BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gorle, Filisetti-Testa nuovo round: ricorso al tar su commemorazione negata

Lunedì 27 ottobre l'ex sindaco di Gorle Marco Filisetti ha depositato al Tar di Brescia il ricorso relativo ad una delibera del giugno scorso che di fatto negava il parco “Caduti in guerra” per una manifestazione del gruppo consiliare La nostra Gorle: il capogruppo è stato anche sanzionato per occupazione abusiva di suolo pubblico.

A Gorle va in scena un nuovo round della querelle tra l’ex sindaco Marco Filisetti e l’attuale primo cittadino Giovanni Testa: lunedì 27 ottobre, dopo aver notificato il provvedimento al Comune, il capogruppo della lista di minoranza La Nostra Gorle ha presentato un ricorso al Tar di Brescia per impugnare la delibera di Giunta che, a fine giugno scorso, gli aveva prima negato il parco “Caduti in guerra” e gli era poi costata una sanzione per occupazione abusiva di suolo pubblico.

I fatti risalgono al giugno scorso: il 19 Filisetti aveva presentato in Comune la richiesta di utilizzo del parco di Gorle, l’ex polveriera militare, per una manifestazione di commemorazione dei caduti nella ricorrenza del centenario dello scoppio del primo conflitto mondiale.

L’area indicata era quella di una tettoia in ferro all’interno del parco, scelto in quanto dedicato ai “Caduti in Guerra”: area che, il giorno seguente la richiesta, veniva negata dal Comune a qualsiasi manifestazione pubblica ad iniziativa di parte, motivando il provvedimento anche con l’inagibilità della tettoia.

Nonostante il parere negativo degli uffici comunali, anche in merito alla richiesta di una nuova area distante dalla tettoia metallica ma sempre all’interno del parco, la manifestazione si è svolta comunque la sera del 27 giugno: una scelta punita con una sanzione amministrativa per occupazione di area pubblica in assenza di autorizzazione da parte della Polizia Locale del Comune di Gorle.

Ora, a quattro mesi di distanza, la battaglia si sposta in Tribunale dove la richiesta dell’ex sindaco Filisetti è quella di accogliere il ricorso e annullare, di conseguenza, tutti gli atti e i provvedimenti comunali impugnati nonchè di vedersi riconoscere i danni, stimati in 20mila euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giusi

    Lo storico intervenuto è autore di trattati in cui sostiene che l’olocausto non è mai esistito. Quindi non era di certo una commemorazione imparziale. Quanto al Tar mi chiedo: se accolgono il ricorso autorizzano tutti i gruppi anche estremisti (Filisetti è notoriamente filo fascista) a fregarsene delle leggi, dei divieti… Anzi verrebbero anche premiati? Ma sulla base di cosa si può stimare un danno economico per una manifestazione vietata… se è stata fatta?

  2. Scritto da Maurizio Parrini Consigliere di Minoranza a Gorle

    E’ sconvolgente come facciano notizia queste beghe che risultano molto personali. La situazione come ampiamente previsto si incancrenisce tra Testa e Filisetti, e non giova ai cittadini, cui interessano di più i pettegolezzi o cosa si fa sul territorio? E, mi dispiace, anche gli organi di stampa sono correi in questa situazione, pompando queste non notizie e non volendo accennare a quanto avviene nella realtà. Peccato! Parlando di cultura, questa è una sconfitta.

  3. Scritto da astore

    Se è una questione legata all’inagibilità della tettoia è un conto, ma se tale manifestazione pubblica viene ritenuta un’iniziativa di parte è errato perché si trattava di commemorare i caduti della Prima Guerra Mondiale (o Grande Guerra), e non della seconda.

  4. Scritto da Diego

    L’ex sindaco non può smettere di tenere impegnata la attuale amministrazione in beghe personali e infantili ?