BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nasce Tag #inTheCity Le idee innovative nel giardino della città fotogallery

E' stato inaugurato martedì 28 ottobre Tag #inTheCity, uno spazio di coworking in cui 10 team lavoreranno e avranno la possibilità di contagiarsi fino al 31 gennaio 2015: la location è prestigiosa, la Galleria Santa Marta in Piazza Vittorio Veneto.

Un giardino delle idee, dove si coltiva l’innovazione e si favorisce la contaminazione più positiva: uno spazio di coworking attivo e vitale, nel salotto della città, in cui 10 team lavoreranno fino al 31 gennaio 2015 scommettendo su sé stessi per arrivare a concretizzare l’idea e dare vita a start up d’impresa.

Il Talent Garden, dopo il successo riscosso in due anni di attività a Dalmine con il supporto di Ferretticasa, martedì 28 ottobre ha aperto i battenti anche in città in Galleria Santa Marta in Piazza Vittorio Veneto: uno spazio messo a disposizione e promosso da Banca Popolare di Bergamo e nato con la collaborazione del CYFE-Università degli Studi di Bergamo, del Gruppo Giovani Confindustria Bergamo e il patrocinio del Comune e della Camera di Commercio.

Attori importanti che hanno creduto in un luogo di condivisione per innovatori, startupper e giovani imprenditori uniti da interessi comuni nel settore del web, della comunicazione e del digitale che potranno fare rete, incontrarsi, confrontarsi per creare sinergie e portare valore.

I 10 i team o freelancer che faranno parte della nuova esperienza, selezionati in una platea di oltre 200 candidati, saranno Eventify, Widoki Games, The Incipit, Marketing Km Zero, Bspknstudio, Vincenzo Ferreri, Cosimo Orban, Google Developer Expert, Giorgio Ferrari e Giovanni Caruso.

Tre mesi di coworking ma anche tre mesi di eventi, a partire dall’aperinfo con Mario Viviani di sabato 8 novembre.

Tanto entusiasmo è emerso dalle parole del presidente di Banca Popolare di Bergamo Giorgio Frigeri: “E’ un incubatoio in cui i giovani lavoreranno per elaborare le proprie idee: oggi è l’idea ad essere vincente e, dopo l’innovazione di processo, abbiamo bisogno di un’innovazione di prodotto. Abbiamo messo a disposizione una sede prestigiosa, per noi è un investimento: questo vuol dire fare banca per bene e fare la banca del territorio”.

Il progetto è piaciuto tanto anche al sindaco di Bergamo Giorgio Gori che ha parlato di una “ventata di ottimismo per la città: felice che un’esperienza del genere nasca a Bergamo perchè è un segnale che il territorio vuole smettere di piangersi addosso e vuole ripartire. Nasce a poca distanza dal Balzer: come spero che quella sia solamente una chiusura provvisoria, qui mi auguro che l’apertura non lo sia e possa continuare anche oltre i tre mesi”.

“Un progetto come Tag in the city può dare un valore aggiunto ad una città come la nostra e stimolare immaginazione, creatività, conoscenza e innovazione – ha commentato il founder di Tag Alberto Trussardi – E’ in periodi come quello attuale che bisogna proporre nuove iniziative, trovando la forza di reagire, ed è da momenti come questi che nascono le idee più belle e le spinte migliori”.

Grande sostegno anche da Lucio Cassia del CYFE e dal presidente dei Giovani imprenditori di Confindustria Bergamo Marco Bellini, pronti entrambi a mettersi a disposizione e a collaborare. Dal presidente della Camera di Commercio Paolo Malvestiti la disponibilità e l’apertura all’aiuto reciproco tra la realtà del Tag e quella di Bergamo Sviluppo.

Il saluto finale è stato affidato a Osvaldo Ranica, direttore di Banca Popolare di Bergamo: “Tutti gli attori qui presenti avevano la stessa voglia di far nascere questa esperienza. Nasce in centro cità per dare un segnale e condividere con la popolazione: chiunque si deve sentire partecipe del progetto: è una semina forte e significativa ma sono poi sempre le persone che fanno la differenza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.