BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sportiello superlativo, l’Atalanta si salva con la corazzata Napoli fotogallery

Il portierone nerazzurro salva i suoi parando allo scadere un calcio di rigore a Higuain e regalando ai bergamaschi un punticino d'oro contro gli uomini di Benitez al termine di una gara complicatissima. Prima il botta e risposta tutto argentino tra il Tanque Denis e Higuain.

Più informazioni su

di Luca Bassi

Mille emozioni, due gol tutti argentini e una parata, quella di Marco Sportiello sul calcio di rigore di Gonzalo Higuain. Atalanta-Napoli si potrebbe riassumere così, con un primo tempo tutto di marca campana e una ripresa che ha visto uscire l’immenso carattere dei bergamaschi, capaci di passare in vantaggio in una partita complicatissima e di sfiorare l’impresa contro una delle big della serie A.

Colantuono per riscattare il brutto ko di Udine torna a puntare sul Tanque Denis al centro dell’attacco. A sorpresa si vede un inedito 4-5-1 che riporta in campo dal primo minuto anche Raimondi, Del Grosso e Stendardo. In campo dall’inizio anche Cherubin, con Baselli e Cigarini in cabina di regia supportati dalla sostanza di Migliaccio: il sacrificato è Carmona, che rifiata per la prima volta in questa stagione.

Il primo tempo, come detto, è tutto del Napoli. A confermarlo è il chiarissimo dato del possesso palla all’intervallo: 16′ per i campani, solo 5 per i nerazzurri. Gli uomini di Benitez creano molto e mettono spesso in crisi la difesa di Colantuono, che regge grazie a uno Sportiello in giornata di grazia.

Nella ripresa si vede un’altra Atalanta: Cigarini fa il Cigarini in mezzo al campo, Moralez si muove con continuità e Denis gioca per la squadra. I frutti arrivano al 12′ quando Raimondi si inventa un cross al bacio per il Tanque che sfugge alla marcatura di Albiol e batte Rafael con un colpo di testa preciso preciso. Il gol dell’1-0 esalta i bergamaschi che, sempre con Denis, avrebbero anche la palla del raddoppio ma il cross basso di Maxi Moralez è un attimo troppo lungo e Koulibaly può liberare la sua area di rigore. Poi la sciocchezza di Cigarini che si prende due cartellini gialli evitabilissimi (il primo per delle proteste inutili), lasciando i suoi in inferiorità numerica nel momento più delicato. Così, il pressing del Napoli cresce e porta, al 41′, al gol del pari firmato Higuain.

Nel finale succede di tutto: prima Insigne sfiora il sette con un destro a giro, poi Zapata si fa mettere a terra da Stendardo in area: è calcio di rigore. Dagli undici metri, però, il Pipita si fa ipnotizzare da uno splendido Sportiello che vola alla sua sinistra e respinge il tiro, consegnando all’Atalanta un punto d’oro, pesantissimo.

La panchina di Colantuono è salva e domenica a Torino servirà un’altra prova di carattere. Ma non ci saranno gli squalificati Benalouane e Cigarini. 

 

La diretta del match, minuto per minuto

SECONDO TEMPO

49′, finisce qua: Atalanta-Napoli è 1-1. Sportiello è l’eroe di giornata.

47′, che emozioni in questo finale al Comunale.

46′, SPORTIELLO RESPINGE IL CALCIO DI RIGORE DI HIGUAIN, si resta sull’1-1.

46′, Zapata strattonato da Stendardo in area, è calcio di rigore.

44′, 5′ di recupero.

44′, si sbilancia il Napoli ora con Zapata che prende il posto di Ghoulam.

42′, Colantuono adesso si copre: fuori Maxi Moralez, al suo posto Carmona.

41′, quello dell’attaccante argentino è un gol da vero campione: spalle alla porta, controlla la palla e si gira in fazzoletto, battendo Sportiello con un destro potente e preciso.

41′, pareggio del Napoli: ha segnato Higuain.

38′, Cigarini tocca con la mano e si prende il secondo giallo: la sua partita finisce qua.

34′, fuori Del Grosso, dentro Dramè: è il secondo cambio di Colantuono.

30′, doppio cambio: Colantuono richiama Raimondi e butta nella mischia D’Alessandro, Benitez inserisce Jorginho al posto di David Lopez.

29′, destro a giro di Insigne, palla a lato di pochissimo. Napoli pericoloso.

28′, Raimondi non sta bene, ha dei problemi a un polpaccio: è pronto D’Alessandro.

24′, molto meglio adesso i nerazzurri che, probabilmente sbloccati psicologicamente dal gol del Tanque, ora soffrono molto meno. Il Napoli, al contrario, sembra essere rimasto stordito dallo svantaggio: gli uomini di Benitez attaccano senza lucidità e si difendono con apprensione.

22′, Mertens va giù in area, l’arbitro ferma il gioco ma lo ammonisce per simulazione. Il replay dà ragione al direttore di gara.

20′, giallo per Raimondi per un gomito troppo alto.

19′, cambia Benitez: fuori Hamsik, al suo posto Insigne.

18′, ammonito per proteste Cigarini, è il secondo giallo del match.

17′, Callejon si divora il gol del pareggio sparando in curva dalla riga di porta un cross di Ghoulam. Davvero incredibile l’errore dell’ex Real Madrid.

12′, splendido cross dalla destra di Raimondi, Denis si fa trovare pronto a centro area e con un colpo di testa batte Rafael per l’1-0.

12′, GOOOOOOOOOOOOOOOOLLLLLL DELL’ATALANTA, ha segnato il Tanque Denis!

9′, gran botta di Mertens, palla a lato di un soffio. Che rischio che ha corso l’Atalanta in questa occasione.

3′, Atalanta ancora pericolosa con un corner di Cigarini che Stendardo per poco non riesce a deviare in gol.

2′, punizione-cross di Cigarini, Cherubin ci prova col destro ma non trova lo specchio della porta. 

1′, squadre in campo per il secondo tempo, si riparte dallo 0-0 della prima frazione con gli stessi ventidue dell’inizio.

 

PRIMO TEMPO

46′, punizione di Cigarini sulla barriera, la prima frazione di gara finisce qua. 0-0 tra Atalanta e Napoli.

45′, Ghoulam ferma con le cattive Denis, il primo tempo si chiuderà con un calcio di punizione da posizione pericolosa per i nerazzurri.

45′, si giocherà per un altro minuto.

42′, botta di mertens, si salva ancora Sportiello, poi libera l’area Benalouane.

41′, dice tutto il dato del possesso palla: 5′ per l’Atalanta, 15′ per il Napoli. 

39′, si alza l’urlo della Nord che spinge l’Atalanta. Ma di azione pericolose dalle parti di Rafael ancora non se ne sono viste.

35′, l’Atalanta guadagna campo, ora è il Napoli a difendersi.

31′, Baselli perde palla, il Napoli riparta e crea l’ennesima occasione da gol con Callejon che, per fortuna di Sportiello, calcia malissimo sul fondo da buona posizione.

28′, l’assedio del Napoli sembra essersi un attimo attenuato, ma l’Atalanta non ha gioco e la palla è sempre tra i piedi dei napoletani.

21′, il Napoli colleziona calci d’angolo, dalla tribuna si inizia a sentire qualche fischio.

19′, "Combattiamo col cuore" hanno scritto i tifosi in Nord prima del match. Ma l’impressione è che, per ora, i nerazzurri in campo siano in grande difficoltà.

18′, molto male i nerazzurri in questo avvio di gara: squadra schiacciata e troppo bassa, il Napoli sta dominando e creando, risultando pericoloso in più occasioni.

17′. Hamsik col sinistro, Sportiello si salva con una grande parata. Quanto rischia l’Atalanta.

11′, gran destro di Mertens, Sportiello devìa in angolo. Terza palla-gol per il Napoli.

10′, Benalouane in ritardo su Ghoulam, è per lui il primo cartellino giallo. Il difensore era diffidato, salterà Torino-Atalanta.

7′, destro di David Lopez, palla alta. Molto meglio il Napoli in questo avvio.

5′, ancora Mertens-Higuain, ancora Napoli pericoloso. Si salva la Dea con Stendardo, bravo a chiudere tempestivamente.

2′, Mertens per Higuain che col destro non trova la porta da buona posizione. Prima occasione per il Napoli.

1′, si parte al Comunale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Lia

    Impariamo a tirare in porta, non si può vincere stando solo in difesa CAPITO !

  2. Scritto da Francesco

    Uniche note positive della serata, il punto e la prestazione dopo il nostro gol e prima dell’espulsione del Ciga. Prima e dopo tutto da cancellare al più presto dalla memoria, un catenaccio d’altri tempi, zero idee di gioco offensivo, si pensava solo a rompere il gioco del Napoli e non a creare. Se avessimo subito gol nel primo tempo avremmo assistito al solito copione, dentro un’altra punta o due nella speranza di riuscire a buttarla dentro. Peccato perchè eravamo abituati a ben altro.

    1. Scritto da Alamgro

      Ma se ti sei sempre lamentato l’ anno scorso, adesso dici che eravamo abituati a ben altro? Poi noto che l’ imperativo di quest’anno è l’ uso del se: se il Napoli avesse segnato, se mirante non faceva la papera, se, se ,se e solo se. Evidentemente avete fatto tanta strada nella vita con i se, beati voi

      1. Scritto da Francesco

        Non mi riferivo certo alle annate guidate dal pelato di Anzio dove di calcio se ne vede gran poco tipo ieri sera. Comunque quest’anno l’utilizzo del “se” sta a significare che dobbiamo leccarci i baffi per i punti che abbiamo, dato che sul campo ne avremmo meritati anche meno. Chi dice che il pareggio ieri sera è stato giusto non è obiettivo, non puoi fare possesso per 8 minuti in un tempo contro i 25 degli avversari, significa che qualcosa non va.

  3. Scritto da Andrea

    Ho visto le pagelle dell’altro giornale…… non so che partita han visto… primo tempo disastroso (non si dica che contenevamo il Napoli) secondo tempo un po’ meglio e grazie al gol partita piu’ vivace…. pero’ va bhe abbiam portato a casa un punticino nonostante la prestazione scadente….

  4. Scritto da il risultato

    Proprio vero che il risultato cancella tutto. Se il napoli avesse vinto 5-1 non avrebbe rubato nulla. Si è giocato ad una porta. Se poi ai tifosi va bene questa Atalanta, contenti loro, contenti tutti

    1. Scritto da se se se se se se se se

      con la fiorentina hai scritto che doveva finire 3-1 vero?poteva vincere venti a zero ma all’ 85 perdeva..

    2. Scritto da Almagro

      Se il Napoli avesse vinto 5-1….se ai tifosi va bene…..se mia nonna avesse le ruote sarebbe una spider….se avessi i soldi sarei fidanzato con belen Rodriguez….se i politici fossero onesti vivremmo in un paese migliore….andiamo avanti con la fiera delle stupidaggini?

  5. Scritto da dancar

    primo tempo disastroso, avremmo potuto prendere 2 gol e Denis troppo isolato, come sempre quest’anno. secondo tempo, maggior carattere ma il gioco latita comunque. un tiro in porta e un gol…stavolta è andata bene. il napoli 7 tiri in porta (un rigore parato e callejon che sbaglia un gol già fatto). ringraziamo sportiello.

  6. Scritto da sepp

    magari la salvezza arriverà anche (speriamo!); si consideri però che essere nella serie A italiana del 2014 vale meno che essere nella B del 1990. Triste a dirsi ma il campionato italiano è ormai a livello di quello turco. Una squadra poi che non si pone l’ obbiettivo di crescere ma solo quello di vivacchiare e fare cassa, prima o poi finisce male.

  7. Scritto da Fulvio1966

    Atalanta da combattimento, squadra da combattimento, Pelato di Anzio da combattimento…. La salvezza passerà sempre da queste certezze!!!!!