BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Moschea, Lega all’attacco “La priorità di Gori: prima gli immigrati”

Il tavolo interassessorile avviato dall'amministrazione di Bergamo per individuare il luogo adatto a realizzare la nuova moschea scatena la protesta della Lega Nord. Era prevedibile, perché il Carroccio sul tema non ha mai ceduto un passo. In campagna elettorale, ad esempio, non è passata settimana in cui l'ipotesi di moschea sia stata al centro di un manifesto, di un comunicato stampa o di un tweet. E' ancora Daniele Belotti, segretario provinciale della Lega Nord, a sferrare l'attacco alla Giunta.

Più informazioni su

Il tavolo interassessorile avviato dall’amministrazione di Bergamo per individuare il luogo adatto a realizzare la nuova moschea (leggi qui l’articolo) scatena la protesta della Lega Nord. Era prevedibile, perché il Carroccio sul tema non ha mai ceduto un passo. In campagna elettorale, ad esempio, non è passata settimana in cui l’ipotesi di moschea sia stata al centro di un manifesto, di un comunicato stampa o di un tweet.

E’ ancora Daniele Belotti, segretario provinciale della Lega Nord, a sferrare l’attacco alla Giunta: “Oh perbacco, addirittura 4 assessori al servizio degli islamici ! La giunta Gori si conferma ancora una volta per le sue priorità: prima gli immigrati poi i bergamaschi. La Lega non si muove di un millimetro sulle moschee. Dal medioevo abbiamo fatto dei passi in avanti, vogliamo tornare indietro?”

Molto critico anche il capogruppo a Palafrizzoni Alberto Ribolla: “Quattro assessori schierati per definire dove realizzare la moschea, seguendo l’esempio della Giunta guidata da Pisapia. E’ questa dunque la priorità per il sindaco Gori? I bergamaschi -dichiara – prendano atto del fatto che la Giunta di centrosinistra, che in cinque mesi non è stata in grado di approvare delibere operative per risolvere le tante questioni che interessano la nostra città, profonde invece un grande impegno per individuare il luogo adatto alla realizzazione di una struttura di cui Bergamo e i suoi cittadini non hanno bisogno. Poco importa a Gori che i servizi segreti abbiano recentemente confermato l’allarme terrorismo nel Paese. Eppure questo dovrebbe essere un motivo più che sufficiente per bloccare il proliferare di luoghi di incontro per islamici dove, purtroppo, la religione è spesso solo un pretesto per inneggiare all’odio e alla violenza contro l’Occidente. Piuttosto che pensare a realizzare altre moschee – che tra l’altro nel recente passato hanno visto accogliere imam estremisti che predicavano la jihad (l’ultimo caso l’imam bosniaco dell’ISIS) – la Giunta di centrosinistra si preoccupi di chiudere quelle abusive, come quella di via Quarenghi, che creano  grandi problemi di sicurezza e ordine pubblico per chi vive nelle vicinanze. Gori, dunque – conclude Ribolla – , sappia che la Lega Nord farà una dura opposizione e che la gente è con noi”.

Giorgio Gori ha vinto contro Franco Tentorio, sostenuto anche dalla Lega Nord, con un punto molto chiaro nel programma, ribadito più volte in campagna elettorale: “Il nostro impegno è quello di favorire la piena espressione della libertà di culto sancita dalla Costituzione. Riteniamo inaccettabili, per i musulmani che vi si riuniscono per pregare e per i residenti che ne subiscono i disagi, le situazioni che si sono determinate in via Cenisio e in via dei Cabrini, alla Malpensata. Siamo quindi convinti della necessità, in sede di revisione del PGT, di individuare una singola area nella quale autorizzare, a spese delle comunità religiose, l’edificazione di un nuovo luogo di culto. La localizzazione dovrà avere una buona accessibilità ed essere adeguatamente separata dalle zone residenziali. Non abbiamo già scelto il luogo in virtù della complessità (urbanistica e sociale) di questa scelta, ma siamo fermamente intenzionati ad avviare un percorso di condivisione con tutta la città”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Miki

    La provincia di Bergamo fra un po’ fallisce a causa dei tagli deicisi da roma e questi GENI parlano della moschea. Buffoni indegni persino di chiamarsi Ln

  2. Scritto da Lega Nord Pognano

    Confermo le parole di Daniele Belottti
    La moschea no!!!

    1. Scritto da Lega sud Maletto

      Conferma anche il 75% di tasse in Lombardia e che state facendo qualcosa per ridurre il residuo fiscale mandato a roma. Chè queste str… non riempiono le tasche nè dei Lumbard nè della provincia fallenda di Bergamo: mi pare che le uniche cose che vi riescono bene ultimamente sono le epurazioni dei militanti scomodi, mascherate da cig “perchè non ci sono più soldi”

      http://www.affaritaliani.it/politica/la-lega-271014.html?ref=ig

    2. Scritto da Question

      Dovrebbe fregarcene qualcosa ?

  3. Scritto da bob

    Questa volta la lega ha ragione. Invece dovrebbe essere: prima gli Italiani.

  4. Scritto da patroclo

    scopri l’ossimoro in questa frase: “La Lega non si muove di un millimetro sulle moschee perché la nostra civiltà”

  5. Scritto da a

    Belotti… hai mai pensato che se ci fosse una Moschea ci sarebbe anche maggior controllo?

  6. Scritto da Giona

    I cittadini, che sapevano come la pensava Gori su questa vicenda, si sono espressi chiaramente quindi Belotti e le sue opinioni (eufemismo, ne ha solo una) se ne facciano una ragione.