BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Stato di agitazione dei dipendenti provinciali “Futuro non garantito”

I dipendenti della Provincia di Bergamo sono in stato di agitazione. La protesta è stata decisa nell'assemblea che si è tenuta nel pomeriggio di venerdì per discutere dei tagli previsti dal governo nella Legge di Stabilità all'esame del parlamento che rischiano di anticipare la chiusura delle province e mettere in crisi l’erogazione dei servizi. “I tagli previsti dal governo sono insostenibili soprattutto per una provincia come quella di Bergamo".

Più informazioni su

I dipendenti della Provincia di Bergamo sono in stato di agitazione. La protesta è stata decisa nell’assemblea che si è tenuta nel pomeriggio di venerdì per discutere dei tagli previsti dal governo nella Legge di Stabilità all’esame del parlamento che rischiano di anticipare la chiusura delle province e mettere in crisi l’erogazione dei servizi. “I tagli previsti dal governo sono insostenibili soprattutto per una provincia come quella di Bergamo che dovrebbe, se i tagli fossero confermati, ridurre di un terzo le spese correnti” dichiara Marco Brumana, Segretario della FP CGIL di Bergamo. “Un taglio del genere comporta la mancata erogazione di servizi essenziali quali la manutenzione delle strade e il riscaldamento delle scuole e la mancanza di una garanzia per il futuro dei 570 dipendenti dell’Amministrazione” Chiaro anche l’appello che è arrivato dall’assemblea dei dipendenti ai parlamentari del territorio: “chiediamo al parlamento di modificare questi tagli – continua Brumana durante il suo intervento all’Assemblea dei dipendenti della Provincia – Le province hanno già dato, più che tutti gli altri livelli dello stato. Siamo disponibili ad eventuali e possibili ulteriori sacrifici ma solo se utili a mantenere i servizi ai cittadini ed i livelli occupazionali.”

Il presidente Matteo Rossi, eletto da poco più di un mese, condivide la preoccupazione dei dipendenti. “Ho ricevuto oggi da parte dei dipendenti della Provincia la comunicazione circa lo stato di agitazione del personale deciso in seguito ai tagli  del governo sul 2014 e sul 2015 che mettono in discussione l’erogazione di servizi essenziali e I livelli di occupazione. Come Presidente della Provincia condivido la preoccupazione dei dipendenti e ho gia’ convocato un incontro per lunedì alle ore 15.00 con i rappresentanti della Rsu durante il quale condividerò i numeri e le scelte degli equilibri di bilancio del 2014 e invitero’ i lavoratori ad intervenire di fronte ai Sindaci bergamaschi durante l’assemblea del 12 novembre. Il gonfalone della Provincia sarà dunque a fianco delle bandiere delle organizzazioni sindacali nella battaglia per la modifica della legge di stabilita’. Mi sento in questo senso impegnato a tenere compatto il fronte territoriale, Provincia-Sindaci-Sindacati, con l’obiettivo di modificare quelle scelte del Governo che mettono in discussione servizi come strade e scuole oltre che i lavoratori che su quei servizi operano.  Chiediamo al parlamento di riconquistare la propria centralita’ e ai parlamentari che rappresentano la bergamasca di adoperarsi per ridare centralità e dignità al nostro territorio e agli enti locali”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Angelo

    Comunque io ho i braccetti dello sterzo e le sospensioni della mia auto devastati dalle strade colabrodo, e non si trova nessun responsabile!!! Chi me li paga?

  2. Scritto da Berghem

    In quanto dipendenti statali avranno votato in massa PD…e adesso con la legge Delrio (del PD) rischiano di rimanere a piedi???? Buon viaggio allora.
    Ps: tanto gli statali non vengono mai licenziati,al massimo li manderanno a passar carte in qualche altro ufficio…quindi che non si lamentino troppo!!!

    1. Scritto da Luigi

      Sono d’accordo! Ed è una sciagura!

  3. Scritto da Calore

    Non si deve fare di tutta un’erba un fascio ma, per averci lavorato, vi assicuro che almeno il 30 % del personale e ‘ inproduttivo e se qualche dipendente e’ sincero dovrebbe ammetterlo Altro discorso sono i dirigenti coloro che si portano a casa dai 3000 € in su, di questi ne salverei gran pochi, molti sono solo capaci di pensare a non avere rogne e sono veramente incapaci sia di gestire il personale che il loro Servizio

  4. Scritto da Padania Celtica

    E’ bello che una regione che butta nel c…. 65 miliardi all’anno di residuo fiscale poi non abbia qualche centinaio di milioni per mandare avanti alcune province: dopotutto è quello che i Lombardi si meritano

    1. Scritto da Sciò !

      Quello che i lombardi non si meritavano è la lega . Grazie al cielo andranno fuori dai piedi molto presto anche dalla regione.

      1. Scritto da Padania Celtica

        Come Volevasi Dimostrare: il problema dei Lumbard è la Lega Nord,non fare-i-propri-interessi. Avanti così!

  5. Scritto da Roberto

    e’ ora che tanti fannulloni se ne vadano a casa… si e una generalizzazione e come tale e’ offensiva ma nn me ne frega nulla… gente che nn ha fatto nulla in ottica di prevenzione.. prvenzione del mantenimeno del proprio posto ahahahahahah…… dispiacew per qualcuno di questi ma sicuramente nn dispiace la modifica del titolo V della costituzione che andra a rendere ancora piu inutile di quanto nn lo sia gia oggi un ente come la provincia,,, e soprattutto la provincia di Bergamo…

  6. Scritto da Enzo

    Pensate che è anche a causa vostra (dipendenti pubblici) se il nostro non è più garantito da un pezzo. Ringraziate il cielo che non venite licenziati e al massimo qualcuno verrà fatto ruotare in qualche altra mansione.

    1. Scritto da star

      Qualunquismo BECERO. Bravo, complimenti superi tutti i tuoi “colleghi” precedenti

      1. Scritto da tex

        la verità fa male nè ? esempio, vai al centro per l’impiego ( magari sei uno di lofo ) e ti rendi conto che serve solo per il loro impiego, per il rersto non serve a nulla, sono solo chiacchiere e promesse NON mantenute, ti parlano di colloqui individuali , corsi ecc ecc ma null’altro Negli ultimi anni purtroppo mi son dovuto recare da loro e ho trovato impiegati che mi parlava mangiando la banana, uffici con pc accesi e impiegati diciamo asssenti ………uno schivo e non giustificabili

      2. Scritto da Enzo

        Vorresti forse negare che in Italia si è fatto abuso di “posti”? Vorresti forse negare che quei “posti” sono sulle spalle di tutti noi? Non sto dicendo che nel pubblico non ci sia gente che lavora alacremente e seriamente, anzi,sto dicendo che è un settore squilibrato in molti aspetti e sicuramente protetto , anche a fronte di banali cambi di ruolo a fronte di esigenze organizzative appartenenti a questa era ! Questa situazione qualcuno la sta pagando , o è una osservazione “becera” ?

        1. Scritto da star

          beh, converrà che così è un pochino, appena, appena diversa la questione e il MODO. Comunque stia tranquillo tex, NON sono dipendente, e non lavoro in Provincia. Mi indegna veder ragionare per LUOGHI COMUNI. Proprio perché di disonestà e furbizia non albergano sotto una sola categoria. A danno degli altri.

          1. Scritto da Arnaldo

            Meglio qualunquisti, meglio ragionar per luoghi comuni, che essere falsamente politically correct buonisti, rei di aver lasciato smembrare un Paese che era patria di Leonardo, di Michelangelo, di musicisti eccelsi, della civiltà Romana (ma anche di tutte quelle splendide culture e Arti locali). Meno dannoso un qualunquista, della classe politica italiana accomodatrice di amici e ladra sui cittadini contribuenti!!! Quelli che possono, scappano dall’Italia: sarà colpa dei qualunquisti???

          2. Scritto da oldA

            Proprio il qualunquismo produce i danni che lei denuncia. Con questo sistema chi è onesto è sempre screditato e perdente. Bravo, bravo, E si prenda le sue belle responsabilità di questo sfascio italiota.

          3. Scritto da Arnaldo

            Eh già: è a causa mia se dall’Italia se ne vanno il doppio di quelli che arrivano…. Lei è sicuramente uno dei responsabili, quelli con la chiacchiera fluente…. tra poco non basterà più chiacchierare bene…. i morsi della fame ai poveri scateneranno il cannibalismo…

  7. Scritto da giorgio

    è ora di tagliare il personale di enti inutili come la polizia provinciale e molti altri dipendenti della provincia ben 570 !!!! messi li da un sistema clienterale altro che tagliare i servizi

    1. Scritto da Walter

      Mi vuole spiegare il perchè tagliare la Polizia provinciale,e poi chi mandiamo a contrastare il bracconaggio a chi facciamo fare i controlli sulla caccia etc? Lei lo sa quanti sono gli agenti del CFS in tutta la nostra provincia,e poi chi ci mandiamo a prendere i cacciatori di frodo i CC?!

      1. Scritto da tex

        perchè la polizia provinciale è un’orticello privato e non serve a nulla se non a loro. Eliminando loro le risorse vanno date al Corpo Forerstale dello Stato. In italia ci sono troppi orticelli privati che non servono a nulla.

  8. Scritto da il polemico

    beh,sto renzi taglia tutto,tranne gli occupanti e i costi di palazzo chigi e madama,pensioni d’oro comprese…solo le tasse ai cittadini non le taglia,ma le raddoppia per la gioia dei suoi elettori

    1. Scritto da Ascuàlmar

      A tagliarle ci avevano già pensato i tuoi amici berlusconi e lega …… Polemico , lassa pert, dam a trà.

      1. Scritto da Padania Celtica

        Bèèèè un contributo prezioso! Scùa scùa àsu lumbard,l’important l’è pagàa fin a l’ultim par mantegni i piocc del sudan

        1. Scritto da What ?

          Che lingua è ? Qui da noi a Bergamo se ne parla un’altra .

          1. Scritto da Padania Celtica

            Se ti te se extracee (nappolese,ruman,sicùlo) mi io nen culpa! Mi se ti a’t parli an tla to lengua (ol Bergamasch) sun ben cuntent e capìsi BENISSIM. Se però te set un forèst (foresto) parluma pure talian. A’m piasu nen quei che “fan finta de nen capì” par denigrà la nostra lengua (par po’ parlà i loru dialet del menga,nappolese,siciliese ecc A CA’ NOSTRA).

  9. Scritto da giggi

    nessuno ha il futuro garantito.

  10. Scritto da Mister Bean

    Dai, adesso attendo le truppe cammellate della sx dare la colpa alla lega. “Forza signori venghino, che più gente entra e più bestie si vedono!”

  11. Scritto da era ora

    Dopo tutte le auto blu e gli autisti di Bettoni (e tutti gli altri presidenti che si sono avvicendati dal dopoguerra), dopo tutti i paggetti e giocolieri, dopo che la sede è in un palazzo prestigioso e sfarzoso, un po’ di austerità anche per loro…. Se uccidi la mucca dalla quale mungi (lavoratori contribuenti privati), prima o poi rimani anche tu con la bocca asciutta…..

    1. Scritto da Lino

      Povero illuso, questi non saranno mai disoccupati. Gli inventano qualche funzione bislacca, et voilà.