BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ecco il piano-sicurezza di Prefetto e sindaci: più controlli e telecamere

Martedì mattina i primi cittadini di Dalmine, Osio Sotto, Osio Sopra, Levate e Treviglio hanno incontrato il Prefetto di Bergamo per trovare nuove soluzioni in materia di sicurezza.

Dalmine, Osio Sotto, Osio Sopra, Levate, Treviglio, scatta l’ora del piano-sicurezza. I sindaci dei cinque comuni martedì mattina hanno incontrato il Prefetto di Bergamo Francesca Ferrandino per studiare nuove soluzioni che possano mettere fine ai fenomeni criminali che, in modo particolare nelle ultime settimane, sono cresciuti a dismisura. 

Quella che è stata definita "una riunione tecnica" porterà a un nuovo coordinamento tra le forze dell’ordine che agiranno sui territori della provincia, per una collaborazione che incrementerà i controlli sulle strade soprattutto nelle ore più buie. Dalmine, Osio Sotto, Osio Sopra, Levate e Treviglio valuteranno poi nei prossimi giorni dei progetti legati alla videosorveglianza capaci di intergire tra loro, in modo da consegnare in tempi brevi a chi di dovere segnalazioni preziose su possibile bande attive nelle zone.

Inoltre, le varie amministrazioni incontreranno i cittadini con degli appuntamenti pubblici organizzati assieme alle forze di polizia, che cercheranno, oltre a raccogliere segnalazioni, di fornire a chi interverrà un’informazione quanto più ampia possibile su accorgimenti e comportamenti da seguire per scongiurare e prevenire furti, raggiri e truffe.

"Anche noi amministratori siamo molto preoccupati per la percezione di poca sicurezza che molti cittadini hanno denunciato – ha spiegato il sindaco di Dalmine Lorella Alessio nel consueto faccia a faccia coi residenti dei quartieri tenuto con la sua Giunta nella frazione di Sabbio martedì sera -, per questo abbiamo deciso di rivolgerci al Prefetto. Ora, speriamo che con queste iniziative la situazione possa migliorare al più presto: la gente ha il diritto di vivere tranquilla e sicura, soprattutto nella propria abitazione".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da A.Z. Bg

    le telecamere serviranno per sorvegliare noi,non i delinquenti.Sempre più Grande Fratello di Orwell.Sicurezza è avere forze dell’ordine in giro e magistrati che no n lascino andare i delinquenti 1 minuto dopo che i poche poliziotti li hanno arrestati.Sicurezza è controllare i delinquenti non i divieti di sosta o il limiti di velocità.

  2. Scritto da Alberto

    Finchè c’è in giro tanta e tanta gente senza né arte né parte né Patria, ci sarà ben poco da fare…

  3. Scritto da Merlino

    rinnovare l’illuminazione pubblica, cosicché si evitino situazioni di parziale (o nulla) illuminazione di vasti quartieri della nostra città, che favoriscono situazioni di criminalità e di vandalismo. Facile indicare ai cittadini di tenere illuminati i propri giardini e le zone critiche della propria abitazione per lasciare poi tutto il quartiere nel buoi pesto per più giorni, magari venerdì, sabato e domenica quando le forze di polizia sono ridotte al minimo!

  4. Scritto da Merlino

    liberare ore di lavoro della polizia locale da mansioni amministrative, da destinare invece al controllo del territorio ed all’intervento per segnalazioni. La polizia, infatti, svolge mansioni che potrebbero essere svolte da altro personale del comune, quali ad esempio gli accertamenti per il commercio.