BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Controllore senza lettore per le tessere abbonamenti mi ha cacciato dal treno”

Cacciato dal treno perché il controllore non aveva il lettore per verificare gli abbonamenti sulla tessera regionale. L'incredibile caso di ingiustizia targato Trenord riguarda Lucio Brignoli, capo segreteria dell'assessore regionale all'Ambiente Claudia Terzi. Ironia della sorte, un dipendente di vertice dello stesso ente che finanzia Trenord. Brignoli ha denunciato su Twitter l'accaduto. Lo abbiamo intervistato per capire meglio cosa è successo.

Più informazioni su

Cacciato dal treno perché il controllore non aveva il lettore per verificare gli abbonamenti sulla tessera regionale. L’incredibile caso di ingiustizia targato Trenord riguarda Lucio Brignoli, capo segreteria dell’assessore regionale all’Ambiente Claudia Terzi. Ironia della sorte, un dipendente di vertice dello stesso ente che finanzia Trenord.

Brignoli ha denunciato su Twitter l’accaduto. Lo abbiamo intervistato per capire meglio cosa è successo. “Ho un regolare abbonamento mensile per andare ogni giorno a Milano, al lavoro. Stamattina (martedì 28 ottobre) un controllore è passato per controllare i biglietti: gli ho dato la tessera regionale, dove è caricato il mio abbonamento, e lui mi ha chiesto la ricevuta. Il motivo? Non aveva con sé il lettore abilitato. Io ho risposto gentilmente che era un problema suo. La replica è stata che avrei dovuto pagare il biglietto. Mi sono rifiutato anche solo per vedere fino a che punto sarebbe arrivato”.

Invece che ammettere la mancanza dell’azienda, il controllore ha chiamato due bodyguard. “Si sono avvicinati e mi hanno detto di scendere dal treno. Incredibile e allucinante. Trenord paga due persone per far scendere i passeggeri con regolare abbonamento e non dà ai controllori il lettore per le tessere magnetiche. Sono sceso a Monza e ho preso il treno dopo. La vergogna di Trenord non ha limiti”.

I TWEET



Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Matilde

    “La tessera è personale, non cedibile e DEVE ESSERE SEMPRE ACCOMPAGNATA DALLA RICEVUTA DI RICARICA”. Prova a girare la tua tessera e leggere quello che c’è scritto. Se non hai la ricevuta è un problema tuo e scendi dal treno o paghi il biglietto, indipendentemente dal fatto che loro abbiano o meno la macchinetta per leggere la tessera.

  2. Scritto da Emanuel

    E se l’abbonamento lo faccio da internet e poi carico il mensile sulla tessera CRS alla macchinetta in stazione, che ricevuta devo portare ? La realtà è che la Carta Regionale dei Servizi elettronica, alla fine è servita e serve solo a dare soldi agli amici di Lombardia Informatica, tant’è che ora non la sostituiranno con quella nazionale ?

    1. Scritto da già

      Chissà se gli interpellati replicano…silenzio assenso?

  3. Scritto da Agostino Quarenghi

    Le regole, per quanto idiote, valgono per tutti. Se io mi porto appresso lo scontrino non vedo perchè non lo debba fare anche il Capufficio dell’Assessore. Se il concessionario regionale Trenord fornisce servizi indegni, la responsabilità è forsanche del Governo regionale, datore di lavoro della “vittima”. Prendersela con un controllore che ha fatto solo il suo dovere, per quanto tipicamente italiano (pardòn padano) La qualifica per quello che è.

    1. Scritto da Paolo

      Con questa filosofia delle leggi applicate col paraocchi, abbiamo rischiato la scarcerazione di pericolosi delinquenti perché la fotocopiatrice era guasta e mancava un foglio fotocopiato (diciamo che è l’analogo della ricevuta cartacea di Trenord). La gente deve ribellarsi a simili prevaricazioni e a palesi storture!

    2. Scritto da Piero

      E’ arrivato il momento di opporsi, a certe regole idiote che ci hanno portato ad avere il Paese che abbiamo. Se le “regole” (o i “passaggi burocratici demenziali”) sono insulse, si “devono” eludere. Basta con procedure ideate da dei perditempo che devono giustificare lo stipendio statale inventando continuamente giri di aria fritta. Io ti dimostro che l’abbonamento l’ho pagato: vediamo se per un fogliettino che non ho con me, tu mi annulli il valore del mio abbonamento! Chiamo la Polizia!

  4. Scritto da 081

    “Carta canta”??? Vogliamo fare le nozze con i fichi secchi…

  5. Scritto da MAURIZIO

    Chi difende la logica “mi mostri la ricevuta” è ancora più colpevole di chi l’ha creata.

    1. Scritto da 035

      Tutti bravi a fare la rivoluzione con la pelle degli altri.
      Se il controllore non applica il regolamento, rischia, lui, una sanzione disciplinare.
      Prendetevela con chi non mette i quattrini per pagare le macchinette: sta a Milano

      1. Scritto da MAURIZIO

        Visto che interpreta le mie parole in modo del tutto errato, è inutile la replica.

  6. Scritto da MAURIZIO

    Lo stato chiede a te di mostrare una ricevuta cartacea che attesti qualcosa che lui ti ha dato: un abbonamento, un codice, un numero. Chiedono a te la prova di qualcosa che hanno fatto loro. Questa logica aberrante e autoritaria ha consentito all’amministrazione pubblica italiana di distruggere il Paese.I pubblici dipendenti, anime belle, fanno finta di ignorare questa verità e blaterano di contratti bloccati. Per salvare il Paese occorre spazzare via questa logica.

    1. Scritto da 035

      I pubblici dipendenti, poveretti, fanno quello che possono con i mezzi che ricevono.
      Il Controllore ha applicato il regolamento, è il regolamento che appare folle ma è solo la presa d’atto che mancano le macchinette.

      1. Scritto da MAURIZIO

        I dirigenti pubblici, i sindacati del pubblico impiego e i partiti politici al governo sono i padroni della pubblica amministrazione. La colpa è loro. Inoltre, avete mai visto uno sciopero indetto dai sindacati o chiesto dai dipendenti perché un servizio pubblico è indecoroso, insufficiente, pericoloso, carente o truffaldino? Quindi, la facciano finita. Gli unici dipendenti innocenti sono quelli che lavorano davvero e si ribellano alla logica barbara dello stato italiano.

    2. Scritto da Alberto

      D’accordissimo.

  7. Scritto da Stefano

    E’ vero la ricevuta andrebbe portata ma:
    1) ultimamente le ricevute si sbiadiscono nell’arco di 1-2 settimane e diventano illegibili (fotocopia…ok…ma tutto sto sbattimento?)
    2) Questo mese la macchinetta automatica alla stazione di BG NON mi ha dato alcuna ricevuta. Indi?
    Non bastava facesse un verbale con il quale si poteva andare in biglietteria che avrebbe provveduto a verificare correttezza abbonamento. Linea BG->BS, decine di persone non pagano: controllare lì?

    1. Scritto da kika

      i biglietti di Gardaland sono anche impermeabili quindi imitateli

  8. Scritto da Fr4nk

    Beh mi spiace per il sig. Lucio, ma è scritto ovunque che in caso di abbonamento elettronico è necessario portare con sé la ricevuta…
    È assurdo visto che l’abbonamento elettronico dovrebbe servire proprio a eliminare i pezzi di carta inutili, ma è così.

  9. Scritto da Vera Locatelli

    Buongiorno inviterei a consultare il sito Regione Lombardia forse non è sempre colpa delle aziende di trasporto:”Nel caso l’abbonamento venga caricato sulla nuova CRS con funzione trasporti, la CRS è valida come tessera ‘io viaggio’; deve però sempre essere accompagnata da un documento di riconoscimento in corso di validità. Per evitare sanzioni, è necessario portare sempre con sè lo scontrino di ricarica o la ricevuta di pagamento dell’avvenuto acquisto dell’abbonamento.”

    1. Scritto da Paolo

      Ma scusi, ma allora a cosa serve ‘sta cacchio di tessera elettronica se da sola non certifica proprio nulla???

      1. Scritto da lella

        a far mangiare qualche politico

        1. Scritto da Paolo

          E allora perché le Forze dell’Ordine non intervengono a fronte di queste palesi vessazioni e imbrogli sui cittadini???

  10. Scritto da Ugo

    Dove sono spariti i 63 treni che dovrebbero arrivare da tempo,ah ah ah ah ah solo promesse Siete dei Buffoni

  11. Scritto da Alberto

    Hanno fatto scendere anche le decine e decine di abituali senza biglietto, oppure se la sono presa solo con persone dall’aspetto calmo e rispettoso?

  12. Scritto da BERGAMASC

    Siamo veramente una repubblica delle banane, senza offesa per le banane….siamo in mano ai barbari….

  13. Scritto da Aldo

    Anche le ASL fanno un uso assurdo della tessera sanitaria magnetica: per certificare un’esenzione dal ticket di un over65 ti stampano (estrapolandolo dalla tessera sanitaria stessa, ihihih) un foglio di carta da esibire ogni qualvolta accedi a prestazioni sanitarie per le quali hai diritto all’esenzione… Non vale la tessera sanitaria in ogni struttura del SSN che certifica inconfutabilmente chi sei e cosa ti spetta, vale il foglio di carta che ti stampa l’ASL… Pazzesco!!!

  14. Scritto da resistenza

    La prossima volta consiglio di fare resistenza passiva nei confronti dei vigilantes, così nel caso eccedano con la violenza diventano passibili di denuncia.

  15. Scritto da marco

    vivremmo così a Bergamo se non fossimo invasi dalle istituzioni romane?

    1. Scritto da 035

      in questa storia di romano non c’è nulla: è tutta farina del sacco padano!

  16. Scritto da Andrea

    art. 67 delle condizioni di trasporto, il signor Lucio era nel torno e il controllore ha fatto il suo dovere

    1. Scritto da Laura

      chi viaggia regolarmente con trenord ed è abbonato con la tessera sa benissimo perchè c’è scritto che è fatto obbligo di portare con sè la ricevuta…è nel torto marcio per quanto io ogni giorno sia indignata con trenord..ma stavolta no

      1. Scritto da Sergio

        Ha ragione il commentatore Maurizio: devo dimostrare io, ciò che tu mi hai rilasciato? Ma siamo balordi? Con certi pubblici dipendenti autoritari e ottusi non progrediremo mai!

  17. Scritto da Andrea

    perchè vergogna? la ricevuta va sempre portata insieme all’abbonamento…forse il fatto fa notizia perchè coinvolge una carica importante?

    1. Scritto da aris

      non insistere tanto abbiamo capito. Ti piacciono le cose inutili. Se Trenord propone l’ abbonamento elettronico, a cosa serve la ricevuta? Tanto valeva fare una tessera cartacea. Se io posso pagare con lo smartphone (come succede già nei Paesi progrediti – Inclusa la Spagna) devo sempre tenere la carta di credito per dimostrare che ho credito? Allora a coa serve l’ NFC? Il problema sono le regole bizantine italiane

      1. Scritto da Andrea

        il problema prima di tutto sono gli italiani, non le regole italiane….