“PresenteProssimo” A Caravaggio incontro con Maurizio de Giovanni - BergamoNews
Il festival

“PresenteProssimo” A Caravaggio incontro con Maurizio de Giovanni

Sabato 22 novembre a Caravaggio è in programma un incontro con lo scrittore Maurizio de Giovanni. L’iniziativa rientra tra le proposte di “PresenteProssimo”, il festival dei narratori italiani.

A Caravaggio è in programma un incontro con lo scrittore Maurizio de Giovanni. L’appuntamento è sabato 22 novembre alle 18 nel locale Auditorium centro civico. L’iniziativa rientra tra le proposte di “PresenteProssimo”, il festival dei narratori italiani. A presentare la serata l’autore bergamasco Raul Montanari, direttore artistico della manifestazione.

Maurizio de Giovanni è nato nel 1958 a Napoli, dove vive e lavora, nel 2005 partecipa ad un concorso indetto da Porsche Italia riservato a giallisti emergenti presso il Gran Caffè Gambrinus. Realizza quindi un racconto ambientato nella Napoli degli anni trenta intitolato I vivi e i morti, con protagonista il commissario Ricciardi. Il racconto è la base di un romanzo edito da Graus nel 2006, Le lacrime del pagliaccio, poi riedito l’anno dopo con il titolo Il senso del dolore dando così inizio alla serie delle inchieste del Commissario Ricciardi. Nel 2007 Fandango edita Il senso del dolore. L’inverno del commissario Ricciardi, la prima delle quattro stagioni, segue nel 2008 La condanna del sangue. La primavera del commissario Ricciardi, nel 2009 Il posto di ognuno. L’estate del commissario Ricciardi e nel 2010 Il giorno dei morti. L’autunno del commissario Ricciardi. Per quest’ultimo arrivano anche i primi importanti riconoscimenti. Nel 2011 esce in libreria, questa volta per Einaudi Stile Libero Per mano mia. Il Natale del commissario Ricciardi, nel 2012 si cimenta in un noir ambientato nella Napoli contemporanea e pubblica con Mondadori il libro intitolato Il metodo del coccodrillo. Il suo nuovo personaggio, presente del romanzo, l’Ispettore Lojacono. Nello stesso anno con Einaudi oltre a pubblicare le stagioni del commissario Ricciardi in versione tascabile, edita il romanzo Vipera. Nessuna resurrezione per il commissario Ricciardi. Due anni più tardi, nel 2013 torna in libreria con il romanzo I Bastardi di Pizzofalcone, ispirata all’87º Distretto di Ed McBain, segnando la transizione del personaggio dal genere noir al police procedural, non molto tempo dopo De Giovanni da alle stampe Buio per i bastardi di Pizzofalcone, di questa serie di romanzi sono stati acquistati i diritti televisivi e nel 2015 diventerà una fiction per Rai 1. Nello stesso mese esce un suo racconto, dal titolo Un giorno di Settembre a Natale, all’interno dell’antologia Regalo di Natale edito da Sellerio. Più recentemente, nel 2014 esce in libreria per le edizioni Cento Autori l’antologia intitolata Le mani insanguinate, una raccolta di quindici tra i suoi migliori racconti noir. Infine, nel luglio scorso, esce In fondo al tuo cuore, sempre per Einaudi, l’attesissimo nuovo romanzo del commissario Ricciardi. Il libro ha subito scalato le classifiche di vendita e sta battendo tutti i record dei precedenti. In programma per fine anno l’uscita di ‘Gelo’ , un nuovo racconto dei ‘Bastardi di Pizzofalcone’, la squadra dell’Ispettore Lojacono.

È possibile consultare il calendario completo di “PresenteProssimo”, il festival dei narratori italiani al sito www.presenteprossimo.it

leggi anche
  • L'incontro
    Nicoletta Vallorani apre la nuova edizione di “PresenteProssimo”
    Nicoletta Vallorani
  • La rassegna
    Aldo Nove e Walter Siti ospiti del festival “PresenteProssimo”
    Aldo Nove
  • L’incontro
    Daria Bignardi a Seriate, Montanari la intervista a “PresenteProssimo”
    Daria Bignardi
  • L’intervista
    Lo scrittore De Giovanni: il mio ispettore Lojacono in una fiction coi “Bastardi”
    Maurizio De Giovanni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it