BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Io, testimone bergamasca del massacro di Gaza Tornerò tra le bombe” fotogallery

Caterina Piantoni, bergamasca di Predore, pochi giorni fa è stata in Palestina, dove ha visto con i propri occhi la crudeltà della guerra di cui si parla sempre troppo poco: "I discorsi politici mi interessano poco, ma la mancanza di umanità che ho visto contro la gente di Gaza mi ha lasciata terribilmente sconcertata".

di Luca Bassi

"Non voglio farne una questione politica, ma la mancanza di umanità che ho visto in Palestina mi ha lasciata terribilmente sconcertata". La premessa è doverosa: quando di mezzo c’è un massacro i colori politici devono passare in secondo piano. Perché è proprio questo il messaggio che Caterina Piantoni, bergamasca di Predore, ha voluto portare con sé di ritorno dalla Palestina, dove ha accompagnato l’associazione Onlus "Amici di Santina Zucchinelli" che, guidata da monsignor Luigi Ginami, ha compiuto la sua ennesima missione umanitaria tra i feriti di una guerra che continua a provocare vittime tra il silenzio di gran parte dell’Europa: "Il punto è proprio questo – racconta la signora Piantoni -, tanti media sanno benissimo quello che sta succedendo sulla Striscia di Gaza ma fanno finta di niente. Ma io mi chiedo: perché non si parla della realtà alla quale sono costrette migliaia di persone? Perché si finge che quello sia un conflitto normale, come tanti altri? Cerchiamo invece di chiamare le cose col proprio nome: si tratta di un vero e proprio massacro, diciamolo".

Caterina Piantoni in Palestina ci è volata assieme a monsignor Ginami, che non è nuovo a missioni umanitarie simili: "Ci siamo conosciuti in Kenya – spiega la bergamasca -. Io stavo trascorrendo le mie vacanze e lui stava aiutando della gente in difficoltà. Ci siamo trovati sin da subito e già dopo uno dei nostri primi incontri è nata l’idea di questo viaggio umanitario in Palestina. Quando mi è stata fatta la proposta ho subito accettato, consapevole di quello che avrei potuto trovare. Ma, se proprio devo essere onesta, non posso non dire che quello che ho visto sulla Striscia di Gaza mi ha messo a durissima prova. Non voglio fare discorsi politici, non voglio schierarmi da una parte e nemmeno dall’altra, ma non posso stare zitta, non urlare la mia denuncia: la mancanza di umanità che ho visto in quei giorni contro la gente di Gaza mi ha lasciata terribilmente sconcertata, non avrei mai potuto pensare che l’uomo sarebbe arrivato a tanto".

Tra le scene più difficili da digerire Caterina ricorda quella alla quale ha assistito al confine con Israele: "Una donna aveva assoluto bisogno di aiuto, quasi non si reggeva in piedi – racconta -, ma le porte di Gerusalemme restavano chiuse e nessuno si interessava minimamente a lei. Noi abbiamo cercato di fare il possibile, cercando subito una sedia o qualcosa che la potesse far accomodare in attesa dell’apertura dei portoni. Purtroppo a nessun altro interessava il fatto che quella donna avesse un disperato bisogno di essere portata al più presto in ospedale. Del resto per entrare a Gerusalemme servono mille documenti, mille carte, mille appoggi. Noi stessi eravamo costantemente seguiti da una scorta che non ci ha mai lasciati soli un attimo, fortunatamente. Quando penso alla gente di Gaza che vive ogni giorno come se fosse in prigione, in una gabbia vera e propria, mi si stringe il cuore. Tornerò in Palestina, ne sono certa. Ma a chiunque pensi di andarci di sua spontanea volontà, senza accompagnatori sicuri, dico di lasciar perdere: è troppo pericoloso".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Tino

    brava Caterina !
    hai fatto bene a ricordare a Rodolfo che possiamo sempre giocare a stabilire “chi è il più cattivo” o”chi ha cominciato”,ma ciò non toglie la crudeltà dei contendenti verso la gente e la disparità di mezzi militare … e di morti …

  2. Scritto da stefano b.

    la banalità del male non ha una patria specifica
    ma una madre pare di si
    come ci ha insegnato hannah arendt

  3. Scritto da Caterina Piantoni

    Signor Rodolfo, temo che il distratto sia lei. Se ha letto bene l’articolo può capire che volutamente ho cercato di evitare la politica, sia da una parte che dall’altra. Ho cercato solo di evidenziare il lato umano: so bene che oltre ad Israele ci sta pure Hamas, che a detta delle persone che vivono nella Striscia è peggio dell’Isis, è solo più accorta e discreta nelle esecuzioni. Potrei continuare per ore, ma la mia è stata solo una missione di pace, non di guerra.

  4. Scritto da rodolfo pandolfini

    Chissà perché non racconta di aver visto i guerriglieri di Hamas che sparavano i missili (era distratta), non racconta che quasi 20 palestinesi di Gaza in quei giorni sono stati uccisi per strada senza essere stati sottoposti a processo perché sospettati di essere collaboratori degli israeliani.

    1. Scritto da Alberto

      Ne sa certamente di più lei, seduto a migliaia di chilometri di distanza davanti a un pc…