Quantcast
"Bossetti è rinchiuso da 4 mesi in una cella di 2 metri ed è innocente" - BergamoNews
Caso yara

“Bossetti è rinchiuso da 4 mesi in una cella di 2 metri ed è innocente”

Claudio Salvagni, uno dei legali del carpentiere di Mapello in carcere con l'accusa di aver ucciso Yara Gambirasio: “E' rinchiuso da più di quattro mesi in una cella in cui allargando le braccia con la mano destra tocca la parete di destra e con la mano sinistra tocca la parete di sinistra"

"Massimo Bossetti è rinchiuso da tre mesi in una cella di due metri ed è innocente". Ospite alla trasmissione Quarto Grado Claudio Salvagni, uno dei legali del carpentiere di Mapello in carcere dallo scorso 16 giugno con l’accusa di aver ucciso Yara Gambirasio, ha parlato della situazione del suo assistito: “E’ rinchiuso da più di quattro mesi in una cella in cui allargando le braccia con la mano destra tocca la parete di destra e con la mano sinistra tocca la parete di sinistra. Lunga non più di due metri".

Tutto questo avrebbe comportato l’enorme difficoltà di comunicargli la mancata accettazione della richiesta di scarcerazione, a causa della quale è dovuto rimanere in quella cella angusta del carcere di Bergamo, che lo “ospita” da quasi 140 giorni. Salvagni ha ribadito che l’unica pista fino ad oggi seguita è stata quella contro il Bossetti e che non dovrebbe essere così, visto che le prove non sono risultate fino ad ora schiaccianti.

“I potenti mezzi investigativi della Procura”, a suo parere, dovrebbero e potrebbero seguire altre direzioni, come ad esempio quella di ”una possibile ritorsione nei confronti del padre di Yara”.

In merito al rilevamento del DNA sul corpo di Yara Gambirasio, l’avvocato si è detto prontissimo a dimostrare che suddetto “non è volato sugli slip della ragazza, ma potrebbe essere stato trasportato”, riservandosi di dimostrare in tribunale la modalità di tale fenomeno.

Ulteriori dubbi sono stati palesati dal difensore in merito al luogo dell’omicidio, che potrebbe davvero non corrispondere con quello del ritrovamento del cadavere della giovanissima ginnasta: Salvagni ha ipotizzato che Yara potesse essere stata uccisa in un altro luogo, per poi essere rivestita e spostata.

A dimostrazione di ciò, ha aggiunto, i vestiti poco insanguinati, che presupporrebbero una probabile violenza consumata su un corpo precedentemente denudato. Massimo Bossetti continua a proclamarsi innocente e lo giura sui suoi figli. “Sono innocente e lo dimostrerò”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
L'avvocato Silvia Gazzetti
Il giallo
L’avvocato di Bossetti: “Il killer di Yara è ancora in giro” – Video
Marita Comi
Caso yara
Moglie di Bossetti in tv: “I selfie dei carabinieri insieme a mio marito”
Generico
Caso yara
Respinto il ricorso: resta in carcere Massimo Bossetti
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI