BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

‘Ndrangheta tra Como e Reggio: 13 arresti in Lombardia e Calabria

Al centro delle indagini del Ros dei carabinieri ci sono due presunti gruppi della 'ndrangheta radicati nel Comasco, con infiltrazioni nel tessuto economico lombardo. Accertati, secondo le indagini, gli interessi delle cosche in speculazioni immobiliari e in subappalti di grandi opere connesse ad Expo 2015.

Più informazioni su

Tredici arresti per ‘ndrangheta tra Como e Reggio, tra Lombardia e Calabria.

Martedì all’alba, su richiesta della Procura distrettuale antimafia di Milano, sono stati tratti in arresto 13 indagati per associazione di tipo mafioso.

L’indagine è diretta dal procuratore aggiunto di Milano Ilda Boccassini.  

Al centro delle indagini del Ros dei carabinieri ci sono due presunti gruppi della ‘ndrangheta radicati nel Comasco, con infiltrazioni nel tessuto economico lombardo.

Accertati, secondo le indagini, gli interessi delle cosche in speculazioni immobiliari e in subappalti di grandi opere connesse ad Expo 2015.

Gli arresti sono stati eseguiti nelle province di Milano, Como, Monza-Brianza, Vibo Valentia e Reggio Calabria.

I 13 indagati sono accusati di associazione di tipo mafioso, detenzione e porto abusivo di armi, intestazione fittizia di beni, reimpiego di denaro di provenienza illecita, abuso d’ufficio, favoreggiamento, minacce e danneggiamento mediante incendio.

Per l’accusa contatti con politica e istituzioni Secondo l’accusa, gli arrestati avevano contatti con esponenti del mondo politico, istituzionale, imprenditoriale e bancario da cui ottenevano vantaggi, notizie riservate e finanziamenti. In particolare avrebbero avuto rapporti con un agente di polizia penitenziaria, un funzionario dell’Agenzia delle Entrate, un imprenditore immobiliare, attivo anche nel mondo bancario e con dei consiglieri comunali di Comuni nel Milanese.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Maroni

    Volevo ricordarvi che le mafie al Nord non esistono.

    1. Scritto da verde

      Maroni si indigno’ perchè Saviano disse che la mafia al nord interloquiva con la Lega,che è cosa ben diversa dal dire che la mafia al nord non esiste.AAggiungo,come tutti sanno,che le varie mafie al nord ci sono grazie a genti provenienti da alter terre. Fatevene una ragioine,bergamaschi,bresciani,mantovani non hanno inventato e/o esportato la mafia, e mi vergono che miei concittadini siano fieri che questi fenomeni si siano impiantati anche da noi.

  2. Scritto da maroooniii

    Chi era quel ministro dell’interno lombardo che pretese scuse pubbliche in TV da Saviano perche’ aveva osato insinuare che le mafie erano radicate anche al nord?!? Chi era che affermo che “a Milano” la mafia non esiste?!? Ma perchè i leghisti sbraitano ed urlano contro i “poveracci” extracomunitari e mai hanno speso una parola o fatto una battaglia seria contro la ‘ndrangheta?!? E perche’ la ‘ndrangheta ha continuato a fiorire e crescere pur con la lega al comando in regione, province e comuni?

    1. Scritto da Luigi

      Perché una battaglia seria contro la ‘ndrangheta (e le altre mafie) non l’ha fatta nessuna forza politica, anche prima che nascesse la lega? Se l’è mai chiesto? Perché le Forze dell’Ordine si lasciano legiferare da una simile classe politica che favorisce (proporzionalmente) le delinquenze rispetto alle onestà?

    2. Scritto da Desdes

      Infatti il politico che hanno arrestato è del…PD! Ora lei mi spieghi perche nelle regioni da sempre in mano alla sinistra quando beccano qualche politico colluso è sempre di sinistra mentre quando questo avviene nelle regioni da sempre a prevalenza leghista I politici implicati sono ancor adi sinistra???

    3. Scritto da Indignato

      Maroni si indigno’ perchè Saviano disse che la mafia al nord interloquiva con la Lega,che è cosa ben diversa dal dire che la mafia al nord non esiste.AAggiungo,come tutti sanno,che le varie mafie al nord ci sono grazie a genti provenienti da alter terre. Fatevene una ragioine,bergamaschi,bresciani,mantovani non hanno inventato e/o esportato la mafia, e mi vergono che miei concittadini siano fieri che questi fenomeni si siano impiantati anche da noi.

    4. Scritto da Mister Bean

      Vi ricordo che al nord la mafia l’hanno portata dc,psi e pci con quella bella trovata del confino e che l’unica forza politica che ha combattuto contro questo è stata proprio la lega. Spero per voi che di corto abbiate solo la memoria. Poi, se vogliamo ben guardare, le mafie sono di importazione dal meridione d’italia, dove la lega non c’è, ma ci sono solo i vostri amici di partito, di qualunque schieramento. Poi se volete incolpare la lega.. è vostro diritto far figuracce.

  3. Scritto da El Safornero

    Vogliamo davvero combattere la ‘ndrangheta? Cominciamo a considerare questo semplice, inconfutabile fatto: non tutti i calabresi sono ‘ndranghetisti, ma tutti gli ‘ndranghetisti sono calabresi. Appurato questo si agisce di conseguenza. Ah, già, non si può, non sta bene, le cose di buon senso in italia non si possono fare. Chissà poi perchè?