BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La chiesa dell’Angelini, la prima moderna in città, messa a fuoco in un libro

Martedì 28 ottobre alla chiesa di san San Pio X si presenta il libro dedicato alla prima parrocchiale moderna della città.

Più informazioni su

Martedì 28 ottobre alle 21 nella Chiesa di San Pio X in Celadina sarà presentato il nuovo libro sulla chiesa parrocchiale, che verrà offerto alle famiglie del quartiere dalla Fondazione Creberg.

Si tratta di un volume atteso da tempo, che mette a fuoco peculiarità architettoniche e artistiche di un edificio sacro che costituì un episodio edilizio di tutto rilievo nel panorama locale e non solo.

Il progetto della chiesa, inaugurata nel maggio del ’59, fu affidato all’architetto Sandro Angelini, chiamato a questo compito dall’allora parroco don Mansueto Zambetti.

I pittori e gli scultori più accreditati della provincia furono convocati per l’occasione a collaborare per dare al nuovo edificio un’impronta estetica che fosse in linea col linguaggio dell’arte sacra contemporanea, nel segno della qualità e della sfida in termini di forme, spazi e materiali in gioco.

All’impresa parteciparono artisti uniti da stretta colleganza e frequentazione, come Gianluigi Lizioli, Trento Longaretti, Gregorio Cividini, Attilio Nani, Elia Ajolfi, Erminio Maffioletti, Franco Normanni, Mario Cornali.

Questi ultimi, Cornali, Normanni, Maffioletti, furono artefici rispettivamente della stupenda e struggente Via Crucis, delle audaci vetrate artistiche, dell’imponente e suggestiva pala d’altare.

Di questi interventi artistici si è occupato nel volume il critico Fernando Noris, mentre degli aspetti architettonici e più tecnici dell’edificio sacro hanno scritto l’architetto Mario Bonicelli e l’internal designer Valeria Moliterno. I quali tengono a sottolineare i caratteri di straordinarietà della Chiesa della Celadina, fino ad oggi poco conosciuta e troppo poco valorizzata dalla città: “Capostipite di una stagione sperimentale, la chiesa dell’Angelini è la prima parrocchiale moderna della città, e con altrettanta certezza è una delle primissime chiese innovative d’Italia. Ne è una riprova il fatto che Michelucci concludeva la notissima Chiesa dell’Autostrada d’Italia soltanto qualche anno dopo, nel 1964. Se a ciò si aggiunge che l’icona per eccellenza delle chiese innovative del mondo, Notre-Dame du Haut a Ronchamp di Le Corbusier, è stata inaugurata nel 1955, quindi a pochi mesi dall’avvio del progetto per Celadina, si evince a maggior ragione l’eccezionalità di quest’opera bergamasca”

Il programma della serata prevede gli interventi del presidente della Fondazione Creberg Angelo Piazzoli, del parroco don Mario Carminati, di Fernando Noris, Mario Bonicelli e Valerio Moliterno con intermezzi musicali del coro Shalom.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.