BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Variante di Zogno, i soldi della Regione (forse) a novembre fotogallery

Non il 24 ottobre, non il 27 ottobre, forse il 31, più probabile a novembre. Nonostante il pressing costante del presidente della Provincia Matteo Rossi, Regione Lombardia non ha ancora stanziato i 16 milioni necessari per completare la variante di Zogno. Via Tasso ha già fatto la sua parte: 7,8 milioni di euro garantiti in una situazione di bilancio disastrosa. Rossi: "Le ultime informazioni parlano di metà novembre come termine ultimo per concedere i 16 milioni di euro. Prima arrivano meglio è".

Non il 24 ottobre, non il 27 ottobre, forse il 31, più probabile a novembre. Nonostante il pressing costante del presidente della Provincia Matteo Rossi, Regione Lombardia non ha ancora stanziato i 16 milioni necessari per completare la variante di Zogno. Via Tasso ha già fatto la sua parte: 7,8 milioni di euro garantiti in una situazione di bilancio disastrosa (guarda l’infografica). L’ex presidente Ettore Pirovano, negli ultimi giorni del mandato, aveva avuto rassicurazioni politiche sull’impegno economico di Palazzo Lombardia dopo la notizia degli extra costi da 24 milioni di euro (leggi qui). Per ora però le promesse non si sono materializzate.

Questa settimana la Giunta non è convocata, il 27 ottobre gli assessori si occuperanno di bilancio, forse c’è uno spiraglio per il 31 ottobre. Non dovrebbero esserci sgradite sorprese per gli amministratori e gli abitanti della Valbrembana. I tempi però continuano ad allungarsi e l’azienda Itinera aspetta risposte. Tenere macchinari in cantiere comporta alti costi di gestione e per giunta senza fare nessun passo in avanti nella realizzazione dell’infrastruttura. Durante il primo Consiglio provinciale, lo scorso 16 ottobre, Matteo Rossi ha avvertito i colleghi consiglieri: “Se non arriveranno i soldi della Regione entro un mese Itinera potrebbe abbandonare il cantiere”. E a quel punto recuperare terreno sarebbe impossibile.

STORIA DELLA VARIANTE DI ZOGNO (clicca sulla timeline per visualizzare date e video)

IL COMMENTO DI ROSSI – Il presidente della Provincia Matteo Rossi fin dal primo giorno dopo l’elezione ha chiesto ai consiglieri regionali di monitorare da vicino tutti i passaggi. “Ogni tre giorni, personalmente oppure attraverso gli uffici provinciali e i consiglieri regionali, cerchiamo notizie dal fronte regione – spiega Rossi -. Le ultime informazioni parlano di metà novembre come termine ultimo per concedere i 16 milioni di euro. Prima arrivano meglio è”. Il contributo regionale straordinario potrebbe comportare una stretta dei cordoni della borsa per il prossimo anno. “Sono consapevole che questi soldi sono, per la Bergamasca, più di quanto la Regione si aspettava di stanziare nel 2014. Allo stesso tempo mi sembra che a Milano siano convinti che quest’opera sia indispensabile e vada conclusa”.

IL TRACCIATO

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lella

    avanti con ste strade che devo andare a San Pellegrino alle Terme