Quantcast
“Non paghiamo la crisi” Corteo degli studenti in centro - Foto e video - BergamoNews
Bergamo

“Non paghiamo la crisi” Corteo degli studenti in centro – Foto e video fotogallery

Studenti, lavoratori precari e persone che stanno vivendo il dramma degli sfratti e della mancanza di lavoro venerdì mattina sono scesi in piazza in occasione dello sciopero generale. Lancio di uova alla sede della Cgil.

Studenti, lavoratori precari e persone che stanno vivendo il dramma degli sfratti: nelle strade del centro a Bergamo sono scesi in piazza per lo sciopero generale. L’iniziativa – uno “sciopero sociale” – è stata indetta contro le politiche del governo Renzi, ma anche quelle degli ultimi vent’anni, e per chiedere soluzioni ai problemi di lavoro, un futuro per i giovani, casa e cultura. (Guarda le foto cliccando QUI).  

“Noi la crisi non la paghiamo”, “Lo studente non ha paura”, “Non ci rappresenta nessuno” e “La nostra cultura vi fa paura” sono gli slogan che animano la protesta. In modo particolare, al centro delle rivendicazioni il problema del precariato, che nega un futuro ai giovani, e la casa come diritto per tutti, chiedendo di fermare gli sfratti. 

Nel mirino delle critiche il jobs act e, più in generale, il capitalismo e la finanziarizzazione dell’economia che – urlano gli speaker – “si inseriscono nelle scuole e vogliono influenzare l’apprendimento degli studenti, e pagano le campagne elettorali, condizionando le politiche dei governi”. Il corteo sul finire della manifestazione si è portatoa sorpresa davanti alla sede della Cgil dove ha "criticato" apertamente il sindacato con tanto di lancio di uova. 

Accanto alle proteste, dalla piazza non mancano proposte alternative. Più precisamente, si chiede maggior sostegno alla cultura e alle biblioteche, citando le difficoltà in cui si trovano i sistemi bibliotecari. Su questo fronte, non mancano riferimenti anche al sindaco di Bergamo Giorgio Gori: “Bisogna investire di più sulle biblioteche per promuovere la cultura, dalla Caversazzi alle altre biblioteche della città” – scandisce lo speaker.

Andrea, uno studente manifestante afferma: "Servono politiche diverse, attente ai giovani. Siamo pronti a rivendicarle e a far sentire la nostra voce. Lo sciopero generale non si ferma oggi e proseguirà con ulteriori iniziative. Invitiamo anche gli altri ragazzi, che ci guardano dalle finestre delle scuole, a unirsi a noi per chiedere tutti insieme un futuro per i giovani".

Paolo Ghisleni

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
leggi anche
Manifestazione degli studenti
La manifestazione
Corteo degli studenti Bergamo mezza paralizzata “Non tagliate l’istruzione”
Generico
Traffico
Corteo degli studenti Bergamo bloccata Automobilisti infuriati
Generico
La manifestazione
Corteo studentesco in centro a Bergamo, possibili disagi al traffico
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI