BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

CasaPound contro il Comune di Sarnico, “No Tasi alle banche, niente sconti alle famiglie”

“Italiano, paga e TASI”. È quanto si legge sui manifesti affissi da CasaPound Italia a Sarnico, dove il Comune ha deliberato che “in virtù del fatto che le categorie produttive sono già sufficientemente gravate dalla TARI, ritiene di non dover ulteriormente appesantire le sopracitate attività esentandole dal pagamento della TASI.”

“Italiano, paga e TASI”. È quanto si legge sui manifesti affissi da CasaPound Italia a Sarnico, dove il Comune ha deliberato che “in virtù del fatto che le categorie produttive sono già sufficientemente gravate dalla TARI, ritiene di non dover ulteriormente appesantire le sopracitate attività esentandole dal pagamento della TASI.” "Peccato – spiega CasaPound in una nota – che nelle attività produttive l’amministrazione abbia incluso anche tutti gli studi di professionisti, compresi avvocati, notai, commercialisti e dentisti, e, soprattutto, gli istituti bancari". "Come risultato – sottolinea il movimento- l’odiosa TASI graverà solo ed esclusivamente sulle spalle di famiglie e pensionati, anch’essi gravati, come le attività, dalla TARI". "La stessa amministrazione sostiene di aver applicato l’aliquota più bassa (2,2%) di tutto il circondario, ma alcuni Comuni hanno applicato tariffe inferiori e altri non l’hanno applicata affatto. A Sarnico non è stata prevista nessuna detrazione in favore delle famiglie – conclude Cpi – e delle categorie sociali già svenate dalla crisi".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da roberto

    Scusate una domanda:”ma la chiesa paga la tasi”?

  2. Scritto da stefano b.

    da anni la sinistra (vera) si erge a paladina dei più deboli contro tasse ingiuste, sfratti, licenziamenti, mobbing e via discorrendo
    magari occorre leggere qualche blog o frequentare qualche collettivo, qualche sede, qualche centro sociale.
    questi sono i soliti argomenti che strumentalizzati in maniera populista fanno breccia nelle anime inbelli a cui necessita avere qualcuno (duce o fuhrer) che gli dica cosa fare in quanto incapaci, e trovare un nemico sul quale riversare il loro malessere.

    1. Scritto da Già schifata.

      Sono d’accordo, è la solita minestra. La crisi è colpa del liberismo internazionale sostenuto dal PD/FI, poi ci sono i liberisti nazionali che ti dicono che la colpa è degli immigrati o dell’Euro, scambiando effetti per la causa.
      Mi spieghino i fascisti del prossimo millennio perché quindi si alleano con la Lega, come abbiamo visto sabato a Milano, che ha votato tutti i trattati da Lisbona in poi che sono i veri responsabili della miseria e tasse che ci piovono addosso?

      1. Scritto da Daniele

        Guarda che più che del liberismo (che all’umanità ha fatto più male delle epidemie e della minaccia nucleare messe insieme, lo riconosco) la colpa è dell’ignoranza e della regressione dell’intelligenza, dell’erudizione e dell’istruzione di base. Di crisi dal dopoguerra ad oggi ce ne sono state parecchie, eppure mai come in questo momento alla gente sembra aver dato di volta il cervello. Boh.

  3. Scritto da fiore inbocca

    bravi i fascistidelterzomillenio, sempre sul pezzo e sempre arguti! infatti sullo striscione scrivono “ITALIANO: PAGA E TASI” ma lo slogan, che probabilmente farà breccia nel popolo, non c’entra ASSOLUTAMENTE NULLA con quello che lamentano. A me non risulta che a sarnico le banche, le attività produttive, gli studi dentistici e notarili siano in mano ai tanto odiati stranieri… magari sbaglio io.

  4. Scritto da mario59

    La protesta è indubbiamente condivisibile, ma usata per mimetizzare anche se male, chi ci sta dietro.

    1. Scritto da lorellini

      e chi si vuol mimetizzare secondo te? la logica della dietrologia uccide il pensiero libero! La protesta mi sembra chiara, il tema pure, il manifesto è firmato, o sei d’accordo sull’idea o non sei d’accordo, a prescindere da chi l’ha avuta.

      1. Scritto da mario59

        Non finga di non capire…dietro a quel pensiero ci sta l’estrema destra, molti dei quali, nostalgici del ventennio fascista.. altro che pensiero libero…trattasi di gente e movimenti pericolosi per la società, sono dei virus che quando prendono il potere, uccidono la democrazia.

        1. Scritto da lorellini

          io avevo ben capito e non sono per nulla preoccupato di chi ha delle idee e le esprime in modo chiaro mostrando la propria faccia. La storia del fascismo pericoloso credo che ce l’hanno raccontata abbastanza dalle elementari in avanti……nel frattempo siamo cresciuti anche noi e ci siamo fatti un’opinione e abbiamo capito che la ragione e il torto non stanno mai tutti da una parte

        2. Scritto da Franco

          La democrazia è già uccisa da governanti affamati di potere e denaro. Non vedere il demonio nella sinistra o nella destra: vedilo nei dati oggettivi di chi depreda il popolo che non è per niente sovrano.