BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Il venditore di medicine” Al Sorriso di Gorle finale del cineforum autunnale

Mercoledì 29 ottobre si conclude la sessione autunnale del cineforum al cine-teatro “Sorriso” di Gorle. Per l’occasione viene proposta la visione del film drammatico “Il venditore di medicine”.

Mercoledì 29 ottobre si conclude la sessione autunnale del cineforum al cine-teatro “Sorriso” di Gorle. Per l’occasione viene proposta la visione del film drammatico “Il venditore di medicine”, di Antonio Morabito, con Claudio Santamaria, Isabella Ferrari, Marco Travaglio, Giorgio Gobbi e Leonardo Nigro. Una pellicola che si inserisce in una tradizione che non muore: quella del ‘cinema civile’, alla quale l’Italia deve fior di capolavori.

Antonio Morabito, autore di corti e documentari, al secondo lungometraggio, ci accompagna in un mondo che pochi di noi conoscono, ma con il quale abbiamo prima o poi a che fare: l’industria farmaceutica, e in particolare le feroci strategie di marketing con le quali le ‘firme’ dei medicinali si contendono il mercato. Claudio Santamaria è Bruno, ufficialmente ‘informatore medico’, più prosaicamente piazzista: è uno di quei tizi con la valigetta che dal dottore passano sempre davanti a noi poveracci, disposti a tutto per piazzare il campionario. Sopra Bruno c’è una capo feroce (Isabella Ferrari, bravissima) pronta a sbranare gli informatori se non raggiungono gli obiettivi. Dietro Bruno c’è una vita privata inesistente, uno stress che attanaglia l’apparato dirigente: il giovane consuma più medicine di quante non riesca a venderne. È il capitalismo, bellezza. Film come “Il venditore di medicine” sono necessari: e bisogna dire che il nostro cinema ha sempre capito questa necessità… Sono film che portano alla luce mestieri sommersi, invisibili, e ne mostrano i lati più oscuri.

La proiezione, che avrà inizio alle 20.45, sarà introdotta da una breve presentazione a cura della professoressa Annunciata Pellegris che, al termine del film, coordinerà un dibattito cui si può partecipare, confrontandosi sui temi emersi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.