BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gori incontra gli studenti “Città inospitale con voi, ora cambieremo le cose”

Il sindaco di Bergamo alla Consulta universitaria: "Negli ultimi anni troppi ragazzi hanno preferito altre sedi per portare avanti gli studi, non va bene. Nella scala delle priorità di questa amministrazione l'università ha un posto importantissimo, siete il nostro futuro economico".

Università e territorio, due realtà vicine ma distanti che per il futuro hanno tutte le intenzioni di collaborare. E’ stato questo il messaggio lanciato nel dibattito organizzato venerdì 31 ottobre nell’università di via dei Caniana, in occasione della Consulta degli studenti presieduta da Marta Rodeschini. Tra gli invitati, oltre al rettore Stefano Paleari, anche quattro istituzioni: il sindaco di Dalmine Lorella Alessio, il sindaco di Curno Perlita Serra, il consigliere regionale Silvana Saita e il primo cittadino di Bergamo Giorgio Gori. E’ stato proprio a quest’ultimo che sono state rivolte il maggior numero di domande: "Nella scala delle priorità di questa amministrazione l’università ha un posto importantissimo – ha rassicurato subito gli studenti il sindaco orobico -. Questa città, purtroppo, in passato è stata troppo poco ospitale nei confronti di voi studenti, portando sempre più ragazzi a scegliere altre sedi per gli studi. Questo è un trand che noi vogliamo invertire, perché la nostra realtà non può immaginare un futuro economico florido se non si rinnova con un’iniezione di conoscenza".

Tra i progetti che il Comune di Bergamo sta cercando di portare avanti ci sarebbe anche quello che a Milano è stato ribattezzato "Prendi in casa uno studente", un modello di coabitazione tra anziani autosufficienti e studenti fuori sede: "A breve ci saranno delle importanti novità – ha spiegato Gori -, crediamo molto in questo progetto che, solo a Milano, ha visto la sistemazione di più di 650 ragazzi. Ma non solo: stiamo pensando di portare il Centro Universitario nell’accademia della Guardia di Finanza, sempre che vada davvero in porto il trasferimento di quest’ultima nell’area degli ex Riuniti, mentre per i trasporti siamo pronti a muoverci in maniera importante, ma serve un cambiamento di mentalità anche dei cittadini: per il 2015 abbiamo stanziato 500mila euro per creare e migliorare le piste ciclabili di Bergamo, per questo mi sono detto contrario ai nuovi parcheggi in via dei Caniana. Le alternative ci sono, cercate di sfruttarle soprattutto voi giovani".

Il consigliere regionale Saita ha invece evidenziato "quella grande disattenzione che lo Stato ha avuto negli ultimi anni verso l’istruzione e verso la cultura. Nella mia vita – ha continuato l’ex sindaco di Seriate – ho fatto un percorso culturale importante. Ma senza agevolazioni, solo ed esclusivamente per scelta mia. Questa cosa deve cambiare, tutti devono avere il diritto di studiare, di crescere, anche chi non ha alle spalle una famiglia che può coprire tutte le spese. Porterò in Regione tutte queste problematiche". Un’idea, quella di Saita, ampiamente condivisa anche dal sindaco di Curno Serra: "Se non investe nell’istruzione e nell’università questo Paese non ha la possibilità di risollevarsi. La nostra speranza è di mettere a disposizione dei ragazzi quanti più mezzi possibili per effettuare un percorso di studi nel migliore dei modi".

Infine il sindaco di Dalmine, Lorella Alessio, ha anunciato una novità che riguarderà il suo comune: "Nel prossimo consiglio comunale – ha spiegato – contiamo di creare una commissione non consiliare fatta di amministratori e rappresentati dei due istituti di Dalmine e dell’università, dalla quale dovranno nascere azioni sostenibili per una maggior collaborazione tra il Comune e gli studenti".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cristina noris

    attenti all’h…! Ha visto…non a visto…! ( scusarte ma sono una maestra!)

  2. Scritto da 55 mano

    Finalmente è arrivato chi promette, promette, promette……………

  3. Scritto da STUCCHEVOLE

    Ma suvvia Sindaco, chi può va dove c’è qualità di Studio. A parte poche facoltà, ciò significa lontano da Bg… basta retorica politica. Stucchevole

    1. Scritto da Lionel

      Sono d’accordissimo: adesso fa il moralista ai ragazzi, ma è quello che ha introdotto in Italia la cultura del Grande Fratello in tv. Ma cosa vuol insegnare agli studenti? Proprio stucchevole retorica politica. Come mai certe persone riescono ad avere più personalità con disinvoltura?

      1. Scritto da Cris

        Quoto al 100×100. Ora ci fanno scuola di moralismo. Ovviamente dopo aver rovinato la mente dei nostri ragazzi. Ora poi dai vip arriva la moda di dire che da piccoli sono stati tutti violentati!!!!!!’