’ non guasterebbe..

    4. Scritto da ezechiele

      Qua si parla di provincia, che c’entrano i sindaci di Bergamo?

      1. Scritto da angilberto

        Il capoluogo rispecchia la sua provincia e ne influenza la sua immagine per il 50%.

      2. Scritto da willer

        Allora ad Agrigento si sparano !

        1. Scritto da Andy baumwolle

          Infatti si sparano l’un l’altro…..

  10. Scritto da greatguy

    è già…ha vinto la sinistra…

    1. Scritto da Ah ah ah ah

      Sarà per quello che nelle prime 10 città non c’è un’amministrazione di destra o della lega ?

  11. Scritto da alberto

    E’ ottimistico pensare che siamo al 41° posto. E’ allucinante percorrere le tangenziali attorno a bergamo in quasi tutti gli orari. E tra un anno ci sarà l’expo con conseguenti aggravi sulla circolazione.

    1. Scritto da Pluto

      Lei dice? Quindi avremo milioni di visitatori svaccati per le strade a mangiare pizzette strett food? Milioni di turisti dell’Est che vengono a fare “sciopping” a OrioCenter e poi trascinano i loro trolley pieni di mercanzia -da rivendere a casa loro- per una visita mordi e fuggi a CittàAlta? Milioni di turisti che cercano invano un giardino in Città Alta? Oppure che cercano la strada guardando la cartina di Città Alta affissa “capovolta” in Colle Aperto? Ma no, non ci credo…

      1. Scritto da angilberto

        Hai presente i mondiali del ’90? Speriamo non sia così…