BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta-Avellino, settore ospiti chiuso “Così perde lo sport”

Il dg degli irpini, Massimiliano Taccone, se la prende con la Prefettura di Bergamo che mercoledì ha vietato la trasferta ai tifosi campani: "C'è chi ha dovuto annullare viaggi e prenotazioni, è una sconfitta per tutti".

Più informazioni su

Per i tifosi del’Avelino mercoledì non ci sarà nessuna festa. A deciderlo è stato il Prefetto di Bergamo, Francesca Ferrandino, che, dopo gli scontri post Atalanta-Roma di dieci giorni fa e dopo i provvedimenti presi dal ministro Angelino Alfano, ha imposto il divieto di trasferta per i sostenitori irpini per la gara di Coppa Italia. Una decisione che in quel di Avellino è piaciuta gran poco, soprattutto alla dirigenza biancoverde che mercoledì si aspettava una vera e propria festa per un traguardo, quello del quarto turno di Coppa, che per una squadra di serie B va sempre celebrato: "Subiamo una decisione per la quale la società e i suoi tifosi non sono protagonisti – ha commentato a IrpiniaOggi.it il dg avellinese Massimiliano Taccone -, ritrovandoci tutti vittime di una disposizione da parte della Prefettura di Bergamo. E’ una sconfitta per le istituzioni, per il calcio, per lo sport in generale. I nostri tifosi, da sempre riconosciuti per il loro comportamento esemplare, si trovano costretti, loro malgrado, a dover annullare viaggi e prenotazioni subendo un danno economico per il quale non c’è risarcimento, così come non esiste un risarcimento morale per quanti sognavano di vivere, proprio come accaduto lo scorso anno a Torino contro la Juventus, un’altra indimenticabile festa sportiva. La nostra solidarietà e vicinanza è rivolta ai migliaia di tesserati che può vantare questa società e a quanti di loro hanno dovuto fare giocoforza dietrofront per la trasferta di mercoledì prossimo".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da livia

    chiudiamo tutti gli stadi,che è ora

  2. Scritto da nino cortesi

    Si chiama insicurezza pubblica e sappiamo da che parte politica proviene.

  3. Scritto da nemo

    Questa è la logica conseguenza delle azioni non legali compiuti da coloro che “amano alla follia” la Dea.
    Mi lascia perplesso il silenzio della proprietà.

    1. Scritto da Greatguy

      Ogni tanto sapere cosa si scrive prima di scriverlo. La società ha fatto una dichiarazione ufficiale già la mattina successiva ai disordini.

      1. Scritto da Nermo

        Se ti riferisci a questo http://www.calciomercato.it/news/305949/atalanta-la-societ-condanna-gli-scontri-ultr-polizia.html, mi sembra la classica dichiarazione impersonale…metterci la faccia magari?

        1. Scritto da GREATGUY

          abbi pazienza , la tua è una polemica gratuita, la società ha emesso un comunicato ufficiale chiaro e senza dubbi di interpretazione! tu invece hai detto UNA BUGIA, hai testualmente scritto “silenzio della società” il che NON E’ VERO!

  4. Scritto da greatguy

    ma questi sono tutti pazzi, ste pagliacciate nulla hanno a che vedere con l’ordine publico e con i disordini di Atalanta-Roma (che vanno assolutamente condannati) qui o c’è assoluta incompetenza o c’è malafede! I romani di sabato sera si, gli irpini al mercoledi pomeriggio no….ma bravi tutti a oxford la laurea???

  5. Scritto da mariolino

    è vero.che centrano i tifosi dell avellino?????tafferugli fatti a bergamo andava chiuso lo stadio non il settore ospiti