Emergenza povertà, in città la colletta alimentare di Compagnia delle opere - BergamoNews
L’iniziativa

Emergenza povertà, in città la colletta alimentare di Compagnia delle opere

Il protrarsi della crisi economica continua a far sentire i propri effetti: anche a Bergamo la povertà è in crescita. Per far fronte a questa emergenza, sabato 29 novembre in città Compagnia delle opere organizza la colletta alimentare. Le nuove povertà sono rappresentate da uomini divorziati senza lavoro.

Sabato 29 novembre si terrà in tutta Italia la diciottesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche a Bergamo più di 5 mila volontari parteciperanno all’iniziativa, invitando a donare alimenti a lunga conservazione in uno dei 250 supermercati della provincia ad oggi aderenti (+12% rispetto ai 223 dell’anno scorso). La Colletta Alimentare di quest’anno assume un significato ancora più importante per il Banco di Solidarietà che si trova a far fronte ad una vera e propria emergenza povertà, con crescente domanda di aiuto da parte di famiglie in difficoltà, ricorrendo da gennaio esclusivamente a mezzi propri, essendosi concluso il programma europeo per l’acquisto di beni alimentari dell’AGEA per l’Italia che garantiva sino al 2013 circa 100 milioni di euro l’anno.

Un emergenza, quella della povertà che interessa sempre di più anche la nostra regione , come sottolinea GianLuigi Valerin – Responsabile Regionale della Colletta Alimentare: "In Italia 6 milioni di persone soffrono la povertà, di cui 2 milioni nel Nord Italia e 728 mila in Lombardia. Il Banco della Lombardia riesce a raggiungere un terzo dei bisognosi della nostra regione, che vanta tradizionalmente maggiori indici di benessere ma che manifesta oggi difficoltà crescenti nel contenimento delle nuove povertà. Con la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare vogliamo proporre un gesto gratuito, che ci aiuta, insieme alla nostra attività quotidiana di recupero e redistribuzione delle eccedenze alimentari a rispondere a questa emergenza alimentare che non riguarda più soltanto gli emarginati, gli anziani, i giovani e i disoccupati ma anche gli occupati che con la loro famiglia non riescono più a tirare la fine del mese. Un gesto semplice, con una forte valenza educativa, che chiede di donare una parte della propria spesa per i più poveri con la speranza che condividendo il bisogno del cibo, ogni uomo possa imparare l’unico atteggiamento veramente concreto nei confronti degli altri: l’attenzione e l’amore alla persona cosi come è." Compagnia delle Opere di Bergamo e Banco di Solidarietà di Bergamo allo scopo di far fronte a questa difficile situazione, lanciano una campagna di solidarietà rivolta a famiglie ed imprese bergamasche denominata “Impresa Solidale”. Associazione Compagnia delle Opere – Via Tintoretto 13, 24127 Bergamo – Telefono: 035/20.58.311 – Fax: 035 25.12.90 E-mail: cdobg@cdobg.it Official Website: www.cdobg.it

Come sottolinea Alberto Capitanio, Presidente di Cdo Bergamo, "la difficile situazione economica che ha colpito anche la nostra provincia, ci impone di moltiplicare gli sforzi affinchè la nostra azione non si limiti all’assistenza delle imprese associate nello sviluppo della propria attività, ma coinvolga sempre più l’imprenditore e i propri collaboratori in azioni concrete di aiuto alle tante famiglie che a causa della crisi, vivono in una situazione di povertà. Cdo Bergamo intende mettere a disposizione delle 2.500 aziende associate, il proprio supporto organizzativo e logistico per rendere permanente nel tempo l’iniziativa. Un gesto concreto che interpreta al meglio il significato cristiano del Santo Natale".

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it