BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Bossetti è rinchiuso da 4 mesi in una cella di 2 metri ed è innocente”

Claudio Salvagni, uno dei legali del carpentiere di Mapello in carcere con l'accusa di aver ucciso Yara Gambirasio: “E' rinchiuso da più di quattro mesi in una cella in cui allargando le braccia con la mano destra tocca la parete di destra e con la mano sinistra tocca la parete di sinistra"

"Massimo Bossetti è rinchiuso da tre mesi in una cella di due metri ed è innocente". Ospite alla trasmissione Quarto Grado Claudio Salvagni, uno dei legali del carpentiere di Mapello in carcere dallo scorso 16 giugno con l’accusa di aver ucciso Yara Gambirasio, ha parlato della situazione del suo assistito: “E’ rinchiuso da più di quattro mesi in una cella in cui allargando le braccia con la mano destra tocca la parete di destra e con la mano sinistra tocca la parete di sinistra. Lunga non più di due metri".

Tutto questo avrebbe comportato l’enorme difficoltà di comunicargli la mancata accettazione della richiesta di scarcerazione, a causa della quale è dovuto rimanere in quella cella angusta del carcere di Bergamo, che lo “ospita” da quasi 140 giorni. Salvagni ha ribadito che l’unica pista fino ad oggi seguita è stata quella contro il Bossetti e che non dovrebbe essere così, visto che le prove non sono risultate fino ad ora schiaccianti.

“I potenti mezzi investigativi della Procura”, a suo parere, dovrebbero e potrebbero seguire altre direzioni, come ad esempio quella di ”una possibile ritorsione nei confronti del padre di Yara”.

In merito al rilevamento del DNA sul corpo di Yara Gambirasio, l’avvocato si è detto prontissimo a dimostrare che suddetto “non è volato sugli slip della ragazza, ma potrebbe essere stato trasportato”, riservandosi di dimostrare in tribunale la modalità di tale fenomeno.

Ulteriori dubbi sono stati palesati dal difensore in merito al luogo dell’omicidio, che potrebbe davvero non corrispondere con quello del ritrovamento del cadavere della giovanissima ginnasta: Salvagni ha ipotizzato che Yara potesse essere stata uccisa in un altro luogo, per poi essere rivestita e spostata.

A dimostrazione di ciò, ha aggiunto, i vestiti poco insanguinati, che presupporrebbero una probabile violenza consumata su un corpo precedentemente denudato. Massimo Bossetti continua a proclamarsi innocente e lo giura sui suoi figli. “Sono innocente e lo dimostrerò”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da RB

    la procura, ha fatto un pessimo lavoro e cerca ora, ad ogni costo, un colpevole a cui scaricare la propria negligenza! Bossetti è innocente fino a prova contraria. Ma come è successo a Cogne, cercano un colpevole, a prescindere dall’arma del delitto. Mah :-(

    1. Scritto da Daniele Lavieri

      Mi dispiace ma faccio parte dei nazigramm per cui: la virgola dopo il soggetto non ci vuole, poi la frase corretta sarebbe “su cui scaricare”. Detto questo, la procura non è stata negligente ma incapace. Infine l’ultima osservazione è incomprensibile: secondo Lei non è possibile cercare l’assassino se prima non si è trovata l’arma del delitto?

    2. Scritto da tex

      condivido, ma il tipo e la sua famiglia ha la vita rovinata per sempre.

  2. Scritto da mario59

    Quando dopo mesi di duro lavoro in laboratorio sono finalmente riusciti ad isolare il DNA di ignoto 1 tutti o quasi, sostenevano che a quel punto, il problema grosso era trovare a chi appartenesse quel DNA, ora che è stato trovato, c’è chi si arrampica sugli specchi per sostenere l’estraneità del Bossetti dalle gravi accuse a lui imputate.
    Troppe cose non tornano, a partire dal silenzio della madre del Bossetti, quando da tempo sapeva benissimo che stavano cercando lei e suo figlio

  3. Scritto da E alura?

    L’unica cosa che fa vomitare in questa storia è la lentezza della giustizia ( si fa per dire) italiana. Ma che aspetta questo cavolo di magistratura a processarlo? Non hanno sufficienti indizi? E allora che lo tengono dentro a fare?
    Hanno indizi tali per condannarlo? E allora lo rinviino a giudizio, lo condannino e buttino via la chiave. E smettiamola una volta per tutte con questa macabra telenovela.

  4. Scritto da maria teresa

    Se è innocente qualcuno mi deve spiegare il perchè del dna . tutta la sua famiglia mente, mi riferisco alla mamma e moglie.la mamma a mentito per più di 40 anni sulla paternità di tutti i suoi figli.Sua moglie non perde occasione per interviste e ospitate in tv. mi dispiace solo per le Vere vittime i figli di Bossetti,Yara e i suoi genitori.per me lui centra e come.

  5. Scritto da Ol Claudì

    Hanno trovato tracce del suo DNA sugli indumenti intimi di Yara.
    E’ innocente, sicuramente.

    1. Scritto da Vito

      Non entro nel merito della vicenda Bossetti, osservo solo che il DNA e’ risolutivo solo per accertare il padre di una persona. Ricordo la vicenda di quel ragazzo inglese accusato anni fa di un omicidio in Italia , dove non aveva mai messo piede, solo perché’ era stato trovato DNA sulla vittima nella banca dati, ed a lui riconducibile al 99 per cento.

      1. Scritto da davide

        Invece Bossetti ha messo piede eccome, nei luoghi frequentati da Yara: ti pare nulla?

        1. Scritto da Spiner

          Dove? Quando?
          Perfino il tribunale del riesame, che pure ha negato la libertà provvisoria a Bossetti, è dell’idea che Bossetti non abbia MAI incontrato Yara prima di quella sera!

          Il che, visto che perfino la Procura ammette che non c’è traccia che Yara sia stata prelevata a forza ma deve essere salita volontariamente in auto con l’assassino, dovrebbe far concludere che non poteva essere Bossetti (una tredicenne non sale in auto volontariamente con uno sconosciuto, a 200 metri da casa).

  6. Scritto da Emanuela Quadri

    L’avvocato di Bossetti dovrebbe prendere esempio dall’avvocato della famiglia di Yara che non partecipa ad alcuna trasmissione televisiva rispettando il dolore della famiglia, la piccola Gara e facendo il suo lavoro … L’AVVOCATO …. appunto!!!!

  7. Scritto da Emanuela Quadri

    L’avvocato di Bossetti dovrebbe prendere esempio dall’avvocato della famiglia di Yara che non partecipa ad alcuna trasmissione televisiva rispettando il dolore della famiglia, la piccola Gara e facendo il suo lavoro … L’AVVOCATO …. appunto!!!!

    1. Scritto da Eros

      Conosco personalmente l’avvocato dei genitori , non è una persona che si perde in queste cose
      È un vero sognore

  8. Scritto da per la precisione

    Un avvocato che parte raccontando cose non vere, non è molto credibile…Non è vero che è in una cella in cui allargando le braccia si toccano le pareti…E poi è lui che ha scelto di stare in quella cella e di non essere traferito in un altra

    1. Scritto da Anatoly

      Ci potrebbe spiegare? Un accusato di omicidio, entrando in carcere, può avere una cella a scelta? È come avviene ciò? Su un book, con un’ispezione all’immobile, chiedendo agli altri carcerati? In realta’, quant’e’ larga, lunga e alta questa cella? È a norma di legge e dei requisiti sanitari? L’assegnamento della cella e’ fatto in automatico come da richiesta del carcerato, anche se tale volontà includesse autolesionismo e in ultimo condizionasse il processo giudiziario?

  9. Scritto da Remo

    Comunque sarebbe consiglibile che il difensore chiedesse qualche consulenza a qualche curatore di immagine, perché la mediaticità in questo caso è tutto. Questo caso di malagiustizia si risolve prima di tutto portano equilibrio nell’opinione pubblica, perché finché la sorda tesi colpevolita a prescindere sarà maggioranza, nessun giudice se la sentirà di prendere una decisione impopolare.

    1. Scritto da Luca Lazzaretti

      Gentile Remo, le rammento che i mass media non sempre portano fortuna…la Franzoni ha passato anni in televisione e alla fine è stata riconosciuta colpevole e condannata. Grazie alla strategia del grande Taormina..(siamo ancora in attesa del nome del vero assassino, il Taormina dice di saperlo!)

      1. Scritto da manuel

        Gentile Luca, la Franzoni ha ammazzato suo figlio ed e’ praticamente libera da quel gennaio 2002. Lasa pert

  10. Scritto da Remo

    Era ora che dopo tutto il fango gettato su questo pover uomo e la sua famiglia di desse anche un po’ di spazio alla difesa in tv, dopo che per mesi si sono sposare acriticamente le tesi della procura e fatto da gran cassa alle loro veline.

    1. Scritto da lucky

      Caro Remo mi dica chi sarebbe il pover uomo? Si vergogni…

      1. Scritto da Enrico

        Ma si vergogni lei. Chi è lei per sputare sentenze? Anche i giudici hanno spiegato che la procura non ha nulla se non l’indizio del DNA. Ed è un indizio e non una prova.Tutto il resto la procura l’ha fatto divulgare ad arte dai media ad uso e consumo dei tonti che ripetono all’infinito come pappagalli. Che schifo.

        1. Scritto da walter

          x gli idioti di turno.. vorrei sottolineare che il sangue o lo sperma sulle mutande… non si trova li a caso!

          1. Scritto da mario59

            Non vorrei sbagliarmi ma se non ricordo male, sui giornali si è parlato di tracce ematiche trovate sugli indumenti della piccola Yara, e non di sperma…dopo di che, non cambia molto ..sono d’accordo con lei, il sangue di un uomo non può finire per caso, sugli indumenti intimi di una ragazzina.

    2. Scritto da Walter

      Verissimo…. tutti i pover uomini lasciano il dna sugli slip delle tredicenni!