BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Scontri a Roma, Rota, Fiom “Corteo calmo, la polizia gestisca meglio”

Il segretario generale della Fiom Cgil Lombardia Mirco Rota commenta do Roma gli scontri che questa mattina hanno visto protagonisti manifestanti di Terni e forze dell'ordine: "La gente che va a manifestare non può essere attaccata in quel modo".

Sono stati momenti di tensione quelli vissuti davanti all’Ambasciata tedesca a Roma tra la polizia e le centinaia di operai dell’Acciaieria di Terni (Ast) giunti nella capitale per manifestare contro il piano industriale della ThyssenKrupp. Nella capitale c’era anche Mirco Rota, segretario generale della Fiom Cgil Lombardia: "Sono a Roma per una vertenza e questa mattina sono passato tranquillamente attraverso il corteo che stava manifestanzo chiassosamente ma senza creare disordini – ha spiegato Rota -. Quando sono uscito dal ministero mi hanno informato di quanto era accaduto. Non ci volevo credere: una manifestazione nata con ben altri scopi alla fine è finita a manganellate. La polizia dovrebbe imparare a gestire in altro modo queste situazioni, non è possibile che la gente venga attaccata in quel modo. Non si deve pensare che i lavoratori che scendono a Roma lo facciano per fare una passeggiata, sono qua per farsi sentire, per creare qualche disagio. Landini? Ha rischiato la sua pelle per salvare quel poliziotto, e per tenere in piedi una giornata che, altrimenti, rischiava di degenerare ulteriormente".

Ecco il video di Corriere.it: 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Miki

    Ci vuole anche un minimo di elasticita’ mentale: e’ vero che il corteo aveva fatto “compattare” la polizia fino al limite tecnico della cosiddetta zona invalicabile,ma come insegna l’Heysel quando un fiume di persone preme da dietro (magari solo per sentire il comizio) non e’ che quelli davanti possono decidere “qui sono e qui mi fermo per non commettere un reato penale” altrimenti finiscono travolti. Trattandosi di normalissimi lavoratori e non di black block potevano evitare di caricare.

  2. Scritto da Mario

    Chissà perché la protesta in piazza della Polizia è durata un solo, calmissimo giorno: che magari li abbiano accontentati subito, essendo dipendenti statali? E adesso loro ringraziano i loro capi statali picchiando i senza lavoro del privato? Che bel Paese!

  3. Scritto da Fabio

    Chissà cosa diceva di questa scena Pasolini? Le polizia usata dal governo per dare una lezione muscolare agli operai che protestano per il loro posto di lavoro?
    Due mie considerazioni.
    1 – I Poliziotti saranno poveracci li per un reddito, ma accettano per campare di sporcarsi le mani col sangue di altri poveracci a cui il reddito viene tolto.
    2 – Cosa c’è di moderno, di nuovo e di giovane in tutto questo? Niente! Rimane solo la velocità della manganellata per fare ancora più male.

    1. Scritto da Aldo

      Alla Polizia (e ai governanti) non conviene picchiare e ammazzare la mucca dalla quale (attraverso i contributi e le tasse) tettano…… Stiano attenti a quello che fanno, perché finché c’è qualcuno da spremere, riescono a prevaricarlo…. ma se questi crepa, gli rimarrà soltanto di manganellarsi e sbranarsi tra di loro!!!

      1. Scritto da Già schifato.

        Rimanendo nella metafora secondo me temono che la mucca si scopra toro e la menano per convincerla che non gli conviene. Quindi mettiamoci l’anello al naso che è ora……

  4. Scritto da lavoratore

    Si sa questi poveracci di operai non hanno i soldi per comprarsi uno cellulare e quindi il povero Renzi non potendo mandargli un Twuit gli ha mandato il messaggio via Celere. Che problema c’è?
    E’ il nuovo che “ci avanza”, bellezze! Questo Renzi è più arcaico dell’uomo di Cro Magnon e assomiglia tanto a Tambroni.

  5. Scritto da tex

    chissà come mai la polizia non utilizza i numeri come tutte le altre polizie SERIE dei paesi europei ? vogliono l’anonimato per continuare a perpetrare i reati di violenza e tortura ?

    1. Scritto da luca

      Esatto, sono il braccio armato delle caste!!! = Tirannie