Schianto contro il cancello del santuario: muore a 25 anni - BergamoNews
Caravaggio

Schianto contro il cancello del santuario: muore a 25 anni

Michel Mapelli, un 25enne di Calvenzano, è deceduto nella notte dopo essersi schiantato con la proprio auto contro la cancellata del santuario di Caravaggio. Ancora da chiarire le cause della tragedia.

Incidente mortale nella notte a Caravaggio. Michel Mapelli, un 25enne di Calvenzano, è deceduto nella notte dopo essersi schiantato con la proprio auto contro la cancellata del santuario di Caravaggio.

Ancora da chiarire le cause della tragedia. Il giovane avrebbe fatto tutto da solo, perdendo il controllo della Polo blu su cui viaggiava, forse a causa di un colpo di sonno o dell’asfalto reso scivoloso dalla pioggia che stava candendo nella zona.

Al termine del viale che porta al santuario, invece di svoltare a destra ha tirato dritto, finendo contro il cancello in ferro battuto.

Quando i medici del 118 lo hanno soccorso era in gravi condizioni, ma respirava ancora: è morto nella notte all’ospedale di Treviglio. I carabinieri sono al lavoro per stabilire le cause dell’incidente.

Michel, che aveva frequentato l’istituto tecnico industriale di Treviglio, lavorava da alcuni anni nell’azienda agricola di famiglia. Il giovane era molto conosciuto a Calvenzano, come dimostrano i numerosi messaggi di cordoglio pubblicati sulla sua pagina Facebook dalle prime ore dopo la morte. Oltre a un gran numero di amici, lascia nel dolore i genitori e una sorella di 19 anni.    

leggi anche
  • Il giallo
    Matteo, 23enne scomparso: prelievo Bancomat di 40 euro a Roma
    Matteo Abati
  • Il dramma
    Tirana, 55enne di Alzano ucciso in un night a colpi di pistola – Video
    Giampaolo Azzola, ucciso a Tirana
  • Il ricorso
    Associazione a delinquere Cassazione riporta in aula gli ultrà dell’Atalanta
    Gli incidenti di Alzano Lombardo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it