BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Automobilisti indisciplinati: carrozzine occupano parcheggi in centro – Foto fotogallery

E' andata in scena sabato mattina la manifestazione organizzata dal Comitato Bergamasco per l’Abolizione delle Barriere Architettoniche, nei ventidue posti auto antistanti gli Uffici Comunali di Bergamo. Un’iniziativa ideata per sensibilizzare i cittadini al rispetto degli spazi e delle regole.

Più informazioni su

 Le carrozzine occupano i parcheggi in centro per protestare contro gli automobilisti indisciplinati. E’ andata in scena sabato mattina la manifestazione (guarda le foto QUI) fotorganizzata dal Comitato Bergamasco per l’Abolizione delle Barriere Architettoniche, nei ventidue posti auto antistanti gli Uffici Comunali di Bergamo, in piazza Matteotti.

Un’iniziativa ideata per sensibilizzare i cittadini al rispetto degli spazi e delle regole. Così, per due ore, i posteggi del centro, per disabili e a pagamento, sono stati simbolicamente occupati.

"Una sorpresa che farà pensare -hanno spiegato gli organizzatori-, premessa indispensabile per modificare i propri comportamenti quotidiani. Ci sono i nostri rappresentanti, per spiegare le motivazioni di questa provocatoria proposta, che ha ricevuto anche il patrocinio del Comune di Bergamo e dell’Azienda Trasporti Bergamo (ATB)".

Il Comitato Bergamsco per l’Abolizione delle Barriere Architettoniche è composto dalle Sezioni locali della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) e dell’ANMIL (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro), dall’Auser Provinciale, dall’ABSMPS (Associazione Bergamasca per la Sclerosi Multipla e per la Paraparesi Spastica), dall’ADB (Associazione Disabili Bergamaschi), dall’Associazione PHB-Polisportiva Bergamasca, dal Comitato “Come Noi” di Treviglio, dalla Cooperativa Sociale Aeper e dalla Fondazione Serughetti (Centro Studi e Documentazione La Porta), oltreché dai Sindacati CGIL, CISL e UIL.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da tino

    ci arrabbiamo solo quando i posti dei disabili sono occupati, così sembriamo tutti più buoni …
    arrabbiamoci sempre… anche per tutte le auto parcheggiate sulle corsie di destra delle normali vie di Bergamo, alcune con le 4 frecce lampeggianti, così fa più “sosta breve”.
    Così la circolazione rallenta, si fanno code, si inquina la città, si costringono le biciclette a spostarsi al centro … ecc. ecc.

  2. Scritto da Libero

    Per fortuna che Gori era alla Leopolda, altrimenti si potevano trovare il suo suv parcheggiato nel posto dei disabili…

    1. Scritto da paolo

      non dica così, da quando è iniziata la sua campagna elettorale per diventare sindaco ha smesso con il suo (abituale) parcheggio selvaggio.

  3. Scritto da Cris

    Bella iniziativa ,ma personalmente considerando che non ho mai parcheggiato in posti per disabili mi sarei arrabbiato se ieri non trovavo parcheggio . Forse era meglio se manifestavano dietro a macchine senza tagliando nei loro parcheggi . Cosa centrano gli onesti ?

  4. Scritto da Paola

    Bravissimi, davvero un’iniziativa intelligente

  5. Scritto da Cris

    A calcinate porche bmw e mercedes parcheggiano sempre nei posti dei disabili e i vigili fanno finta di non vedere ,o forse sono le loro macchine o degli amici

    1. Scritto da Giggi

      Numeri di targa; non sempre le solite denunce contro ignoti. Se no siamo l’Italia di sempre

    2. Scritto da BERGHEM

      Questa cosa e’ da denunciare … una bella foto con lo smartphone ed il gioco e’ fatto …